Uova e colesterolo, nuovo studio lancia l'allarme

Le uova nuovamente al centro dell'attenzione perché considerate dannose per la salute, in particolare per il benessere del cuore: lo spiega un nuovo studio

Uova e colesterolo, nuovo studio lancia l'allarme

Da sempre al centro dell'attenzione, le uova finiscono nuovamente nella lista nera degli alimenti, perché considerate dannose per il corpo e, in particolare, per il cuore. Nonostante nel tempo siano stati evidenziati i benefici e le proprietà di questo alimento, una recente ricerca avrebbe sottolineato gli esiti di sei studi effettuati su 30.000 persone nell'arco di diciassette anni. Come riporta anche il New York Times, l'assunzione quotidiana di uova potrebbe incidere sui valori giornalieri di colesterolo, che non devono superare i 300 milligrammi: questo aumenterebbe del 17% i rischi cardiocircolatori, con un incremento del 18% di morte prematura. Un singolo tuorlo contiene 185 milligrammi di colesterolo: l'eventuale aggiunta di un secondo uovo graverebbe sul cuore.

Lo studio, condotto dal dott. Robert H. Eckel, avrebbe portato a risultati molto più articolati e sicuramente più completi rispetto al passato, con dati sufficienti per sottolineare l'impatto negativo dato da un'eccessiva assunzione di uova.

A dispetto del singolo regime alimentare, la presenza delle uova inciderebbe sui valori del colesterolo e quindi sulla salute del corpo. Da sole sono un alimento prezioso e importante, perché ricco di minerali, amminoacidi e proteine: i benefici sono innegabili perché l'assunzione agirebbe positivamente sulla vista, sulla cute ma anche sul benessere del sistema nervoso e del fegato. Per ovviare alla problematica è bene introdurle in modo consapevole all'interno del singolo regime alimentare, evitando di eccedere ma moderandone il consumo, in particolare quello dei tuorli. La necessità è quella di tenere sotto controllo i livelli di colesterolo, per non incrementare le problematiche di tipo cardiovascolare, inserendo le uova all'interno di un piano alimentare equilibrato e salutare.

La ricerca non punta a demonizzare le uova e ad annularne il consumo, ma suggerisce un approccio differente nei confronti delle stesse e della loro assunzione. Inoltre, cerca anche di comprendere l'impatto che possono avere su popolazioni differenti, con usi e abitudini alimentari e di vita diversi. Le uova contengono lecitina, in grado di potenziare gli effetti del colesterolo considerato "buono", più salutari e digeribili in particolare se consumate alla coque, sode o in camicia. Come anticipato, meglio moderarne il consumo seguendo il quantitativo di un uovo in coppia con un albume di un secondo uovo, così da limitare la presenza del tuorlo.

Commenti