Schulz, veleno su Tajani e Cav: "Suo amico politico non è mio"

Ieri sera il passaggio di consegne formale tra Schulz e Tajani al Parlamento Ue. L'attacco del tedesco a Berlusconi

Schulz, veleno su Tajani e Cav: "Suo amico politico non è mio"

Martin Schulz non perde l'occasione per attaccare l'Italia e Silvio Berlusconi. Anche in un momento importante come la nomina di Antonio Tajani alla presidenza dell'Europarlamento. "Ho cominciato a lavorare con Tajani nel 1994 - ha detto il tedesco - e la nostra relazione è stata caratterizzata da momenti più o meno felici: e il suo migliore amico politico non è certo il mio". Un attacco frontale a Silvio Berlusconi con cui, in più di un'occasione ha avuto da ridire.

Le ruggini sono antiche. Bisogna tornare indietro al 2 luglio di quattordici anni fa quando Schulz attaccò gli alleati del Cavaliere, con un paragone azzardato tra Umberto Bossi e l'austriaco Jörg Haider, e criticò lo stesso Berlusconi per l'immunità. "Il virus del conflitto di interessi che sta umiliando la democrazia italiana - aveva detto - rischia di espandersi anche a livello europeo". Al tempo il leader di Forza Italia lo aveva zittito con una batturta: "So che in Italia c'è un produttore che sta montando un film sui campi di concentramento nazisti: la suggerirò per il ruolo di kapò". Da allora Schulz non ha mai perso occasione per attaccare Berlusconi e per mettere voce sugli affari italiani. Anche ieri, dopo la nomina dell'azzurro Tajani, non si è risparmiato un colpo basso di cattivissimo gusto.

Ieri sera, subito dopo la nomina, Tajani e Schulz si sono scambiati ringraziamenti e auguri durante il passaggio di consegne formale al Parlamento europeo di Strasburgo. Anziché deporre le armi, però, il tedesco non ha perso l'occasione per un'entrata a gamba tesa che farà sicuramente discutere: "Ho cominciato a lavorare con Tajani nel 1994 e la nostra relazione è stata caratterizzata da momenti più o meno felici: e il suo migliore amico politico non è certo il mio". Poi, però, ha sottolineato: "Questo non ha impedito la nostra stretta collaborazione all'interno dell'istituzione".

Negli ultimi anni Tajani è stato il primo vicepresidente del Parlamento europeo. Quanto al nuovo presidente, ha definito "un grande piacere lavorare con Martin: pur appartenendo a famiglie politiche diverse, abbiamo collaborato e mi auguro che questa collaborazione proseguirà anche in futuro, quando Schulz avrà un incarico sicuramente importante in Germania". Tajani ha, infine, ringraziato il predecessore sottolineando il ruolo nel rafforzamento il Parlamento.

Commenti