Roma, giovane musicista pestato a pugni e calci E' stato "punito" per aver fatto degli schiamazzi

Il giovane si era esibito con sei amici in un locale nel quartiere Monti. Dopo essere stati minacciati da un residente che era sceso in strada con la frusta, intorno alle 2 quattro aggressori hanno pestato il musicista che ora è in ospedale in gravissime condizioni

Roma, giovane musicista pestato a pugni e calci 
E' stato "punito" per aver fatto degli schiamazzi

Roma - Brutalmente pestato a calci e pugni per la sua musica. La vittima dell’aggressione avvenuta tra sabato e domenica in pieno centro è Roma è un musicista: si trovava in compagnia di altri sei amici con i quali si era esibito in un locale nel quartiere Monti. Poco prima del pestaggio il gruppo di ragazzi era stato minacciato da un residente della zona che era sceso in strada con una frusta lamentandosi di alcuni schiamazzi. Poi, intorno alle 2, i quattro aggressori si sono avvicinati al gruppo di ragazzi pestando il giovane ventinovenne che ora si trova in ospedale ed è in gravissime condizioni. La vittima era stata colpita con calci e pugni anche alla testa. Secondo una prima ricostrruzione dei fatti, gli aggressori volevano "punire" il giovane per gli schiamazzi marcando il loro territorio.

Gli assassini presi grazie a Facebook E' stato anche grazie al social network Facebook che i vigili urbani del centro storico di Roma, supportati da quelli del commissariato Esquilino, sono riusciti a risalire gli aggressori del giovane musicista.

Attraverso alcune testimonianze e grazie all’informazione sul nome di battesimo di uno degli aggressori, gli agenti hanno utilizzato Facebook per riuscire ad arrivare gli aggressori. "Voglio complimentarmi con gli agenti del I gruppo, guidati da Stefano Napoli", ha detto il comandante degli agenti della Polizia Municipale di Roma, Angelo Giuliani.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica