È allarme Covid tra i bengalesi. Ma le moschee restano aperte

Chiuso uno stabilimento balneare ad Ostia dopo che un cittadino bengalese risultato positivo al Covid era andato a lavoro nonostante la febbre e i dolori muscolari. E a Tor Pignattara l'emergenza non ferma le moschee che restano aperte per la preghiera

Dopo la chiusura di uno stabilimento ad Ostia per il contagio di un lavoratore del Bangladesh, i riflettori sono ancora puntati sulla comunità bengalese della Capitale.

La quasi totalità dei contagi che si registrano ogni giorno nella regione sono legati ai voli che nelle scorse settimane sono atterrati a Fiumicino da Dacca. Nel Paese asiatico dove il distanziamento sociale è un’utopia il virus circola ormai a livello di "community transmission", tanto che il governo italiano dieci giorni fa ha disposto la chiusura dei collegamenti aerei. Dei 14 casi registrati ieri, la stragrande maggioranza sono di importazione e almeno nove hanno un link con i voli di rientro dal Bangladesh.

Tra loro c’è anche l’impiegato del lido di Ostia che ieri ha dovuto chiudere i battenti in via precauzionale. Ieri sera l’Unità di crisi Covid-19 del Lazio ha fatto sapere che la Asl Roma 3 ha dato il via all’indagine epidemiologica "a partire dai dipendenti della struttura e dai contatti stretti dell'uomo che è stato posto in isolamento". Il caso indice sarebbe un coinquilino. Un connazionale, che nei giorni scorsi era stato anche a Milano. Per questo sono state avviate le procedure del "contact tracing nazionale".

Da quanto ricostruisce la stessa Asl, sembrerebbe che il cittadino bengalese impiegato nella struttura del litorale romano fosse andato a lavorare nonostante avesse già i sintomi della malattia. L’uomo, che ora è ricoverato allo Spallanzani, accusa i primi dolori muscolari il 12 luglio scorso. Il 14 ha anche qualche linea di febbre, ma nonostante ciò continua a recarsi al lavoro per altri due giorni, fino al 16.

"Questa circostanza la considero grave – ha commentato l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato - con la febbre e con sintomi si deve rimanere a casa e contattare un medico, non è possibile che si vada in giro o al lavoro". "Comprendo le esigenze lavorative e di proseguire nelle proprie attività – ha aggiunto - ma il rischio per la collettività è troppo elevato".

Sotto accusa c’è il mancato rispetto delle regole da parte di qualcuno. In alcune sale dedicate alla preghiera islamica, ad esempio, come testimonia un reportage del quotidiano Il Tempo, la raccomandazione di sospendere le celebrazioni per arginare la diffusione del contagio è stata ignorata. All’ingresso viene misurata la temperatura, ma i locali delle moschee di Tor Pignattara continuano ad essere frequentati da decine di persone.

La maggior parte degli appartenenti alla comunità si è reso disponibile a collaborare con le autorità fin dall’inizio dell’emergenza. Ma ora c’è chi protesta. L’associazione Dhuumcatu ha fatto appello al Presidente della Repubblica per denunciare il respingimento dei 125 cittadini bengalesi atterrati lo scorso 8 luglio a Fiumicino e Malpensa con due voli provenienti dal Qatar.

"Con questo respingimento collettivo su base etnica, cosa di per se illegale, decine di persone con regolari documenti italiani, con residenza in Italia e medico di base in Italia sono state rimandate in una zona considerata a rischio ed a tutti loro è stato impedito di accedere alle cure sanitarie costituzionalmente garantite in Italia", denuncia l’associazione in un comunicato stampa. L'accusa al governo italiano è quella di aver compiuto l'ennesimo "atto discriminatorio, che aggrava la già precaria condizione di molti".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Montagner

Montagner

Sab, 18/07/2020 - 11:09

Siamo proprio il paese delle banane. . . . Le chiese cattoliche sono state chiuse e sono state imposte regole restrittive per la loro riapertura, in questo caso invece vige il peggior buonismo di facciata. . . . Consiglierei ai nostri governanti di attrezzarsi perchè a settembre, molto probabilmente, ne vedremo delle belle. Mala tempora currunt! ! !

ammazzaodori

Sab, 18/07/2020 - 11:22

Certo che fra le risorse ed i turisti, non viene controllato nessuno e noi ci impestiamo di nuovo. Chi dobbiamo ringraziare ?

