Lo strano caso delle mascherine scomparse nella Regione Lazio

Abbiamo cercato di fare chiarezza sulla vicenda delle mascherine ordinate e mai consegnate alla Regione Lazio, intervistando i consiglieri Regionali Daniele Giannini e Laura Corrotti

Con l’arrivo della Fase2, aumenta in tutta Italia la richiesta di mascherine, e se, sono introvabili quelle a 0,50 centesimi prezzo fissato dal governo, allo stesso modo ancora non si ha notizia di quelle ordinate dalla Regione Lazio, alla Eco.Tech srl, per 36 milioni di euro, che non sono mai arrivate. Il 25 aprile viene recesso il contratto da parte della Regione Lazio, per la “totale inaffidabilità” da parte della società, ma le cose che non tornano in tutta questa vicenda sono molte. Per fare chiarezza, abbiamo intervistato il Consigliere Regionale Daniele Giannini, che già aveva portato alla luce il problema di alcuni hotel romani tramutati in ricoveri covid, e Laura Corrotti Consigliere Regionale e vice presidente protezione civile del Lazio.

Quale è l’attuale situazione delle mascherine nella regione Lazio?

“L’assessore alla Sanità Alessio D’Amato, il 4 maggio, nel corso della quotidiana video-conferenza, ha comunicato che sono in distribuzione presso le strutture sanitarie della Regione 160.600 mascherine chirurgiche, 46.900 maschere FFP2, 2.080 tute idrorepellenti, 50.000 guanti. Numeri che evidentemente non sono sufficienti per soddisfare il fabbisogno se, a oltre novanta giorni dalla dichiarazione dell’emergenza sanitaria, personale ospedaliero e familiari dei pazienti ricoverati ci segnalano la carenza dei dispositivi protettivi”.

Della fornitura, diciamo non andata a buon fine, cosa è arrivato alla regione Lazio?

“Per limitarci al caso della Eco.Tech., dei 9,5 milioni di pezzi ordinati ne sarebbero arrivati appena 2 milioni che, peraltro, non sono della 3M, così come erano stato stabilito nei contratti”.

Parlando della Eco.Tech. che lei ha appena citato, gira un video in rete, dove all’indirizzo di una delle tre sedi c’è in realtà un prato. Ovviamente non si conosce la veridicità del video, e potrebbe essere un fake, ma si conoscono queste società? Come hanno agito, e perché di fatto ancora la commessa molti milioni di euro non è arrivata o è arrivata solo in parte?

“Al di là dell’attendibilità dei video che circolano sui social, sulla cui autenticità non ho peraltro motivo di dubitare, al centro delle indagini della Corte dei Conti e della Procura della Repubblica di Roma è finita la Eco.Tech. Si tratta di una società che commerciava lampade a led, con un capitale sociale di appena 10mila euro, a cui l’Agenzia Regionale di Protezione Civile, ha affidato una fornitura di 9,5 milioni di mascherine per un importo di quasi 36 milioni di euro. Dei dispositivi protettivi ordinati, per i quali la Regione ha anticipato alla Eco.Tech ben 14 milioni di euro svaniti nel nulla, ne mancano 7,5 milioni. Il comportamento dell’azienda emerge a chiare lettere dagli atti della Regione che, il 29 marzo e il 2 aprile scorsi, procede alla risoluzione dei contratti data la ‘totale inaffidabilità’ di Eco.Tech vista ‘L’assoluta incertezza circa i tempi di realizzazione della fornitura’. Dopo qualche giorno, tuttavia, l’Agenzia regionale si dimostra più inaffidabile di Eco.Tech, tanto che, con una novazione dei termini contrattuali, torna ad assegnarle l’affidamento salvo revocarlo, in modo definitivo, il 25 aprile. Sarebbe stato sufficiente rivolgersi alla 3M, marchio delle mascherine che la Eco.Tech avrebbe dovuto fornire alla Regione, per scoprire che la società con sede a Frascati non figurava nell’elenco dei distributori della multinazionale”.

Chi ha scelto queste società? Facevano parte della lista dei fornitori della Regione Lazio?

“Dalle indiscrezioni che emergono dalle inchieste in corso, sembra che a reclutare la Eco.Tech sul mercato siano stati uomini di strettissima fiducia di Zingaretti che, vista la piega che sta prendendo la vicenda, si sono mossi con eccessiva disinvoltura. Per rispondere alla seconda domanda non fanno parte dei fornitori della Regione Lazio. La strada più immediata sarebbe stata quella di rivolgersi alle aziende che già operano con gli enti del Servizio Sanitario Regionale e invece ci si è affidati a società che non avevano alcuna esperienza nel settore. Ritengo che la procura debba far luce sui troppi contorni oscuri di questa vicenda”.

