Il prof anti-Meloni fa litigare Lega e Azzolina

Nuova polemica tra il sottosegretario leghista e l'ex Ministro dell'Istruzione, accusata di aver inserito Simon Levis Sullam nella commissione sulla Storia

Il prof anti-Meloni fa litigare Lega e Azzolina

Ora tutti scaricano Simon Levis Sullam, il docente di Storia contemporanea dell'Università Ca' Foscari di Venezia che ha postato una foto dei libri di Giorgia Meloni a testa in giù. Dopo la presa di distanze della rettrice Tiziana Lippiello, il docente è finito al centro di un nuovo round politico nello scontro tra il sottosegretario del Ministero dell'Istruzione Rossano Sasso e l'ex Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina. I due erano già venuti "a contatto" quando la Azzolina chiese a gran voce al suo successore, Patrizio Bianchi, di revocare l'incarico di consulente assegnato da Sasso al prof. Pasquale Vespa, che la Azzolina definisce suo stalker.

Ora i ruoli si ribaltano, col sottosegretario leghista che accusa la Azzolina di aver arruolato come consulente proprio l'accademico a cui diverte l'immagine di Giorgia Meloni a testa in giù.
"Levis Sullam sarebbe stato chiamato a gennaio scorso dall'ex ministro Azzolina come esperto e componente della commissione incaricata di rivedere la didattica della storia per le scuole. Quasi superfluo sottolineare come la condotta di un individuo del genere non sia compatibile con un ruolo tanto delicato", dice Sasso.

La commissione a cui si riferisce il vice-ministro è stata ideata dalla Azzolina e rilanciata da Bianchi. Sarà capitanata dallo storico Andrea Giardina e dovrà riformare la didattica della storia per tutte le classi. Per questo, secondo Sasso, sarebbe grave se tra i membri ci fosse un profilo tutt'altro che superpartes come Levis Sullam. La Azzolina, tuttavia, respinge al mittente tutte le accuse e sui suoi social spiega: "Ennesima polemica inventata dal sottosegretario Sasso. Mi accusa di aver portato al Ministero dell’istruzione, con un incarico da consulente e come componente della commissione sulla Storia, il docente che ha postato una foto dei libri di Giorgia Meloni a testa in giù. Non condivido quel comportamento, ma la questione è un’altra ed è molto semplice: non ho mai conferito alcun incarico da consulente, come asserisce il Sottosegretario amante di Dante, o meglio, di Topolino, né formalizzato alcun decreto istitutivo della commissione ministeriale sulla Storia, ufficialmente istituita invece solo pochi giorni fa".

Insomma, tutti disconoscono Levis Sullam.