Ecco il vero segreto della maschera fai da te

Esiste una maschera indicata per ogni tipologia di pelle, da quella grassa a quella sensibile. Prepararle in casa è facile e veloce, se si utilizzano i giusti ingredienti

Ecco il vero segreto della maschera fai da te

Efficaci, semplici da applicare ed economiche: le maschere per il viso fai da te sono la soluzione migliore per chi vuole prendersi cura di sé in maniera naturale. Dall'argilla al miele, gli ingredienti utilizzati sono tanti. L'importante è scegliere la combinazione più adatta alla propria tipologia di pelle. Una pelle secca, ad esempio, è facilmente riconoscibile perché appare ruvida e tesa. A caratterizzarla, inoltre, sono le rughe e i segni di espressione, problematiche queste meno evidenti in caso di pelle grassa.

Dall'aspetto untuoso e lucido e dal colorito spento, essa presenta pori dilatati e, non di rado, anche lesioni acneiche. L'eccessiva produzione di sebo è tipica anche della pelle mista, tuttavia l'untuosità è concentrata solo nella zona T (fronte, naso, mento). Quando prude, si desquama, pizzica e si arrossa: la pelle è sensibile e deve essere trattata in maniera molto delicata. Scopriamo insieme quali sono le maschere fai da te maggiormente indicate per ogni esigenza e come si realizzano.

Maschere all'argilla per purificare la pelle

L'argilla è un deposito minerale prodotto dall'erosione delle rocce. Ha granelli molto piccoli e presenta silicati, alluminio e acqua in percentuali differenti a seconda della tipologia. Ne esistono, infatti, diverse varietà: bianca, verde, gialla, rossa, blu e beige. In caso di pelle grassa risultano molto efficaci le maschere all'argilla verde ventilata conosciuta anche come argilla essiccata al sole.

Composta per il 50% da silice e per il 14% da alluminio, essa ha un'elevata capacità assorbente. Non solo intrappola il sebo in eccesso e i punti neri, ma tonifica la cute poiché stimola la circolazione del sangue ed elimina le cellule morte. L'argilla verde si acquista in polvere in erboristeria o nei negozi specializzati in cosmetici biologici. Le maschere possono essere usate una o due volte alla settimana.

Ingredienti

  • Un bicchiere di argilla verde ventilata;
  • mezzo bicchiere di acqua naturale;
  • un cucchiaino di miele;
  • un cucchiaino di olio di mandorle dolci.

Preparazione

Sciogliere il miele nell'acqua, aggiungere l'olio e amalgamare il tutto aggiungendo un po' alla volta l'argilla in polvere. Si otterrà un composto dalla consistenza di una crema che andrà spalmato sul viso, lasciato agire per 10-15 minuti e risciacquato con abbondante acqua calda. Per migliorare gli effetti è possibile aggiungere qualche goccia di olio di jojoba.

Maschere all'olio essenziale di lavanda per riequilibrare la pelle

L'olio essenziale di lavanda viene estratto secondo il metodo di distillazione in corrente di vapore delle sommità fiorite di questa pianta, appartenente alla famiglia delle Labiate. Dall'intenso e dolce profumo erbaceo, esso non possiede solo proprietà rilassanti, ma viene impiegato altresì nella preparazione di maschere indicate per la pelle mista.

Questa tipologia di cute, come già accennato, presenta un eccesso di sebo solo nella zona T (fronte, naso, mento). Le guance, invece, tendenzialmente sono secche. La capacità dell'olio essenziale di lavanda è proprio quella di riequilibrare la pelle mista, agendo su due fronti: da un lato riduce l'untuosità e dall'altro apporta nutrimento alle aree più aride.

Ingredienti

  • Un cucchiaino di olio essenziale di lavanda;
  • due cucchiai di farina di riso;
  • due cucchiai di gel d'aloe;
  • un cucchiaio di miele.

Preparazione

Unire alla farina di riso l'olio essenziale di lavanda. Aggiungere il gel d'aloe e il miele e mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo. Stenderlo sul viso, tenerlo in posa per circa 15 minuti e risciacquare con acqua tiepida. La maschera può essere ripetuta ogni settimana oppure ogni due settimane, a seconda delle esigenze.

Maschere al miele per idratare la pelle

Noto anche come nettare degli dei, il miele è un alimento particolarmente indicato per la preparazione di maschere destinate a contrastare le problematiche della pelle secca che appare ruvida, tesa e desquamata. Ricco di proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antimicotiche, esso protegge la cute dall'aggressione degli agenti atmosferici.

I flavonoidi e i polifenoli in esso contenuti garantiscono una preziosa azione antiossidante. Da non dimenticare, infine, la sua composizione zuccherina che, insieme ai sali minerali e alle proteine, lo rende efficace nell'dratare e nell'umettare la pelle, alla quale restituisce morbidezza e luminosità.

Ingredienti

  • Due cucchiai di miele;
  • Due cucchiai di olio d'oliva.

Preparazione

In una ciotola mescolare due cucchiai di miele con due cucchiai di olio di oliva, fino ad ottenere un composto omogeneo. Prima di applicarlo sul viso, lavare la pelle e lasciarla un po' umida. La maschera va tenuta in posa per 15 minuti. Se oltre all'idratazione si desidera anche un effetto anti-age è possibile sostituire all'olio di oliva la polpa di una banana.

Maschere alla camomilla per lenire la pelle

La pelle sensibile la si riconosce con facilità. Maggiormente predisposta a reagire in maniera negativa ad agenti fisici e/o chimici irritanti, è spesso arrossata, prude e brucia, in particolar modo dopo l'applicazione di prodotti cosmetici.

Prendersene cura è doveroso e un aiuto può arrivare dalle maschere alla camomilla. Dall'azione antinfiammatoria e calmante, questa pianta riesce a lenire i fastidi tipici della cute reattiva ed è indicata anche in caso di couperose, o altrimenti definita rosacea, di eczema, di psoriasi e in presenza di reazioni allergiche cutanee.

Ingredienti

  • Due cucchiai di fiori di camomilla;
  • due cucchiai di gel di aloe vera;
  • due cucchiai di argilla bianca;
  • due cucchiai di infuso concentrato di camomilla.

Preparazione

Pestare in un mortaio i fiori di camomilla e aggiungere l'argilla bianca e il gel di aloe vera. Questi ingredienti vanno poi amalgamati con l'infuso concentrato da aggiungersi molto lentamente. Il composto ottenuto, denso e cremoso, è lasciato in posa per massimo mezz'ora. Un effetto ancora più lenitivo può essere ottenuto sciacquando la maschera con l'infuso stesso.

Commenti