E’ vero che queste società non erano abilitate a vendere le mascherine e hanno riconvertito l’azienda dopo aver avuto la commessa?

“Da quanto è emerso finora, sono società operanti nel settore delle lampade al led o del benessere sessuale, a cui è stato affidata la fornitura di dispositivi protettivi che non avevano maturato alcuna esperienza nel settore dei prodotti medicali e che hanno provveduto a una provvidenziale quanto sospetta riconversione aziendale”.

Le mascherine acquistate, erano coperte da assicurazione?

“Considerata l’emergenza sanitaria, la Regione, in deroga alle disposizioni vigenti, è ricorsa agli affidamenti diretti, senza cautelarsi con polizze fidejussorie, malgrado gli importi delle forniture richieste fossero ingenti. Una procedura legittima che però non è stata seguita da altre regioni. In ogni caso l’Agenzie di Protezione Civile, dopo aver proceduto alla risoluzione del contratto con Eco.Tech, torna sui suoi passi e, dopo qualche giorno, conferma l’affidamento. Tra le motivazioni del ripensamento vi è la garanzia di una polizza fidejussoria grazie alla quale la società di Frascati sarebbe disponibile alla restituzione del cospicuo acconto pari a 14 milioni di euro. Siamo al 10 aprile. Dopo dieci giorni, il Vice Presidente Leodori, nel corso di un’audizione congiunta delle commissioni ‘bilancio’ e ‘grandi rischi’, sostiene che la società che ha emesso la polizza è la ‘Itc broker Srls’, società inattiva, con appena 1.000 euro di capitale che fa capo a un inconsapevole 88enne. Dopo qualche ora tuttavia, l’uomo ombra di Zingaretti è stato smentito. La Itc si limiterà a un ruolo di intermediazione, poiché alla garanzia provvederà la “Suguros Dhi-Athlas”, compagnia off-shore di Londra, che fa capo ad Andrea Battaglia Monterisi, a processo a Benevento per una vicenda che coinvolge un clan camorristico. Le polizze inoltre, si sono rilevate non idonee poiché, come confermato dall’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni”, la Seguros Dhi-Atlas Ltdf : ‘Non risulta abilitata all’esercizio dell’attività assicurativa in Italia né in regime di stabilimento né in regime di libera prestazione’.

Parliamo poi del prezzo delle mascherine, che sembra abbastanza importante, per singola mascherina, non si potevano trovare di più economiche, parliamo di forniture importanti?

Il caso mascherine alla Regione Lazio ha ancora molti lati oscuri e con il passar dei giorni emergono sempre più particolari che evidenziano l’inadeguata gestione dell’emergenza Coronavirus. Come Lega abbiamo chiesto al presidente Zingaretti di venire a riferire sulla vicenda in Aula e chiarire sui numerosi aspetti ancora poco chiari.
Tra questi, spiegare se la Protezione Civile regionale fosse, come sembra, in possesso di vari preventivi per acquistare FFP2 e FFP3 ad un prezzo minore di quanto poi le ha realmente comprate, potendo così risparmiare un totale di 7 milioni di euro senza dover dare, come invece poi è accaduto, un anticipo alla EcoTech di 11 milioni di euro senza però ricevere in cambio nessuna mascherina e, ad oggi, neanche l’anticipo dato".

La regione vi ha dato delle risposte?

“Il Consiglio regionale, dopo due mesi di stop, tornerà a riunirsi giovedì prossimo per una mera modifica al Regolamento dei lavori. Immaginare che Zingaretti sullo scandalo mascherine declini ogni responsabilità politiche è inaccettabile. Il presidente della Regione, infatti, non è soltanto il titolare delle deleghe sulla protezione civile, ma è anche colui che ha proposto la nomina di Carmelo Tulumello a capo dell’Agenzia di protezione civile. Dopo i ventitrè giorni di quarantena sarebbe opportuno che Zingaretti torni in aula per riferire i dettagli di una vicenda dai contorni molto torbidi”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di navajo

navajo

Mer, 06/05/2020 - 10:06

Ma come mai, quando si parla di questi fatti e non di Salvini, tutti i Tafazzi trinariciuti, a partire dal logorroico Macold passando per Lorenzovan, It, Pilandi, non commentano mai?

