«Silvio è solo un playboy» La verità è una: tutta invidia

«Silvio è solo un playboy» La verità è una: tutta invidia

A differenza dell’italiano medio, che in materia sessuale «racconta» più di quel che fa, Silvio Berlusconi incredibilmente fa molto più di ciò che dice e questo porta allo sconforto totale il vostro vicino di sdraio (magari argomenta «È prigioniero del suo reality»). Che volete farci, dopo generazioni di collezioni di farfalle inesistenti («vieni su che te le mostro», era un classico) accade che le farfalle ci siano davvero ma senza trappola. E il problema, in fondo, è la quantità. Va bene modica. Un’amante sì, due insomma. Fior sì, ma non gioielli (che invece rappresenta un mercimonio!).
Ma il punto della questione è un altro: ad ascoltare le intercettazioni, anzi sarebbe meglio chiamarle registrazioni, fossero vere, sospetti che - più che ad un impeachment - questi che hanno mosso guerra al Cavaliere lavorino ad un’agiografia: infaticabile, cortese, galante. Sarebbe a dire, qui con una vita normale-normale si arriva a casa e poco poco rimangono le forze per la cena mentre quello, il premier Berlusconi, governato uno Stato, quando vive la sua vita privata va a finire che umilia il camionista che è in noi e fa sognare la casalinga che non è accanto a lui. Allora non resta che sostenere addirittura: «È un po’ malato»...

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti