L'ira dei ristoratori infettati: "Tartassati e senza protezioni"

I due ristoratori di Fiumicino, contagiati da un dipendente begnalese, sporgono denuncia contro ignoti per "epidemia colposa". Il legale attacca: "Imprenditori tartassati da regole e sanzioni ma porte aperte a chi arriva da Paesi a rischio"

“Abbiamo presentato una denuncia querela per epidemia colposa, chiedendo alla procura di Civitavecchia se sono stati applicati correttamente i protocolli ma soprattutto se questi protocolli possano essere ritenuti idonei rispetto all’ingresso di cittadini da Paesi a rischio”. È determinato a vederci chiaro l’avvocato Massimiliano Gabrielli, rappresentante legale dei proprietari del bistrot Indispensa, dove lavorava come lavapiatti il cittadino bengalese risultato positivo al Covid-19.

Il virus ha fatto il suo ingresso nelle cucine del ristorante dopo un lungo viaggio. È partito dalla capitale del Bangladesh, Dacca, atterrando all’aeroporto di Fiumicino dopo uno scalo a Doha. Viaggiava assieme ad una famiglia bengalese a cui era stato raccomandato l’isolamento. I tre, marito, moglie e un figlio piccolo, però, si sono trasferiti in un appartamento del centro di Fiumicino assieme ad altri connazionali. Lo stesso in cui viveva anche il lavapiatti.

È proprio in quell’alloggio che è avvenuto il contagio. Il dipendente, ignaro di aver contratto il virus, ha continuato ad andare al lavoro e il 22 giugno si è persino presentato all’ambasciata del Bangladesh per sbrigare delle pratiche amministrative. La scoperta della sua positività risale allo scorso venerdì quando, dopo un malore, è stato ricoverato all’ospedale Grassi di Ostia e sottoposto al tampone. E così sulla città di Fiumicino si è acceso un faro.

L’indagine epidemiologica rivela che i titolari di Indispensa, due ragazzi sulla trentina, e tre dipendenti sono stati contagiati. Entrambe le attività gestite dai due soci vengono chiuse. È l’inizio di un incubo. “I miei assistiti si trovano in quarantena nelle loro case, per fortuna si sono ammalati in forma lieve, ma sono comprensibilmente scossi”, racconta il legale. Scossi e amareggiati. Non è difficile immaginare quali siano le ragioni.

Dopo mesi di stop obbligato dalla pandemia, i due imprenditori stavano cercando di rimettersi in piedi nonostante le tante limitazioni imposte dai protocolli sanitari. “La sensazione - continua l’avvocato - è che si stiano usando due pesi e due misure: gli imprenditori sono tenuti ad osservare regole severe e rischiano sanzioni pesantissime, mentre per chi arriva da Paesi a rischio come il Bangladesh i controlli appaiono decisamente più morbidi”. Non è un segreto che il Paese asiatico sia attualmente uno dei più colpiti dal Covid-19, dopo Brasile e Stati Uniti.

La drammaticità del quadro pandemico, aggravata dall’inerzia delle autorità locali, è stata recentemente denunciata dal presidente dell’associazione Italbangla Mohamed Taifur Rahman Shah. “Il governo del Bangladesh - ha spiegato il rappresentante della comunità bengalese in Italia ad AdnKronos - è irresponsabile e non riesce a dare risposte: non ci sono tutele per la salute, cure mediche, è il far west. Anche per questo qualcuno cerca di fuggire. Il governo non riesce a controllare chi parte, siamo preoccupati”.

Sulla necessità di “aumentare i controlli sui voli internazionali” si è espresso anche l’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato. “Siamo usciti dall’emergenza sanitaria con grande fatica, lasciare le porte spalancate a chi viene da Paesi a rischio come il Bangladesh mi pare una follia”, ragiona Gabrielli. Il consigliere comunale della Lega Vincenzo D’Intino chiede una revisione dei protocolli di sanitari: “È palese che in questo caso non abbiano funzionato”.

“Le autorità - continua D’Intino - devono accertarsi che le persone che arrivano dalle nazioni in cui il virus si sta diffondendo a macchia d’olio osservino l’isolamento di due settimane e non vaghino per il territorio con il rischio di accendere pericolosi focolai epidemici”. L’invito è a fare presto. “Se non si corre ai ripari - ragiona - la situazione rischia di sfuggirci di mano, soprattutto con l’intensificarsi degli arrivi dei tanti lavoratori stagionali che sono impegnati in diversi settori della nostra economia”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Aulin

Aulin

Dom, 05/07/2020 - 10:19

Il problema è sempre e solo uno. Il PD. Metterei fuori legge qualunque partito internazionalista-mondialista per tradimento del popolo italiano.

mzee3

Dom, 05/07/2020 - 10:21

Giusto condannare chi infetta… anche Zangrillo deve essere condannato per dare indicazioni, che seppur giuste, ma che il popolino non capisce.

cgf

Dom, 05/07/2020 - 10:23

contro un bengalese otterranno solo di spendere un tot senza nessun ritorno.

