Scuola, ennesima pagliacciata "Il distanziamento non serve"

Il Cts: "Se non c'è spazio, per i primi mesi non necessario il metro fra i banchi". Presidi e sindacati, ira sulle regole

Cruscotto e piano scuola, mascherine solo in piedi, banchi a rotelle, lezioni in corridoio e negli androni, carenza di docenti e collaboratori scolastici. E sull'insufficienza di spazi e distanziamento? Nessun problema, il Comitato tecnico scientifico garantisce che se non c'è un metro di distanza tra alunno e alunno non fa niente, basta indossare la mascherina.

E con altrettanta sicumera alleggerisce altri diktat liberando il ministro all'Istruzione Lucia Azzolina e il commissario all'emergenza Covid Domenico Arcuri da tutte le incombenze: banchi che non arriveranno in tempo, aule non pronte, tensostrutture non allestite, e comuni e province senza spazi alternativi dove ospitare nuove classi. Basterà quindi che i dirigenti scolastici usino pochi accorgimenti compresi i banchi a due posti pur di posizionare gli alunni dal lato corto: uno di fronte all'altro e invitarli a lavare le mani, indurre i docenti ad areare i locali. Questa la sequela di contraddizioni che caratterizzano l'avvio del prossimo anno scolastico targato governo giallorosso. La sfida è aperta.

«Ora che il commissario Arcuri ha reso noto gli undici vincitori del tanto discusso bando sui nuovi banchi monoposto, sappiamo che si tratta per la maggior parte di raggruppamenti di aziende italiane. L'unica buona notizia, visto che le condizioni imposte dal bando rischiavano di lasciar fuori proprio i nostri imprenditori - commenta Valentina Aprea (FI), membro della commissione Cultura a Montecitorio e già sottosegretario al Miur che rimarca - in attesa di conoscere di più delle altre aziende straniere, rileviamo che la consegna dei banchi non avverrà dappertutto in tempo per l'inizio dell'anno scolastico, ma entro fine ottobre e quindi i dirigenti e i docenti dovranno letteralmente arrangiarsi, con il ritorno a scuola di 8 milioni di studenti. Il presidente del Consiglio Conte farebbe bene a seguire di persona le operazioni di questi ultimi giorni di agosto. Si avvicina una tempesta perfetta organizzativa e amministrativa». E il motivo appare chiaro: «Perfino il commissario Arcuri - prosegue la parlamentare azzurra - ha dovuto ammettere in queste ore che l'organizzazione della gara si sarebbe potuta anticipare di almeno due mesi, evitando disguidi alle scuole e soprattutto acquisti non coerenti».

Già, ma ormai il dado è tratto per «colpevole attendismo del ministero dell'Istruzione e per il ritardato intervento del Governo» è la chiosa di Aprea. L'aggiudicazione dell'appalto per i nuovi arredi ha scatenato anche i sindacati che nei giorni scorsi si sono incontrati più volte con la ministra Azzolina. «Al contrario registriamo che - afferma Rino Di Meglio coordinatore della Gilda degli Insegnanti - scuole ed enti locali stanno procedendo in modo autonomo e lamentano i ritardi del ministero». E ancora: «Si nasconde sulla polemica banchi il nodo politico principale: non investire strutturalmente sul sistema di istruzione» taglia corto Pino Turi, segretario generale Uil Scuola. Quegli spazi saranno infatti necessari a ospitare i nuovi banchi, ammesso che arriveranno per tempo, ma soprattutto dovranno garantire il metro di distanza tra uno studente e un altro». E sul rispetto del distanziamento entra a gamba tesa anche il sindacato dei presidi, l'Anp, che chiama in causa non tanto ministero e commissario Arcuri quanto gli enti locali: «Almeno il 30% istituti non sa come gestire la situazione. Lo slittamento della consegna banchi aggrava il quadro sostiene Mario Rusconi dell'Anp - chiediamo ad Anci e Upi di sollecitare i loro iscritti».

L'ultimo fronte aperto nella scuola dell'emergenza Covid-19 è quello sull'informazione relativa alla negativizzazione degli alunni. Si potrebbe risolvere secondo l'Anief, l'associazione insegnanti e formatori, con la necessità di una commissione ad hoc per ogni istituto. Tornando a qualche settimana fa è facile ricordare che Lucia Azzolina aveva parlato di voler ritornare all'inserimento del medico scolastico come negli anni '70.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Ven, 14/08/2020 - 10:12

uuuahhhuahhhhuahhhhh.i babbei che comandano.....

