Omicidio Luca Sacchi: sms dimostrano che lui conosceva i killer?

Colpo di scena al processo, quando sono stati mostrati i risultati delle indagini. Il 24enne conosceva Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, e li aveva incontrati giorni prima del suo omicidio. Gli sms scambiati con Anastasiya dimostrato inoltre che lui era a conoscenza del "piano"

A distanza di quasi 7 mesi dall'omicidio di Luca Sacchi, il 24enne ucciso nella notte fra il 23 e il 24 ottobre 2019, ha avuto finalmente inizio il processo che vede imputati la fidanzata del giovane, Anastasiya Kylemnyk, i due aggressori Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, Marcello De Propris e suo padre Armando, e infine Giovanni Princi.

Durante la mattinata di ieri, lunedì 18 maggio, il procedimento ha avuto luogo a porte chiuse, per rispettare le norme anti-contagio. Nel corso del dibattimento, sono subito emerse delle ombre su quanto avvenuto quella tragica notte nel quartiere Appio Latino (Roma). Stando a quanto risulta dai messaggi scambiati fra Luca ed Anastasiya e presentati in aula, il giovane sapeva della trattativa per l'acquisto della droga e conosceva i suoi killer, Del Grosso e Pirino.

Dalle indagini dei carabinieri si evince che i due fidanzati avevano avuto dei contatti con gli spacciatori a Casal Monastero nei giorni precedenti l'omicidio. Ciò risulterebbe dal fatto che i cellulari dei quattro ragazzi si erano agganciati ad una medesima cella telefonica, in zona via Acuto, lo scorso 18 ottobre. Dopo essersi incontrati a casa dei pusher, i giovani avevano continuato a scambiarsi dei messaggi, che mostrano chiaramente i segnali di una trattativa in corso tra le parti. La presentazione di queste prove in aula è stato un vero e proprio colpo di scena.

Il 19 ottobre, Luca scriveva ad Anastasiya: "Amo novità? Ti attieni ai piani?". "Sì, ci vediamo dopo", aveva risposto la ragazza, come riferito da "Il Messaggero". "Spero tu faccia come mi hai detto, se scopro che hai fatto le cose a c****, senza me", aveva proseguito il 24enne.

"FanPage" riporta anche un'altra conversazione, datata settembre. "Penso alla nostra situazione", aveva scritto Luca. "Che situazione? Perché come stiamo?", aveva chiesto Anastasiya. "La nostra situazione generale di vita. Sai cosa penso. Penso che io e te non siamo come loro. Loro sono come dire più randagi rispetto a noi", aveva replicato il giovane. "Sì", aveva risposto la ragazza.

"Noi possiamo avere una vita molto più tranquilla per le carte che abbiamo. Loro non hanno la nostra situazione, secondo me. Lavorarci sì, ma viverci insieme come una piccola famiglia no. Lui è uno spacciatore di discreto livello e la polizia è il problema minore. Per lui noi siamo super puliti. E non capisco perché tu vuoi andarci a vivere. Tipo due mesi fa eri diversa, mi pari matta", aveva proseguito Luca.

"Amore, io se sto a casa mia, lascia sta che tantissimo sono stata da te, anzi sempre negli ultimi tempi, io un altro anno a casa con loro in questo spazio minuscolo mi vergognerei, devo ancora a 26 anni rientrare in silenzio a casa e non potermi lavare bene perché sennò sveglio qualcuno. Lu non è che ero diversa, è che se tu mi avessi detto di andare a vivere insieme io e te ci andavamo già due anni fa per me, ma io sto sempre qua a spera' che qualche amica mia me lo proponga ma te ne rendi conto? E tu a dirmi sempre la stessa cosa: 'Sì, Amo', ma io sto bene a casa' e io no e da sola dovrei fare la prostituta per mantenermi, ma dai (mi pari matta), sono solo stufa, amo", aveva risposto Anastasiya.

Dunque pare proprio che Sacchi fosse a conoscenza del fatto che la fidanzata, insieme all'amico Princi, stesse trattando con gli spacciatori: 70mila euro in cambio di un quantitativo di marijuana. Qualcosa, però, quella notte è andato storto, ed il giovane è stato ucciso di fronte al pub John Cabot, freddato con un colpo di pistola alla testa.

Polemiche per quanto riguarda l'atteggiamento di Anastasiya Kylemnyk durante il processo. La giovane non ha degnato di uno sguardo i genitori di Luca, tanto da provocare un gesto rabbioso da parte della madre del ragazzo, una volta uscita dall'aula. "Quella ragazza ci guardava quasi come una sfida, senza abbassare lo sguardo. Se penso che l'abbiamo accolta e le abbiamo dato nostro figlio, mi vengono i brividi. Non credo che abbia mai amato Luca, né che abbia sofferto per la sua morte", ha infatti dichiarato la donna ai microfoni di "Libero Quotidiano".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 19/05/2020 - 13:55

quando si entra nel giro della droga, affetti, amori, rispetto, buon senso, responsabilità, svaniscono come neve al sole..

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Mar, 19/05/2020 - 14:24

Che bella compagnia di gente innocente e per bene .

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 19/05/2020 - 14:30

Comunque, anche se Sacchi era a conoscenza di tutto, e anche di più, questo non giustifica assolutamente il suo omicidio.

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Mar, 19/05/2020 - 15:38

Ma come, solo ieri sera sembrava che lui fosse un angelo e che non sapesse nulla di nulla con il padre a elogiarne la rettitudine e oggi risulta che sapesse tutto?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 19/05/2020 - 16:11

Complimenti agli inquirenti. Decifrare messaggi così destrutturati e contorti non deve essere stata impresa facile.

buonaparte

Mer, 20/05/2020 - 13:17

ho sempre scritto che era impossibile che non sapesse di tutto quello che gli girava attorno.. mi dispiace per i genitori ...