Salvini lancia la sfida al Califfo: "Pronto a partire per la guerra"

Il leader della Lega Nord pronto anche ad arruolarsi nell'esercito: "Ho fatto un anno di servizio militare nel '95, ma farei tutto quello che bisogna fare"

Salvini lancia la sfida al Califfo: "Pronto a partire per la guerra"

"Guerra all'Isis? Sono pronto a partire anch'io". Anche Matteo Salvini è pronto a partire per la guerra. "Ho fatto un anno di servizio militare nel '95, ma farei tutto quello che bisogna fare - dice il leader della Lega Nord alla Zanzara - anche andare a combattere. Speriamo che non ci sia bisogno. Ma io ci sono".

"Chi dice no alla guerra all’Isis è come i collaborazionisti durante il nazismo". Dopo i sanguinari attacchi di Parigi, Salvini chiede al governo Renzi e, più in generale, ai governi dell'Unione europea di opporsi duramente allo Stato islamico e al fondamentalismo islamico. "Il crocefisso va reso obbligatorio nelle scuole - dice ancora Salvini - soprattutto per un fatto identitario, lo diceva anche Benedetto Croce. L’integrazione è possibile solo se la cultura che ospita è orgogliosa e forte". "Il velo - aggiunge ancora - va vietato, lo dice anche uno dei migliori giudici che c’è in Italia come Carlo Nordio. La legge c’è, basta farla rispettare. A Milano è pieno di persone di cui vedi solo la fessura negli occhi. Non si può". E il leader lumbard ricorda come, sabato scorso, il cosiddetto "islam moderato" abbia preferito andare a fare shopping anziché scendere in piazza contro il terrorismo islamico: "A Roma erano in tredici, una folla oceanica...". E ai conduttori della Zanzara che gli chiedono se il Corano sia un testo violento, Salvini non ha alcun dubbio: "Sicuramente si. Io l’ho letto. Fino a quando in nome del Corano si ammazza, nessun insegnamento del Corano nelle scuole italiane. Mai in mano a un bambino. E no alla società multirazziale, altrimenti finiamo come in Belgio".

Commenti

Spiacenti, i commenti sono temporaneamente disabilitati.