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 14/08/2020 - 10:14

"Se non c'è spazio, per i primi mesi non necessario il metro fra i banchi"...infatti,quwsti geni avviseranno il virus tramite..pec,di fermarsi per tale periodo!!!ari..uuaahhhuuahhhhuahhhhhhh

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 14/08/2020 - 10:29

buffoni! ma questo allora contraddice con le altre notizie sui distanziamenti .... per esempio sulle spiagge.... :-) ne vedremo di belle! ma queste cose a conte, a mattarella, a zingaretti, a di maio, non gliene frega assolutamente NULLA!!! ma voi, babbei comunisti grulli, invece di prendervela con questi, ve la prendete con salvini, con berlusconi, con meloni!!! ma si può essere piu stupidi di cosi? :-)

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 14/08/2020 - 10:46

Egregio bandog, creo piuttosto useranno una casella di posta standard sbagliata od inesistente... Voglio proprio vedere bambini di eta' scuola primaria ad usare per 5 ore consecutive una mascherina, per non parlare delgi adolescenti, che sono ribelli di natura.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 14/08/2020 - 10:50

Speriamo che la ministra della “distruzione” intellettuale dei ragazzi che frequentano le scuole abbia finito di organizzare le nuove aule con banco unico, distanziato di almeno 1 metro dal più vicino. Un compito difficile che impone di mandarla subito a riposare, ma lontano dalle scuole, luoghi a lei inadatti

scurzone

Ven, 14/08/2020 - 11:18

Ultima perla di una incompetente. Invece di fare inutili proclami sarebbe stato auspicabile un suo coinvolgimento nella gestione delle precauzioni del caso. Ministro si dimetta per favore.

roseg

Ven, 14/08/2020 - 11:19

Con la azzolina, dalla padella nella brace.

Duka

Ven, 14/08/2020 - 11:35

ma allora i nuovi banchi non servono più? E quelli ordinati che cosa ne facciamo li buttiamo ? Tanto paga pantalone? Se invece valesse PER TUTTI la regola del CHI SBAGLIA PAGA DI TASCA PROPRIA, state certi che di “azzoline” tra i piedi non ce ne sarebbe alcuna e l’Italia andrebbe molto meglio.

Totonno58

Ven, 14/08/2020 - 11:51

Qui la Azzollina non c'entra nulla, anzi farebbe bene a fregaresene,di quello che dice il CTS...ci stanno martellando sulle 3 regole da seguire (mascherina, distanziamento ed igiene alle mani) ed ora se ne vengono con "se non c'è spazio la seconda norma si può violare"?!?

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 14/08/2020 - 12:21

ma siamo sicuri che la donna nella foto stia bene ???

amicomuffo

Ven, 14/08/2020 - 13:29

deficitari all'ennesima potenza....quando è che scenderanno dal loro trono dorato? Ah, si, quando la nazione sarà implosa!

Ritratto di ..andraTuttoA...

..andraTuttoA...

Ven, 14/08/2020 - 14:04

una minestra così non si era mai vista, persino ini TaGlia, la minestra fedela impallidisce al confronto

titina

Ven, 14/08/2020 - 14:49

Se le distanze non servono in classe non servono neppure fuori. Non è che il virus entra nelle discoteche e non entra in classe.

Gio56

Ven, 14/08/2020 - 14:57

Totonno58,questa volta sono con Lei,d'altronde se non vado errato un pm che segue le denunce di Conte già ha setenziato che il parere del CTS non è vingolante.( a proposito che ci stà a fare il CTS a questo punto)

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 14/08/2020 - 15:06

Gentile titina, lo scopo e' quello di evitare ad ogni costo elezioni e manifestazioni di cittadini esasperati dalle imposizioni incostituzionali ed in parte disumane di questo governicchio. Tutto il resto passa in secondo piano. anzi, se una decisione incrementa la possibilta' di estensione del contagio, temo per loro sia positiva, purche' al momento zero semri una decisione ragionevole.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 14/08/2020 - 15:08

Distanziamento obbligatorio...salvo intese eheheheheheheh!

ROUTE66

Ven, 14/08/2020 - 16:35

Possibile che la Sig MINISTRA non si accorge che cambiando parere quasi ogni giorno,NON fa che confermare i SUOI LIMITI. Se NON ce la fa da sola QUALCUNO L"AIUTI

Ritratto di 0071

0071

Ven, 14/08/2020 - 16:52

Basterebbe usare la mascherina in modo appropriato.

marinlu

Ven, 14/08/2020 - 16:54

La scuola è ed è sempre stata una cenerentola. Chi opera nel campo si fa trattare da cenerentola. Il problema della riapertura in sicurezza sta nel mancato rispetto delle regole da parte di studenti e genitori : è ridicolo demandare ai genitori la misurazione della temperatura e gli adolescenti sono, per la loro età ribelli al rispetto delle regole, se non mettono la mascherina e tossiscono e se vengono con la febbre quale sarà la conseguenza per loro? Nessuna . Però conseguenza di questo potrebbe essere la condanna a morte di una povera cenerentola di docente . Insomma più rispetto e considerazione per la scuola consentirebbe di finirla con tutte queste diatribe, il rispetto delle regole per la salvaguardia di tutti è l’unica cosa sensata che va ribadita in tutti gli ambiti per superare questa crisi.