Sondaggio: Pd perde un punto, Forza Italia sale. Ancora male Renzi

L’analisi di Ixé per Cartabianca fotografa la Lega al primo posto ma in calo. Male i dem e Italia Viva, su M5s, Fdi e FI

Sondaggio: Pd perde un punto, Forza Italia sale. Ancora male Renzi

Il sondaggio di metà settimana, quello come da consuetudine realizzato dall’istituto demoscopico Ixè per Cartabianca, la trasmissione condotta da Bianca Berlinguer su Rai Tre, porta con sé alcune novità e conferma alcune certezze.

Iniziando proprio dai punti fermi, dalla rilevazione elettorato sul campione rappresentativo della popolazione italiana emerge come il centrodestra sia maggiorana nel Paese. Un’eventuale coalizione a tre costituita dalla Lega di Matteo Salvini, da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e da Forza Italia di Silvio Berlusconi sarebbe in grado di intercettare il 46,3% dei voti degli italiani, staccando non di poco l’asse giallorosso Movimento 5 Stelle e Partito Democratico, fermo sotto al 40%.

Venendo ai dati dei singoli partiti registrati dal sondaggio, il Carroccio è in tendenza negativa e anche questa settimana cede qualcosa (lo 0,3%), ma con il 24,6% delle preferenze si conferma essere la prima formazione del panorama politico tricolore.

Alle spalle della compagine leghista ecco il Pd di Nicola Zingaretti: in sette giorni i dem perdono praticamente un punto percentuale (-0,9%) e calano così al 22% tondo-tondo.

In timida risalita i pentastellati di Beppe Grillo e attualmente guidati dal reggente Vito Crimi: i grillini, infatti, guadagnano un decimo di punto e salgono dal 16,8% al 16,9%, tornando così a sfiorare il 17% dei consensi, che è comunque sostanzialmente la metà di quel 33% preso alle Politiche del 4 marzo 2018.

Poi ecco FdI, in un ottimo momento di forza: il partito di Meloni va su dello 0,4% e supera il 14%, attestandosi al 14,2% dei favori.

Buona performance anche di Forza Italia, visto che gli azzurri di Silvio Berlusconi crescono dello 0,3% e toccano il 7,5% delle intenzioni di voto in questo sondaggio.

Al 3% La Sinistra (+0,2% sulla precedente rilevazione di settimana scorsa), mentre rimane stabile al 2,6% in modo deludente Italia Viva: il partito centrista creato da Matteo Renzi alla fine dell’estate 2019 non riesce proprio a convincere l’elettorato.

Al 2,1% delle preferenze Emma Bonino con la sua Più Europa, mentre al 2% tondo-tondo (+0,9%) c’è Azione di Carlo Calenda, che si mette alle spalle Europa Verde all’1,8%. Tutti gli altri partiti messi insieme rappresentano il 3,3% dell’elettorato.

Infine, il sondaggio si chiude con il volume degli indecisi e degli astenuti, che sono il 40,2% dell’elettorato italiano.

Commenti