Renault, tante novità e una rete dedicata Kangoo anche elettrico

Basa il proprio successo sull’ampiezza e qualità dell’offerta, nonché dei servizi a essa collegati. La Divisione veicoli commerciali Renault, precisa Giovanni Portanova, group product manager Lcv (Light commercial vehicles), «offre una gamma concepita per coprire non solo le esigenze standard, ma anche quelle specifiche di ogni cliente. Grazie al lancio, nel 2010, dei tre modelli Nuovo Master, Trafic Model Year 2010 e Kangoo Express Maxi, siamo in grado di soddisfare qualunque richiesta venga dal settore professionale e di rappresentare la soluzione funzionale, con volumi di carico tra 2 e 22 metri cubi e la disponibilità di un grande ventaglio di personalizzazioni e allestimenti».
Sono, come detto, le dimensioni del listino prodotto a distinguere la casa francese all’interno del mercato specifico, con proposte «su misura». «Il marchio - riprende Portanova - conquista la fiducia grazie sia all’affidabilità meccanica sia al sistema di soluzioni, pratiche ed efficaci, dedicate alla clientela professionale. Proprio in tale prospettiva è stato strutturato il programma Renault Pro+, una rete commerciale che segue la logica dell’one stop shop (tutto sul posto). Prevede una specializzazione di alto livello e coinvolge a 360° il business della concessionaria». Non è, tuttavia, l’unico strumento messo a disposizione dei componenti il network di distribuzione e assistenza. «Attraverso il Centro nazionale veicoli commerciali Renault, inaugurato di recente presso il Centro agroalimentare di Guidonia, il marchio offre alla propria rete di concessionarie un sostegno tecnico e commerciale, animando al contempo gli allestitori nazionali autorizzati. Il Centro rappresenta la vetrina del nostro know-how in tema di veicoli di serie ed allestiti». In Italia il peso in termini di volumi della Divisione Lcv di Renault è pari a circa il 10%, dato che si raddoppia a livello di fatturato. «La realtà locale - dice Portanova - è sicuramente differente rispetto al resto d’Europa, non solo per le caratteristiche geografiche ma anche per la presenza di costruttori nazionali. Degli ultimi anni, il 2009 è stato il più difficile a causa di un generale contesto di crisi. I volumi, circa 100mila unità, hanno garantito il 5,3% di quota di mercato. Nel primo quadrimestre abbiamo assistito a una crescita delle immatricolazioni dovuta principalmente all’importante coda di portafoglio determinata in gran parte dagli ecoincentivi. La quota di Renault è salita al 5,8%, ma contiamo di continuare su un trend di crescita». La stima si collega al già annunciato lancio di Nuovo Master e parla di una chiusura del 2010 «in linea, attorno a 180mila unità totali», nonché di un ultimo quadrimestre in tutta evidenza.
È un risultato a cui contribuiranno i modelli che sposano la sensibilità francese verso la tematica ambientale, concetto che per Portanova sta prendendo sempre più piede. «La strategia del gruppo ha come obiettivo, tra gli altri, quello di proporre soluzioni più ecologiche e accessibili. La strada intrapresa, cominciata con l’introduzione della label Renault eco², oggi estesa alla gamma di veicoli commerciali, vede la sua naturale evoluzione nello sviluppo della mobilità basata sulla tecnologia del motore elettrico a zero emissioni. Già nel primo semestre 2011 sarà commercializzata una versione totalmente elettrica di Kangoo Express. Dotato di un’autonomia di 160 chilometri e di un volume di carico di 3 metri cubi, sarà essenzialmente destinato a un utilizzo in città e in ambito periurbano».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti