Peter Dinklage, dal bullismo al Trono di Spade

Peter Dinklage, che ha interpretato Tyrion Lannister ne "Il Trono di Spade", è stato bullizzato da piccolo: prima di Got gli offrivano solo ruoli caricaturali

Peter Dinklage - Lo scemo del villaggio

Non so voi, ma se c’è una serie tv che mi ha emozionato, fatto sognare e tenuto incollato per ore allo schermo, è proprio “Il Trono di Spade”. Tanti i personaggi che hanno fatto volare la mia fantasia: tra questi Tyrion Lannister, interpretato da Peter Dinklage, meraviglioso attore oggi diventato famoso in tutto il mondo.

Peter nasce nel 1969 a Morristown, Stati Uniti. Alla nascita purtroppo gli viene diagnostica l’acondroplasia, una malattia rara ed ereditaria che porta le gambe e le braccia a crescere meno dal resto del corpo. Praticamente Peter è un nano e attualmente la sua statura è di 135 centimetri.

Da sempre i nani sono stati considerati buffoni di corte, utilizzati nei circhi come attrazione, dipinti nelle menti comuni come diversi, come fenomeni da baraccone. E anche Peter non sfugge. Viene deriso a scuola fin da ragazzo, schernito, preso in giro con scherzi crudeli, ma lui non si è abbatte, anzi decide di intraprendere un lavoro che lo metta in evidenza, che lo mostri per quello che è, senza nessuna paura: scegli di fare l’attore.

Nel 1991 si laurea in arte drammatica e si trasferisce a New York, ma non è facile per lui lavorare nelle compagnie teatrali, perché i ruoli offerti sono sempre caricaturali e lui non accetta. E per anni è costretto a fare l'impiegato in una società informatica. Nel 1995 però arriva il primo ruolo al cinema e viene molto apprezzato, cosicché molti registi iniziano a volerlo nel cast.

Nel 2009 arriva il successo planetario, interpreta uno dei personaggi più belli, completi e forse difficili della serie “Il Trono di Spade”. Vince quattro premi Emmy e un Golden Globe come miglior attore non protagonista.

In un’intervista Peter racconta:

I nani appaiono spesso nel genere fantasy, e quando lo fanno sono sempre delle caricature... Tyrion invece è uno dei personaggi più ricchi che io abbia mai visto. È un essere umano.

Diventa vegetariano, si sposa con la regista teatrale Erica Smith dalla quale ha due figli e s'impegna per gli altri, dichiarando di essere un portavoce di tutte le persone piccole.

E anche questa volta abbiamo conosciuto, chi da ragazzo considerato lo scemo del villaggio, da grande è diventato un genio del mondo.

Commenti