Zapata eroe dell'aria: sfida vinta sulla Manica. Ora la macchina volante

Al secondo tentativo riesce a rifornirsi e ad attraversare il Canale con il Flyboard

Parigi - A 110 anni dalla storica trasvolata della Manica di Louis Blériot, c'è un nuovo eroe dell'aria: Franky Zapata, il campione francese di jet-ski, noto come l'uomo volante. Ieri mattina il pilota e inventore 40enne di Marsiglia è riuscito ad attraversare il canale con il suo Flyboard. Dieci giorni dopo il primo tentativo fallito entra nella storia con un volo di 20 minuti.

Come è arrivato alla conquista dell'aria? La sua curiosa tavola, progettata da lui stesso «è un prodotto magico», dice in conferenza stampa poco dopo l'impresa. «Le persone sognano di volare, abbiamo aspettato tutti l'Hoverboard di Marty McFly per il 2015 (lo skateboard volante di Ritorno al Futuro, ndr). «Non ce l'avevamo, quindi ne abbiamo creato uno», racconta con un certo orgoglio.

Aveva già stupito il 14 luglio durante la parata militare di Parigi in ricordo della Presa della Bastiglia, davanti al presidente francese Emmanuel Macron e a una dozzina di politici europei; compresa Angela Merkel che gli aveva fatto pervenire i complimenti.

Ma l'impresa di sorvolare la Manica era rimasta un sogno fino al primo tentativo fallito. Il motivo? La poca durata del carburante. La benzina per tenerlo in volo è infatti sufficiente solo per 10 minuti. A circa metà tragitto, ieri Zapata è dunque atterrato su una piccola imbarcazione, ha fatto rifornimento ed è ripartito. Il passaggio più delicato, definito «difficile» dallo stesso pilota. «A un certo punto hanno iniziato a bruciarmi le gambe, ma quando ho visto la Gran Bretagna avvicinarsi ho tentato di godermela senza pensare al dolore». Un punto debole, l'autonomia, che aveva determinato il fallimento della prima tentata traversata il 25 luglio: mentre tentava di planare per rifornire, Zapata cadde in acqua.

Decollato da Sangatte alle 6.17 (costa francese vicino Calais), ieri è invece atterrato 20 minuti dopo a St. Margaret's Bay, a Dover, completando i 35 chilometri a una velocità media di 140 km l'ora e a un'altezza di circa 15-20 metri sull'acqua. Blériot, superata la scogliera, scese da 20 metri e atterrò pesantemente. Il carrello motore si sfasciò e ruppe l'elica. Ma entrò comunque nella storia. Impiegò 36 minuti ad attraversare la Manica a una media di 64 chilometri orari. Zapata l'ha battuto, percorrendo il tragitto in 20 minuti.

«Il canale è stato sorvolato! L'Inghilterra non è più isolata». Così titolavano i quotidiani britannici 110 anni fa, anche se in realtà la traversata aerea della Manica era già stata compiuta da un aerostato, il 7 gennaio 1785, per merito del pilota francese Jean Pierre Blanchard accompagnato dallo statunitense John Jeffries. Il Flyboard di Zapata è invece un ibrido che diventa tutt'uno con l'uomo. Una pedana mossa da 5 propulsori, ognuno dei quali in grado di sprigionare una potenza pari a 250 cavalli, che può arrivare a toccare i 190 chilometri orari. La gestione della «tavola» è delegata a un controller impugnato dal pilota, il quale indossa uno speciale zaino con all'interno il carburante.

Secondo Zapata, solo per imparare a stare in equilibrio sul Flyboard servono dalle 50 alle 100 ore di pratica. Ma l'inventore-pilota è già pronto a una nuova sfida: «Ho la mia macchina volante da finire, deve uscire prima della fine dell'anno, quindi torneremo a casa, faremo una piccola vacanza e poi, con tutta la squadra, torneremo in pista affinché sia pronta in tempo».

Se quella di Blériot fu un'impresa temeraria, la tecnica di Zapata è all'avanguardia, al pari delle ultime invenzioni militari. «L'uomo volante» sembra infatti uscito da un film della saga Marvel. Se non un Avenger, Zapata con il suo Flyboard è comunque qualcosa di straordinario.

Blériot era su un monoplano rudimentale, progettato dal francese Raymond Saulnier che rivoluzionò le regole dell'aeronautica compiendo il 25 luglio 1909 la prima traversata. Suscitò una certa invidia anche nel Belpaese, con Gabriele D'annunzio che volle provare il suo monoplano in una rassegna in Italia qualche settimana dopo. Nel '29, a vent'anni della sua impresa, Blériot sorvolò nuovamente La Manica con lo stesso apparecchio. Ormai un pezzo da museo di fronte all'idea di «uomo volante». Che punta ora «a 2 mila metri sopra le nuvole».

Commenti

roseg

Lun, 05/08/2019 - 09:21

Annamo bbene, proprio bbene, così ora oltre ad una banda di deficienti che ti investono a bordo di una moto o di un’auto avremo anche tra qualche anno gli idioti volanti, magari fatti e strafatti, che ti cadranno addosso con una bomba di benzina sulle spalle. Evviva il progresso.

siniscalcocacciatore

Lun, 05/08/2019 - 10:52

Grandissima impresa, come dice l'articolo più di cento anni fa ci riuscimmo con l'aereo, ora con un uomo volante. Incredibile dove sta arrivando la tecnologia. Chi critica queste cose è lo stesso che 100 anni fa criticava scoperte come auto,aereo,elettricita. vabbe l'ignoranza non si evolve mai...

roseg

Lun, 05/08/2019 - 18:31

siniscalcocacciatore 10.52 Uno che si presenta con un nick come il tuo ahahahahahahah servo della gleba. Ma tornando a cose serie la supercazzora la preferisci con scappellamento a destra o a sinistra.