Giorgio Colomba

Dom, 05/07/2020 - 10:24

A Pordenone - solo uno dei numerosi esempi - hanno irrogato 400 euro di multa ad un barista per una foto ricordo vicino ai dipendenti per violazione del cosiddetto distanziamento sociale e poi è ingresso libero per mare, terra ed aria a migranti e clandestini d'ogni sorta e provenienza. Governo da gettare nella pattumiera della storia.

moichiodi

Dom, 05/07/2020 - 10:25

Speriamo vincano la causa. La colpa è certamente di Conte o Zingaretti o tutti e due. Un cosa non capisco con tutta la disoccupazione che c’è in Italia questi aspettano che ritorni un extracomunitario dal Bangladesh? Prima gli italiani, avendo cura che non siano positivi.

steluc

Dom, 05/07/2020 - 10:27

Ormai essere italiani, a maggior ragione imprenditori, è una condanna a vita.Talvolta a morte. La sx ci ha messo un po',ma c'è l'ha fatta

moichiodi

Dom, 05/07/2020 - 10:27

...e se ad essere positivo fosse stato un suo dipendente italiano???

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 05/07/2020 - 10:32

come ha fatto arrivare fin qui? comunque, se il governo non è capace di controllare questa epidemia, vuol dire che siamo messi male.....

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 05/07/2020 - 10:32

Aggiungo anche che, prima di prendere, assumere un dipendente, bene sarebbe provvedere ad un severo controlo sanitario, non credete?????

oracolodidelfo

Dom, 05/07/2020 - 10:48

moichiodi 10,27 - di dipendenti italiani che si sono comportati irresponsabilmente come questo bengalese non se ne è visto ancora uno.....forse uno: l'imprenditore vicentino che è tornato dalla Serbia e pur positivo si è recato ad un funerale e ad un compleanno.....ma NON ERA UN DIPENDENTE!

coram1

Dom, 05/07/2020 - 10:51

Domanda: sono stati controllati e/o avvertiti tutti gli altri passeggeri del volo Qatar Airways proveniente da Doha????

Tergestinus.

Dom, 05/07/2020 - 10:57

Camerieri e cuochi bengalesi, imprenditori italiani che vanno nei Balcani... quanta ragione aveva padre Dante quando fece dire a Cacciaguida "sempre la confusion delle persone / principio fu del mal della cittade"!

manson

Dom, 05/07/2020 - 11:13

Vi sta bene non c’erano ragazzi italiani disoccupati disponibili o questi li pagavate una miseria e quindi per voi era meglio? Restate pure chiusi ristoranti come i vostri sono da evitare

cir

Dom, 05/07/2020 - 11:15

di voi ristoratori non me ne frega un bel niente. Imparate ad essere onesti e a fare il vostro lavoro. Quando voi scendere in piazza vicino ai licenziati delle aziende che delocalizzano , che fanno produrre in cina e vendono in italia ma hanno sede in Lussenburgo , allora mi degnero' di ascoltarvi.

Ritratto di Mary_22

Mary_22

Dom, 05/07/2020 - 11:26

Andate a controllare la corrente politica del sindaco di Fiumicino (e nota consorte): ovviamente braccia aperte a tutti...mica sono rassisti loro!

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 05/07/2020 - 11:32

A condizione che si ingaghi pure sull'ereo veneto serbo vicino a Joe Formaggio (gli amici dicono tutto) che quanto a spargere l'epidemia non si é proprio risparmiato

Cheyenne

Dom, 05/07/2020 - 11:33

INVECE GLI AMERICANI (SOLO PERCHE' AMERICANI RICCHI NON INFETTI CON AEREO PRIVATO) VENGONO CACCIATI, SVUOTIAMO I LEBBROSARI C'E' POSTO PER TUTTI IN ITALIA

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 05/07/2020 - 11:34

Mi domando,con tutta la disoccupazione italiana che c'è proprio uno del Bangladesh questo commerciante doveva assumere? Magari pagano meno tasse,per questo si preferisce assumere un diversamente italiano

xgerico

Dom, 05/07/2020 - 11:37

Articolo "semirazzista."

robik51

Dom, 05/07/2020 - 11:44

@mzee3: se ho capito bene, Zangrillo dice cose giuste, ma se il popolino non capisce Zangrillo va condannato. Ma ti rendi conto delle str@@@@@ che scrivi?