dciambella

Mer, 06/05/2020 - 10:08

Ho letto L'articolo che è molto esaustivo ma secondo me manca una cosa molto importante. La regione Lazio per l'anticipo contrattuale (€ 11.400.000,00) ha preteso dalla Eco Tech srl una Fidejussione di pari importo. La Fidejussione è stata emessa da una società inglese che ha solamente £ 1.000,00 di capitale sociale e non quanto scritto sulla polizza. La società inglese non può emettere polizze fidejussorie in quanto no registata in LPS all'IVASS. Il firmatario della polizza è un personaggio coinvonto in un processo di mafia o camorra o simile. Come mai colui incaricato dell'acquisto per la Regione non ha fatto il minimo controllo chiamando l'IVASS per sdapere se la società poteva emettere la suddetta polizza? Sono stati fatti controlli sul Broker intermediario?..

filoforte

Mer, 06/05/2020 - 10:09

Questi hanno la faccia come il cuxo.

ulio1974

Mer, 06/05/2020 - 10:18

mi spiace per suo fratello che ha un fratello così.

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Mer, 06/05/2020 - 10:25

Che leggerezza con i soldi degli altri! Sicuri che non ci siano state complicità e mazzette? Mah, qualche dubiio è lecito che venga!

Trinky

Mer, 06/05/2020 - 10:33

Chissà di che partito sarà un leader questo qua......... Strano che i giiornali di sinistra sorvolino su quello che combina questo qua!

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Mer, 06/05/2020 - 10:33

navajo ,forse perché hanno la coda di paglia , o no?

leopard73

Mer, 06/05/2020 - 10:36

Come mai si parla solo di mascherine non arrivate e mai dei milioni spariti che fine anno FATTO dio solo lo sa!!!!!

Ritratto di massacrato

massacrato

Mer, 06/05/2020 - 10:44

Cosa sarebbe successo se un fatto simile fosse accaduto in LOMBARDIA?

Ilsabbatico

Mer, 06/05/2020 - 11:02

Mi sa che oltre alle mascherine, sono ben spariti pure i soldi....

Nicola48ino

Mer, 06/05/2020 - 11:09

I giornali da battaglia dei pidioti che dicono? Stanno indagando? Ma come è strano innamorarsi a pechinooooo, dove sono i soldi ci sono anche icompagni ::le sentinelle.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 06/05/2020 - 11:14

14 milioni di euro svaniti nel nulla??? Non credo. Qualcuno di sicuro ne è divenuto il proprietario. Tutta questa storia ha tutti gli elementi per una bella indagine....... ma la magistratura cosa fa? Ricordo solo che l'allora ministro Lupi si dovette dimettere perché il figlio aveva ricevuto per il suo compleanno in regalo un orologio Rolex. I kompagni non si smentiscono mai, vedrete che questa storia, come tante altre che riguardano loro, verrà insabbiata e dimenticata, così, come non fosse mai successo nulla. Ma .... I 14 milioni di euro ????

DRAGONI

Mer, 06/05/2020 - 11:18

CHE INDAGHI ANCHE LA PROCURA DELLA CORTE DEI CONTI!!

sbrigati

Mer, 06/05/2020 - 11:31

Il divin Giulio soleva dir : A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina.

SemprePiùBasito

Mer, 06/05/2020 - 11:31

Non si tratta dello strano caso delle mascherine ... è il normale operato di certi soggetti della sinistra. Inutile che si nasconda questa santa verità. Di esempi ne abbiamo avuti a bizzeffe in altre occasioni. In questa c'è qualcuno che voleva abbuffarsi e lo ha fatto proprio bene, ora vediamo questa tanto onorata Magistratura se troverà qualcosa visto che si tratta di sinistri.

lupoantico

Mer, 06/05/2020 - 11:41

ieri sono andato alla ricerca spasmodica di mascherini. nemmeno una. abito nella regione Campania

ROUTE66

Mer, 06/05/2020 - 11:45

VOLETE SAPERE IN ANTICIPO LA DIFESA DI ZINGARETTI & CO. LA LEGA RESTITUISCA I 49 MILIONI CHE HA RUBATO.

