Sgarbo di Penati Diserta l’invito del governatore sul Pirellone bis

Entra nel vivo la campagna elettorale per il Pirellone. Roberto Formigoni invita gli altri candidati presidente a visitare l’Altra Sede della Regione ma il principale sfidante, Filippo Penati, preferisce disertare l’appuntamento con il grattacielo più alto della città. Mancherà all’appello anche Savino Pezzotta, causa assenza di investitura ufficiale, che arriverà solo dopo la prossima settimana.
Penati non nasconde il suo desiderio di desistenza con l’Udc. «Non è una partita chiusa - sostiene il candidato del Pd -. Credo si possa fare una sorta di accordo di collaborazione su molti punti a partire dai temi della famiglia». Un tentativo già fallito quando l’ex presidente della Provincia era in corsa per palazzo Isimbardi.
All’appuntamento all’Altra Sede con Formigoni sono attesi il radicale Marco Cappato, Vito Crimi delle Cinque Stelle di Beppe Grillo e Vittorio Agnoletto, il medico scelto dai Comunisti come candidato presidente di bandiera (ma non in lizza per il posto in consiglio regionale, che probabilmente toccherà a Luciano Muhlbauer). L’ex portavoce del Genoa Social Forum ha avuto un primo scontro con Penati, che lo accusa di attaccare lui invece che Formigoni. «Chiedo un confronto pubblico con Penati» replica Agnoletto. Ma Penati lo snobba: «Chieda il confronto a Formigoni».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.