Preti sposati, niente rivoluzione. La marcia indietro del Vaticano

Il Papa chiude all'ipotesi di ordinare persone sposate: "Solo i preti possono celebrare ed assolvere". Piccole aperture per i laici, ma niente "rivoluzione progressista"

"Querida Amazonia" è stata pubblicata e Papa Francesco ha centrato l'esortazione post sinodale sul tema dell'ecologia.

Non vi sono aperture sui "preti sposati" o sui "viri probati". Un articolo centrale è quello in cui il Santo Padre afferma quanto segue: "Nelle circostanze specifiche dell’Amazzonia, specialmente nelle sue foreste e luoghi più remoti, occorre trovare un modo per assicurare il ministero sacerdotale. I laici potranno annunciare la Parola, insegnare, organizzare le loro comunità, celebrare alcuni Sacramenti, cercare varie espressioni per la pietà popolare e sviluppare i molteplici doni che lo Spirito riversa su di loro". I laici devono diventare protagonisti, dunque. Ma non è possibile alcuna omologazione con le specifiche appartenenti al ceto ecclesiastico. "Solo i preti possono celebrare ed assolvere": questa è la frase simbolo del documento. A riportarla, tra gli altri, è stata l'Adnkronos.

Il Papa ha domandato agli episcopati di pregare per le vocazioni. Rimane la consapevolezza di dover sanare un problema relativo ai numeri dei sacerdoti. E nel testo si chiede pure di pensare di più all'Amazzonia quale luogo di destinazione delle persone appena consacrate. Ma di "preti sposati" non c'è traccia. C'è spazio invece per le spinte volte alla realizzazione di un "sogno ecologico". L'ex arcivescovo di Buenos Aires continua a privilegiare le periferie "economico-esistenziali" per mezzo della sua pastorale. Le donne, poi, devono poter ambire ad incarichi di vertice nella Chiesa cattolica, ma Jorge Mario Bergoglio - com'era prevedibile - non ha aperto all'ipotesi d'istiutire un diaconato femminile. I progressisti hanno perso. Il Papa non ha assecondato un disegno riformistico, che sembrava cosa fatta.

Nel corso di queste settimane, gli ambienti ecclesiastici hanno dato vita ad un'aspra contesa dottrinale. Dal profondo del nostro cuore, il libro di Benedetto XVI e Robert Sarah, si è inserito con decisione all'interno del dibattito riguardante l'abolizione del celibato sacerdotale. Il duo conservatore - com'è noto - è contrario alla soppressione di una regola che non è dogmatica ma che è consolidata alla stregua di una "grazia di Dio". I progressisti continuano a spingere affinché quella prassi ecclesiastica venga rivista. Il "concilio interno" dei vescovi tedeschi potrebbe addirittura deliberare in autonomia sul celibato.

La partita è complicata: ne va del futuro del cattolicesimo. "Querida Amazonia", insomma, era attesissima. Se non altro perché Papa Francesco era chiamato a prendere una posizione definitiva sull'eventuale riforma delle regole che disciplinano l'ordinazione sacerdotale. Se Jorge Mario Bergoglio avesse aperto ai "preti sposati" in Amazzonia, allora altri episcopati avrebbero potuto chiedere il medesimo trattamento.

Le anticipazioni di ieri avevano già fatto emergere un quadro di partenza. Il Papa, confidandosi con alcuni vescovi statunitensi, aveva smentito la presenza di una "svolta sui preti sposati". Alcune fonti tradizionaliste, nelle settimane che hanno preceduto l'emersione dei contenuti di "Querida Amazonia", avevano parlato di un "attacco" al sacerdozio per come lo abbiamo conosciuto. Ma così non è stato. L'esortazione di Francesco, forse, è stata influenzata anche dal pressing messo in atto dal suo predecessore: l'opera libraria di Sarah e di Ratzinger ha avuto un'eco internazionale. E il "fronte progressista" ha dovuto fare i conti con una "rottura del silenzio" che ha fatto parecchio rumore. Sappiamo quali siano state le presunte conseguenze interne, con il "congedo" di Monsignor Gaenswein che continua a suscitare più di qualche domanda sul "perché".

Papa Francesco - dal Vaticano lo hanno ribadito in prossimità dell'uscita di Dal profondo del nostro cuore - è contrario all'abolizione del celibato. Contrarietà che il Papa ha rimarcato anche all'interno di un libro intervista di don Luigi Maria Epicoco.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kayak65

Mer, 12/02/2020 - 12:45

DIO ESISTE (non l'avevo mai dubitato). SI E' FATTO SENTIRE E CAPIRE

newman

Mer, 12/02/2020 - 13:02

Persino i vescovi (e i laici progressisti) tedeschi, che attualmente si sentono onnipotenti, non possono decidere su cose che sono di competenza della chiesa universale, di cui la chiesa tedesca costituisce una piccolissima frazione, affetta da una perdita cronica di fede.

dagoleo

Mer, 12/02/2020 - 13:02

si così stai meglio. la prossima messa celebrala con quel copricapo in testa. ti nasconde un poco le orecchie d'asino.

newman

Mer, 12/02/2020 - 13:03

Ringraziamo il Signore e la Madonna che Francesco si é fermato sull'orlo del burrone che avrebbe inghiottito sia lui che la Chiesa.

