Scintille sulle domeniche a piedi La Provincia: «Non decide Pisapia»

Il tempo vira verso l’autunno e già si torna a parlare di domeniche a piedi. È Giuliano Pisapia a spiegare di voler programmare da subito la tabella di non marcia: «Credo sia fondamentale ragionare adesso su provvedimenti che potranno essere necessari a gennaio o a febbraio». Immediata la replica della Provincia per bocca dell’assessore ai trasporti. Giovanni De Nicola protesta: «I provvedimenti antismog dovrebbero essere concordati al tavolo provinciale in modo da garantire una maggior efficacia». A sostenere la necessità di un coordinamento ancora più ampio, da sempre, è anche la Regione. E intanto l’ex vicesindaco, Riccardo De Corato, difende l’ambientalismo della giunta Moratti: «Pisapia è stato male informato. Infatti l’anno scorso a febbraio 2010 era entrato in vigore il regolamento sulle domeniche a piedi».
Pisapia scende in campo anche sui temi romani: «Molti mi chiedono di entrare nell'agone politico nazionale». Rottama il trio Di Pietro, Vendola, Bersani: «Fanno politica da vent’anni e c’è bisogno di una rotazione degli incarichi». Boccia anche Luca Cordero di Montezemolo. Invece fa da sponsor del banchiere Alessandro Profumo, «volontario della Casa della Carità».

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento