Rom e stupri, la Moratti attacca il governo

Il governo fa «orecchie da mercante». Mentre il vicepresidente della Commissione Ue alla Giustizia Franco Frattini promuove il patto di legalità tra il Comune e i rom di via Triboniano come un modello da esportare anche negli altri Paesi attraverso una legge europea, il sindaco Letizia Moratti fa sapere che la richiesta di trasformare quello stesso patto in una norma nazionale, affidata venerdì scorso al ministro per la Solidarietà sociale Paolo Ferrero perché la trasmettesse al governo, per ora non ha ricevuto risposta. Ma non è la sola emergenza che fa sentire Milano sola in una battaglia difficile.
Dopo lo stupro di gruppo avvenuto due giorni fa a Pioltello, Letizia Moratti si è detta «fortemente preoccupata, non capisco perché un provvedimento importantissimo come il disegno di legge presentato dal ministro per le Pari opportunità Barbara Pollastrini non sia ancora stato approvato». Il documento, ricorda il sindaco, «nasceva proprio da una richiesta avanzata dalla città di Milano, abbiamo lavorato (...)
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.