Abit

Mer, 12/02/2020 - 13:09

Se Papa Francesco Ed altri avessero parlato meno, non ci sarebbe bisogno di fare “marcia indietro”!

Arslan

Mer, 12/02/2020 - 13:44

dagoleo (13:02) se non ti sta bene questo papa, fatti protestante...

TitoPullo

Mer, 12/02/2020 - 13:59

Ma lo vedete come si concia?Questo con la testa é ancora e rimarra' in Sudamerica...non ne é mai uscito!!Comunque cio' che mi pare strano é che eviti sistematicamente di recarsi in Argentina.....perche'??

PEPPA44

Mer, 12/02/2020 - 14:22

Il Papa del rinnovamento che non ha cambiato nulla.

APPARENZINGANNA

Mer, 12/02/2020 - 14:27

Anche io mi domando perché non va mai in Argentina: forse perché lì c'è tanta gente che lo conosce e non è il caso di "grattar la schiena alla cicala"... Quanto alla posizione assunta sull'argomento, ci sono tipi che parlano molto quando si tratta di far demagogia, ma poi raramente si assumono responsabilità in merito.

necken

Mer, 12/02/2020 - 15:32

Preti sposati e donne sacerdotesse come i Cristiani di rito Evangelico ed Anglicano, perchè noi Cattolici non possiamo accettarli?

Ritratto di computerinside

computerinside

Mer, 12/02/2020 - 15:54

San Paolo disse: meglio sposarsi che essere infuocati dalla passione. San Pietro ,primo papa ,era sposato e aveva figli. Meditate gente meditate...

Trinky

Mer, 12/02/2020 - 16:12

Ok, però non ci venite a parlare di famiglia visto che non sapete nemmeno cosa sia e quali siano i suoi problemi..........

jaguar

Mer, 12/02/2020 - 17:39

Ma non ha pensato che preti sposati significa anche meno preti pedofili in giro?

newman

Mer, 12/02/2020 - 18:45

@necken Il teologo protestante Friedrich-Wilhelm Graf, ex ordinario all'Universitá di Monaco di Baviera, discutendo il fatto che ormai nella chiesa evangelica tedesca ormai piú donne che uomini esercitino il ministero di pastori, deplorava che con la preponderanza dell'elemento femminile si diffondesse in tale chiesa un concetto di "Dio-orsacchiotto pelou, con un cattivo gusto" - "ein Kuschelgott mit schlechtem Geschmack". Ci faccia un pensierino! Aldo Maria Valli sul suo blog si augura una chiesa cattolica piú virile, che riesca a comunicare con uomini e ragazzi, ampiamente scomparsi, dopo la cresima di rito, dalla realtá ecclesiale.

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Mer, 12/02/2020 - 18:46

Niente sposati, solo pedofili.

newman

Mer, 12/02/2020 - 18:50

@computerinside Diversi apostoli erano sposati ed hanno abbandonato tutto, incluse donne e famiglia, per seguire Gesú Cristo. Il quale li loda espressamente per questo e promette loro il 100% su questa terra e la vita eterna. Mediti pure ...

newman

Mer, 12/02/2020 - 19:02

@jaguar La statistica delle polizie europee mette in chiaro che atti di pedofilia vengono commessi a danno dei minori da elementi di tutti i ceti sociali: uomini (e in misura minore donne) omosessuali ed eterosessuali, padri di famiglia e celibi - tutti sono rappresentati, come si suol dire, nelle prigioni di Sua Maestá. Il 60% di tali crimini, poi, viene commesso nell'ambiente familiare e di amici e conoscenti della famiglia. La Sua correlazione non tiene, egregio!

ziobeppe1951

Mer, 12/02/2020 - 19:58

jaguar...mi permetto sommessamente di ricordarti che, vi sono tante persone sposate che sono pedofili...e poi...i figli dei preti chi li mantiene?..lo spirito santo?

dagoleo

Gio, 13/02/2020 - 09:13

ma che peccato. ci stavamo già preparando per festeggiare un matrimonio tra due preti cattolici omosex che poi adottavano un bambino e divorziavano. il tutto in canonica. una rivoluzione sociale e culturale di portata fondamentale per affrancare l'uomo dalle sovrastrutture culturali che ne opprimono il libero pensiero. a Ciccio Pasticcio, a ciabattò, un'occasione persa che avrebbe potuto elevarti nell'empireo della storia. ma puoi sempre ripensarci.