ROUTE66

Mer, 06/05/2020 - 11:52

Ora però ci aspettiamo che la solerte magistratura(la stessa che ha deciso) che 300000 mila EURO spesi MALISSIMO dai vecchi capi della LEGA (BOSSI) diventassero 49 milioni da restituire FACCIANO CHIAREZZA SU QUESTA VICENDA. Che così a occhio visto che tocca la salute degli ITALIANI sembra MOLTO PEGGIORE delle malversazioni fatte dai vecchi capi della LEGA

jaguar

Mer, 06/05/2020 - 11:53

Erano mascherine anti aperitivo, quindi non andavano bene.

ossola

Mer, 06/05/2020 - 12:16

Abito a Domodossola, in farmacia 5 mascherine 25 €, le ho lasciate dove erano. Lavoro in Svizzera a mezzogiorno vado al supermercato 50 mascherine 37 franchi circa 35 euro. No comment

ITA_Chris

Mer, 06/05/2020 - 12:19

Mi aspetto che qualcuno finisca in galera

Nes

Mer, 06/05/2020 - 12:27

La cosa strana é il silenzio delle opposizioni, qualcosa non torna...

HARIES

Mer, 06/05/2020 - 12:39

Io penso di sapere cosa sia successo con le mascherine e cosa potrà ancora accadere. Ma sicuramente (almeno spero) lo sapranno ancora meglio le procure che stanno indagando da tempo. Su questo argomento la Magistratura avrà molto pane per i suoi denti, e non dovrà guardare in faccia a nessuno. Soprattutto perchè si sta giocato sulla vita del Popolo Italiano.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 06/05/2020 - 12:40

@navajo - perchè sono i soliti sinistri, parassiti, inattendibili, falsificatori della realtà, protestano in una sola direzione e non guardano il marcio che loro addirittura difendono.

wania

Mer, 06/05/2020 - 12:45

dimissioni immediate e denuncia alla giustizia.I comunisti non pagano mai ? ? ?

Ritratto di cardillu

cardillu

Mer, 06/05/2020 - 12:51

Come mai, i sapientoni compagni, non chiedono a Zingaretti dove sono finiti?

aldoroma

Mer, 06/05/2020 - 12:57

Dove sono le mascherine a 0.50 signor presidente Zingaretti?? Venga con me in giro per Roma

Trinky

Mer, 06/05/2020 - 13:05

Mascherine a 61 centesimi, in farmacia le trovo tutti i giorni!

mozzafiato

Mer, 06/05/2020 - 13:11

NAVAJO il perché della sparizione dei sovietici qui, resta un mistero! Sarà forse perché si sono sfiatati nel kommentare la bufala dei dollari passati da Putin a Salvini (da sotto il tavolo del ristorante a Mosca)! Poveracci...poi ci si è messo pure Giordano ieri sera a fuori dal coro, per menargli sulla crapa, ulteriori vergognosi particolari circa l'ennesimo imbroglio mafioso che coinvolge il cristallino PCI! Vedi amico mio, i furti e gli imbrogli a cura del PCI non sono da catalogare fra i delitti più vergognosi: macché!!! Sono soltanto bischerate commesse da qualche "scugnizzo impazzito" (ricordi Greganti?) esfraneo al partito! Perché... vedi amico mio, loro dentro il partito sono gli unici politici senza macchia abilitati... A NON SAPERE!!!

jaguar

Mer, 06/05/2020 - 13:14

aldoroma, le garantisco che anche in Lombardia a quella cifra non si trovano. Si trovano abbastanza facilmente le ffp2 o kn95 ma a prezzi folli, 8-10 euro l'una.

agosvac

Mer, 06/05/2020 - 13:31

Questo delle mascherine è diventato un grosso business. Tutti vogliono partecipare. Il problema vero è che queste mascherine, fatte così come son fatte ed usate così come sono usate, non servono a niente. Non filtrano i virus se non quelle apposite a farlo, filtrano al massimo i batteri che sono molto più grossi dei virus ed è per questo che nascono specificatamente per la chirurgia. Tra l'altro se non si cambiano dopo poche ore possono addirittura diventare pericolose per chi le usa e per chi ci sta intorno. E' necessario informare bene gli italiani. Tra l'altro non è che, anche le migliori si debbano usare sempre, si devono usare solo in particolari situazioni. Infatti, che io sappia, nessuno ha ancora dato l'obbligo di usarle: all'aperto sono del tutto inutili purché si abbia l'accortezza di "mantenere le giuste distanze interpersonali".

Italianocattolico2

Mer, 06/05/2020 - 16:18

@ agosvac - Egregio, le mascherine servono, altro chè se servono; a far soldi per gli appaltatori che poi non le consegnano oppure le fanno pagare come fossero in lamina di titanio. Come dice sempre il kompagno, tu lavora ed io magno.....