ITA_Chris

Dom, 05/07/2020 - 11:45

Ma saprete pure che uno sta tornando dal bangladesh, dall india, dall America dal Brasile etc. Gli dici di stare a casa sua. Ma gli ingressi dei paesi extracomunitari o comunque a rischio non erano bloccati?

oracolodidelfo

Dom, 05/07/2020 - 11:57

robik51 11,44 - in piena sintonia con: "Berlusconi è un mascalzone e anche se non c'è reato va condannato" ......."Salvini ha ragione, ma va fermato".....Ohibò !

agosvac

Dom, 05/07/2020 - 12:04

Non capisco come mai , in questa denuncia, non ci mettano il nome del reale colpevole, ovvero la signora ministro Lamorgese che è totalmente responsabile di quanto sta succedendo. E' il ministro dell'Interno che dovrebbe tutelare gli italiani. Non avendolo fatto è, sicuramente. colpevole.

cir

Dom, 05/07/2020 - 12:13

ITA_Chris Dom, 05/07/2020 - 11:45 : anche se cosi fosse... uno che rientra clandestinamente dall' India, fa di tutto per non farsi notare , arriva in italia e finisce in cucina di un ristorante ? ma sai che anche solo per fare in cameriere si deve avere il certificato di sana costituzione rilasciato da un medico della ASL ? e il Ristoratore ha il coraggio di sentirsi tartassato e non protetto ? Il ristoratore deve essere arrestato immediatamente.

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Dom, 05/07/2020 - 12:19

Mi dispiace leggere alcuni commenti boriosi... . Sapete che c'è? Noi italiani siamo tutti dei geniali maestri nel modificare gli eventi in interpretazioni soggettive. Tot capita, tot sententiae

jaguar

Dom, 05/07/2020 - 12:47

Denuncia contro ignoti che tali rimarranno.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 05/07/2020 - 13:11

cir Dom, 05/07/2020 - 12:13 Mi trovi d'accordo! Con tutti i protocolli a cui deve sottostare la ristorazione e certificazioni di qualità varia,questi ristoratori si rifugiano nella manovalanza straniera e per giunta senza nessun controllo fatto a priori. Permettimi di aggiungere che molti ristoratori pagano molte meno tasse rispetto ad un italiano. Però a fare i furbi ci rimette la collettività,purtroppo!

lorenzovan

Dom, 05/07/2020 - 13:34

ristoratori a Fiumicino..contaggi dal bengalese ??' a fiumicino dove paghi 20 euro( la paga giornaliera del bengalese...) un piatto di sspaghetti ?? ma che articolo piagnucoloso...poverinio...magari vorranno qualche contributo anche loro..si sa che in Italia il controbuto non si nega a nessuno

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 05/07/2020 - 14:15

Una volta di piu' si vede come le varie cretinate tipo "mascherine-mmuseruola-bavaglio), "distanziamenti sociali" ed altre luminose idee per DISTRUGGERE IL TESSUTO E LA COMUNICAZIONE SOCIALE servano, appunto, solo a questo. Per non parlare dei vari atteggiamenti di "rispetto reciproco" in favore del "prossimo", che immpediscano di emettere "virus" dalle protezioni individuali, volti a colpevolizzare chi non lo accetta. Lo ribadisco: La salute e' UN BENE PERSONALE, ed e' SOLO LA PERSONA A DOVER SCEGLIERE QUANTO E COME SI VUOLE PROTEGGERE, NESSUNO PUO' IMPORRE ALCUNCHE', saro' IO a scegliere se andare in giro conciato come un astronauta o nudo comne Adamo. Finche' non si comprende questa semplice verita', la strada da servi del Potere a SCHIAVI CONSENZIENTI, E' SPIANATA.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 05/07/2020 - 14:19

Altro discorso, e altrettanto importante e' invece quello di BLOCCARE ALLE FRONTIERE GLI INFETTI, SPECIE SE PRIVI DI QUALUNQUE DOCUMENTO PERSONALE. Il fatto poi di lagnarsi perche' un DIPENDENTE ha infettato il titolare, mi sembra veramente il MASSIMO DELLA STUPIDITA', dato che in un qualsiasi posto di lavoro "in teoria" e' IL TITOLARE A FARE ED IMPORRE LE REGOLE.