Carmen Consoli era a Parigi la notte dell'attentato: "Non riesco più a cantare"

La cantante è sotto choc per gli eventi di venerdì scorso e ha deciso di annullare tutti i suoi impegni

Carmen Consoli era a Parigi la notte dell'attentato: "Non riesco più a cantare"

Continuano ad emergere, anche dopo cinque giorni, testimonianze celebri e non di chi ha vissuto gli attimi di terrore di quella notte parigina di venerdì scorso. Ultima in ordine di tempo è il racconto di Carmen Consoli.

Dal suo profilo Facebook lancia un messaggio ai fan per direre che non riesce più a cantare, spiegando che quella sera, anche lei si è trovata protagonista indiretta di quell'inferno.

La cantantessa - come si fa chiamare da pubblico e critica - scrive: "La musica, l'arte sono espressione di bellezza e fonte di grande felicità. Mi perdonerete, quindi, se in questo momento non riesco a trovare nel mio cuore la gioia che mi ha sempre spinta a suonare. Venerdì ero a Parigi, ho trascorso la serata e la notte rintanata ad ascoltare rumori sinistri salire dalla strada: spari, urla, sirene".

Poi il messaggio comunica una cattiva notizia per i fan: "Ho atteso e riflettuto, ma non posso cantare: il canto mi si ferma in gola. Tornerò presto sul palco, ma non ora. Il tour estero dovrà attendere. Scusatemi. À bientôt, Paris. Carmen".

La musica, l'arte sono espressione di bellezza e fonte di grande felicità. Mi perdonerete, quindi, se in questo momento...

Posted by Carmen Consoli on Mercoledì 18 novembre 2015

Commenti