Dieta chetogenica contro il tumore al cervello, quali benefici?

Lo studio è stato condotto da Roy E. Strowd, ricercatore della Wake Forest School of Medicina e membro dell'American Academy of Neurology

La dieta chetogenica può essere utile contro il tumore al cervello?

La dieta chetogenica è una strategia nutrizionale basata sulla riduzione dell'apporto di carboidrati. In questo modo l'organismo è costretto a produrre in maniera autonoma il glucosio e ad aumentare il consumo energetico dei grassi contenuti nel tessuto adiposo. Letteralmente la parola chetogenica ha il significato di "dieta che produce corpi chetonici", ovvero tre composti normalmente presenti nel sangue in piccole quantità: acetone, acido acetoacetico e acido beta-idrossibutirrico.

Secondo uno studio condotto da Roy E. Strowd, ricercatore della Wake Forest School of Medicina a Winston-Salem e membro dell'American Academy of Neurology, una dieta chetogenica modificata potrebbe apportare benefici per i soggetti affetti da un tipo di tumore al cervello, l'astrocitoma.

Il regime alimentare, seguito da persone che avevano completato il trattamento con radiazioni e chemioterapia, ha portato cambiamenti nel metabolismo del corpo e del cervello. La ricerca, tuttavia, non è stata progettata per capire se la dieta chetogenica sia in grado di rallentare la crescita della neoplasia o di migliorare la sopravvivenza. I risultati della stessa sono stati pubblicati su "Neurology".

Le cellule cancerose sfruttano il glucosio per dividersi e crescere. Come già accennato la dieta chetogenica è povera di zuccheri. Partendo dalla considerazione che le cellule cerebrali normali possono sopravvivere con i chetoni, Strowd vuole dimostrare che le cellule tumorali non sono capaci di usare i chetoni per produrre energia.

L'analisi ha coinvolto 25 pazienti affetti da astrocitoma. Tutti hanno seguito un tipo di dieta chetogenica, la dieta Atkins modificata con digiuno intermittente, per 8 settimane. All'inizio dello studio, i soggetti hanno incontrato un dietologo; successivamente le consulenze sono state pianificate ogni 2 settimane. Per 5 giorni alla settimana seguivano la dieta modificata e 2 giorni alla settimana digiunavano, mangiando fino al 20% della loro quantità giornaliera raccomandata di calorie. L'obiettivo principale della ricerca era quello di vedere se i malati fossero in grado di seguire la dieta chetogenica senza gravi effetti collaterali.

21 individui hanno completato l'indagine e il 48% ha seguito completamente il regime alimentare. Ma i test delle urine hanno mostrato che l'80% dei partecipanti ha raggiunto il livello in cui il corpo utilizza principalmente i grassi e le proteine come carburante al posto dei carboidrati. La dieta chetogenica è stata ben tollerata. Solo 2 persone hanno avuto gravi effetti collaterali, uno di questi non correlato alla stessa. Alla fine della ricerca sono stati osservati cambiamenti del metabolismo nel corpo e nel cervello. I livelli di emoglobina A1c, di insulina e la massa grassa sono diminuiti.

Inoltre, vi è stato un aumento della massa magra e le scansioni cerebrali specializzate che rilevano cambiamenti nei metaboliti del cervello hanno mostrato un aumento delle concentrazioni di chetoni e modificazioni metaboliche nel tumore. Sono ovviamente necessari ulteriori studi per determinare se la dieta chetogenica sia in grado di prevenire la crescita delle neoplasie cerebrali e di migliorare la sopravvivenza. Tuttavia i risultati ottenuti dall'analisi mostrano che questo regime alimentare è sicuro e induce con successo cambiamenti nel metabolismo del corpo e del cervello.

Commenti

Grazie per il tuo commento