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Sab, 18/07/2020 - 11:30

Eh certo, guai a toccare gli ospiti di madama lamorgese, nonché risorse boldriniane... devono spargere il COVID per mantenere il trono al pavone dalla grande potenza di fuoco...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 18/07/2020 - 11:45

NON C'È CHE DIRE: FEDELI AL LORO CREDO ... INFEDELI ALLE LEGGI DEL PAESE CHE LI OSPITA MENTRE I CITTADINI, QUELLI EREDI DEGLI EROI DEL RISORGIMENTO DEL PIAVE E DELLA RESISTENZA, VENGONO IMMANCABILMENTE SANZIONATI SE LE INFRANGONO ... SE COME DISSE IL FILOSOFO "CERCO L'UOMO" IN QUESTO CASO DOVE STA LA UGUAGLIANZA DEI DIRITTI PER TUTTI .... LASCIAMO AGLI ALTRI DI SOTTOSTARE AI DOVERI.

cgf

Sab, 18/07/2020 - 11:51

e poi ci si lamenta perché non si fidano dei governanti italiani?

Happy1937

Sab, 18/07/2020 - 11:52

A parte il fatto che non dovrebbero esistere Moschee in Italia fin quando non saranno permesse Chiese Cristiane nelle terre islamiche, è l'ora di smetterla con tutto questo buonismo che mette a repentaglio la sicurezza del popolo italiano. Intanto Erdogan ricompensa Conte, Lamorgese e il Papa trasformando in Moschea la Cattedrale di Santa Sofia.

maurizio50

Sab, 18/07/2020 - 11:53

E bravi gli iper comunisti del Governo. Continuate a far diffondere l'epidemia. Poi che direte?? Che la colpa è di Salvini????

Ritratto di pulicit

pulicit

Sab, 18/07/2020 - 11:57

Montagner: Bellissimo post.Condivido.Regards

aldoroma

Sab, 18/07/2020 - 12:37

Per loro tutto.. Ricordatelo

munsal54

Sab, 18/07/2020 - 12:40

Abbiamo importato e continuiamo a farlo, migliaia di untori tra l'incuria la sciattezza, l'incompetenza e la colpevole complicità dei nostri abusivi amministratori . Ormai la "sostituzione di popolo" è cosa acclarata e neanche più tanto celata...........

Malacappa

Sab, 18/07/2020 - 12:46

Ah bhe'le moschee non si possono chiudere o siamo razzisti,ma fatemi il piacere direbbe il grande TOTO

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 18/07/2020 - 12:49

Nutro dubbi sulla bontà del ministro Lamorgese;credo che si stia tentando,con l'ingresso indiscriminato dei clandestini e dei regolari provenienti da paesi a rischio,di far chiudere di nuovo per emergenza covid-19:i presupposti ci sono nonostante i cittadini stiano facendo proteste sparse per l'Italia riguardo alla redistribuzione dei clandestini,anche i positivi,nei vari hot spot italiani,già al collasso, e per giunta a rischio epidemia. Il silenzio della maggioranza su a palazzo Chigi lascia trasparire questo.

lisanna

Sab, 18/07/2020 - 12:50

I DISCRIMINATI SONO GLI ITALIANI CHE PAGANO CHE STAVANO CHIUSI CHE PERDONO IL LAVORO !!! IL LIDO CON LA CRISI DEL TURISMO INFATTI DEVE CHIUDERE. E I FALSI ATTESTATI DI SALUTE LI CONSIDERIAMO?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 18/07/2020 - 12:54

