Funghi, un aiuto dalla terra che non deve mai mancare a tavola

I funghi sono fonte di sali minerali preziosi, vitamine e antiossidanti che aiutano a rafforzare il sistema immunitario e contrastare malattie neuro-degenerative come il morbo di Parkinson e l’Alzheimer. Ecco perché non devono mai mancare a tavola

Funghi, perché sono fonte di benessere

I funghi sono i protagonisti di molte pietanze autunnali del nostro Paese. Infatti, sono uno dei prodotti più utilizzati in cucina. Dalle innumerevoli varietà sono in gradi di soddisfare qualsiasi tipo di palato. Hanno una consistenza e un sapore particolare e sono conosciuti per le loro innumerevoli proprietà benefiche, valorizzate dalla medicina naturale cinese.

Ricchi di proteine e aminoacidi essenziali, apportano all’organismo preziosi sali minerali come magnesio, potassio, ferro, fosforo, calcio e selenio. Da non trascurare è anche l’apporto di vitamina D e vitamine del complesso B, importanti per contrastare la stanchezza psico- fisica e rafforzare il sistema immunitario.

Perché i funghi sono fonte di benessere

Secondo un recente studio condotto dalla National University di Singapore e pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease, i funghi contengono una particolare sostanza chiamata ergotioneina, un aminoacido dall’azione antinfiammatoria e antiossidante. Grazie a questa sostanza, i funghi risultano un valido alleato per prevenire la comparsa di malattie neurodegenerative come il Morbo di Parkinson e l’Alzheimer, aiutando a mantenere giovane e attivo il cervello contrastando il suo invecchiamento precoce.

Sono molti, però, i benefici già noti di questi preziosi frutti della terra:

  • antibiotico naturale: riequilibrano l’azione del sistema immunitario in presenza di infiammazioni o allergie;
  • alleati della salute del cuore: grazie all’azione dei loro preziosi aminoacidi, mantengono basso il livello del colesterolo cattivo nel sangue responsabile di malattie cardiovascolari pericolose;
  • fonte di energia: ricchi di sali minerali, come magnesio e potassio, risultano ottimi per contrastare la stanchezza psico-fisica, soprattutto legata ai cambi stagionali. Per questa azione energizzante sono considerati degli ottimi integratori naturali;
  • aiutano a dimagrire: donano un immediato senso di sazietà. Si stima che il loro apporto calorico sia molto basso. Per questo motivo sono i protagonisti di molte diete finalizzate al dimagrimento;
  • depurano l’organismo: svolgono un’azione drenante e depurativa da tossine e scorie in eccesso perché contengono molta acqua;
  • antitumorali: grazie al selenio aiutano a prevenire l’insorgere del cancro alla vescica. Validi anche per contrastare il cancro al colon;
  • contrastano l’anemia: ricchi di ferro, sono preziosi nel prevenire e contrastare la carenza di questo minerale che, a lungo andare, può provocare l’anemia e sintomi fastidiosi quali debolezza e mal di testa;
  • fanno bene alle ossa: ottima fonte di calcio, utile per contrastare l’osteoporosi e mantenere forti le ossa e i denti;
  • azione anti-aging; i loro antiossidanti, oltre a combattere l’invecchiamento cerebrale, prevengono la formazione dei radicali liberi contribuendo a mantenere giovane, elastica e luminosa la pelle.

Quali sono le controindicazioni dei funghi

Le loro potenziali controindicazioni sono legate ad eventuali allergie o intossicazioni ,per eccesso di quantità. Quando si verifica un’intossicazione da funghi si avverte un senso di nausea, accompagnata da dolori addominali, vomito o diarrea. Questo avviene perché i funghi risultano molto difficili da digerire.

A volte si possono riscontrare dei problemi a causa di una cattiva conservazione di funghi sott’olio, con la quale si può sviluppare un batterio pericoloso chiamato botulino, responsabile di problemi anche gravi a livello digestivo.

Commenti