Putin svela il piano per salvare la Siria di Bashar al-Assad

Il presidente annuncia che Asssad è disposto a convocare elezioni anticipate e a condivire il proprio potere con un'opposizione "sana"

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha assicurato che il collega siriano, Bashar al-Assad, è disposto a convocare elezioni anticipate e a condividere il potere con l’opposizione "sana". Il capo del Cremlino ha spiegato che Assad ha concordato con lui che "cambiamenti politici sono necessari" in Siria.

"Il presidente siriano è d’accordo al punto da voler tenere elezioni anticipate e da avviare contatti con la cosidetta opposizione sana per coinvolgerla nel governo", ha spiegato il leader della Russia, alleato di ferro del regime siriano. Le ultime elezioni politiche in Siria si sono svolte nel maggio 2012 e le prossime sarebbero programmate per il 2016.

Putin ha assicurato che Mosca è "pronta a facilitare questo dialogo all’interno della Siria". Il presidente russo ha affermato che la fuga dalla Siria che alimenta l’emergenza migranti in Europa è stata causata "dalle atrocità commesse dall’Isis e non da Assad".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Squalo2

Ven, 04/09/2015 - 16:09

sicuramente il piano sarà bocciato senza appello dai guerrafondai USA e relativi stati sodali

Ritratto di drazen

drazen

Ven, 04/09/2015 - 21:23

Prima si elimina l'Isis e meglio è. Poi elezioni controllate in Siria e se necessario Assad in esilio.