Navalny, condanna confermata. E la candidatura ora è a rischio

All'oppositore russo cinque anni con pena sospesa per appropriazione indebita

Navalny, condanna confermata. E la candidatura ora è a rischio

È arrivata dal tribunale regionale di Kirov la conferma della condanna di Aleksei Navalny, che aveva presentato ricorso dopo una sentenza di primo grado che lo aveva inchiodato per appropriazione indebita, con cinque anni di carcere e pena sospesa.

L'oppositore russo, che intendeva correre contro Vladimir Putin alle prossimi presidenziali, avrà ora la strada sbarrata. La vicenda per cui gli è stata confermata la condanna riguarda l'appropriazione indebita di legname per un valore di 500mila dollari quanto era consulente del governatore della regione di Kirov.

Un processo, quello su cui ha deciso l'appello, che Navalny ritiene politicamente motivato. L'oppositore era stato scarcerato ad aprile, dopo l'arresto durante le proteste contro la corruzione che aveva organizzato a Mosca e che il governo aveva bollato come illegali.

608px;">Ieri il leader dell'opposizione ha scritto su twitter di avere perso l'80% della visuale dell'occhio destro dopo un attacco subito la scorsa settimana, quando uno sconosciuto gli ha gettato colorante verde in faccia, per poi darsi alla fuga.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica