Porro, l'ortaggio gustoso alleato della salute del cuore

Il porro è un ortaggio dall’effetto disintossicante per l’organismo, grazie al suo alto contenuto di acqua e sali minerali. È contemplato in molte diete dimagranti ed è un valido antibiotico naturale e alleato del cuore

Porro, l'ortaggio gustoso alleato della salute del cuore

Il porro è un ortaggio dalle origini antiche, appartenente alla famiglia delle piante Liliaceae. Ottimo sostituto della cipolla e dell’aglio. Spesso è preferito proprio per il suo gusto più delicato e soprattutto per la sua alta digeribilità.

È costituito in prevalenza da acqua ma è anche ricco di fibre, proteine e zuccheri. Edibile sia crudo che cotto, è una fonte preziosa di sali minerali come potassio, magnesio, selenio, fosforo, rame, ferro, sodio, calcio, manganese, aminoacidi, acido folico e vitamine.

Quali sono gli effetti benefici del porro

Di questo ortaggio si consuma la parte inferiore del suo fusto che risulta quella più tenera. I nutrizionisti consigliano di mangiarlo soprattutto crudo per poter sfruttare al massimo di tutti i suoi effetti per la salute. Numerose, infatti, sono le proprietà benefiche riconosciute a questo ortaggio salutare:

  • rafforza il sistema immunitario: fonte di vitamine C, B6 e B9 il porro risulta un valido aiuto per contrastare l’attacco di virus e batteri, soprattutto durante la stagione invernale;
  • alleato della dieta dimagrante: composto in prevalenza da acqua, aiuta ad assumere poche calorie. È infatti protagonista di molte diete ipocaloriche e dimagranti;
  • utile in gravidanza: fonte di acido folico, facilita lo sviluppo del sistema nervoso nel feto prevenendo malattie genetiche come l’encefalopatia e la spina bifida;
  • effetto diuretico: depura l’organismo dalle scorie e dalle tossine in eccesso. Questo è un effetto prezioso per chi soffre di coliche renali e ritenzione idrica;
  • riduce il colesterolo cattivo: è un ortaggio alleato della salute del cuore nella prevenzione delle principali malattie cardiovascolari, come l’infarto. Indicato a chi soffre di ipertensione;
  • effetto antiossidante: contiene flavonoidi che svolgono un’azione idratante e mineralizzante dell’epidermide contribuendo a mantenere la pelle giovane, liscia e idratata;
  • stimola la digestione: le sue fibre solubili contribuiscono a regolarizzare il transito intestinale, facilitando il processo digestivo;
  • antibiotico naturale: grazie ad una sostanza chimica chiamata allicina, il porro è utile per curare l’organismo da funghi e batteri.

Usi e controindicazioni del porro

Il porro è molto utilizzato in cucina. Se consumato cotto è il protagonista di gustose minestre, risotti, zuppe e vellutate. A questi piatti conferisce un sapore delicato rispetto alla cipolla e all’aglio. Quando si preferisce consumarlo crudo diventa un ingrediente salutare per insalate o come contorno a portate di pesce.

Anticamente, il suo succo veniva utilizzato come rilassante naturale e rimedio contro l’insonnia, oltre che per la cura della pelle. Infatti il porro è utile per mantenere fresca l'epidermide del viso. Il suo decotto può anche essere utilizzato come riflessante per i capelli scuri.

Il consumo del porro è sconsigliato, invece, a chi soffre di pressione bassa, calcoli urinari e incontinenza urinaria. Siccome in esso vi sono tracce di nichel e allicina, è poco raccomandato anche a chi soffre di allergie a queste sostanze. Chi soffre di coliti o intestino irritabile dovrebbe mangiarlo, invece, con moderazione.

Commenti