Montagner concordo con lei,ma c'è di più,dietro c'è ancora peggio,c'è il solito TERRORISMO,anacronistico(chiese chiuse,distanziamento sociale..."moschee"?(a parte che non dovrebbero esistere...),poi la si "mena con il Bangladesh,che sino a ieri ha avuto 15(quindici) morti/milione di abitante(l'Italia ne ha avuti 579!!!),è tutta una FARSA,alla quale il "popolo italiano" assiste continuamente appoggiando al 55% questo "esecutivo",con un 30-40% di "italiani,che alle settimanali intenzioni di voto, nemmeno si pronuncia(sono i"senza opinione" i "chissenefrega"),e pertanto,in pratica,acconsentite a questo schifo!

ITA_Chris

Sab, 18/07/2020 - 12:58

respingimento collettivo su base etnica non si può sentire. Siete bengalesi e restate tali. Quando il pericolo era qui ve ne siete andati. Adesso pretendete di tornare con il virus. Vedendo poi come si stanno comportando i vostri connazionali in Italia. Vi faccio un ciao ciao, spero a mai più rivederci

Ilsabbatico

Sab, 18/07/2020 - 13:15

...tutti a casa assolutamente...e senza rompere le scatole. Io sono italiano e anche a me viene impedito di accedere alle cure sanitarie costituzionalmente garantite in Italia....e allora? ...ci mancava pure l'associazione dhuumcatu ....

agosvac

Sab, 18/07/2020 - 13:19

Ma come? Conte ha fatto chiudere le Chiese Cattoliche e non fa chiudere le Moschee bengalesi?????

Fjr

Sab, 18/07/2020 - 13:42

Ma bomba o non bomba arriveremo a Romaaaaa,a breve sarà la capitale del Burkina Faso

Scirocco

Sab, 18/07/2020 - 14:07

Vanno tutti rimandati a casa loro!! Questi sono dei criminali che vanno al lavoro impestati con la febbre (magari se nessuno li assumesse per spendere meno sarebbe meglio!!), girano sulle spiagge a vendere collanine tutti sporchi senza che NESSUNO controlli, mentre noi per entrare alla spiaggia dobbiamo dare i documenti e dobbiamo misurare la febbre. Le moschee se sono frequentate da questa gente vanno CHIUSE per sempre. Non vogliamo più stranieri di questo genere sul nostro territorio.

Scorpion_19

Sab, 18/07/2020 - 14:28

Va tutto bene, avanti così, l'importante è che noi Italiani "ORMAI OSPITI NELLA NOSTRA NAZIONE" SEGUIAMO CON RIGORE LE INDICAZIONI CHE IMPONE LO STATO PER L'EMERGENZA DEL COVID 19.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Dom, 19/07/2020 - 12:24

...detto anche FUFFAvirus (o VAIRUS, come dice il bibbitaro)...

Brutio63

Lun, 20/07/2020 - 17:02

Ma che ci fanno tutti questi bengalesi e Pakistani in Italia? Tornino a casa loro e stop! Abbiamo tenuto chiuse le chiese e mandato i carabinieri ad interrompere una messa per poi lasciare aperte le moschee? Demenziale, senza se e senza ma!

Santorredisantarosa

Dom, 26/07/2020 - 15:48

BONOITALIA CONCORSO IN TUTTO TRANNE NELLA RESISTENZA CHE MI RIVOLGO SOLO ALLA RESISTENZA NON COMUNISTA, QUELLA CI HA RIDOTTI IN QUESTO STATO. NON CREDA CHE SBAGLIERO', MA SONO MOLTO VICINO ALLA REALTA' CHE SIGNIFICA LA SCOMPARSA DI QUESTA NAZIONE NATA DAL SANGUE DEI RAGAZZI MORTI IN GUERRA.