Fedez e Chiara Ferragni raccolgono più di 3 milioni in 24 ore per il San Raffaele

Dopo l'iniziativa lanciata da Chiara Ferragni e Fedez, che in appena 24 ore ha raccolto oltre 3 milioni di euro, altre raccolte fondi si sono attivate e altri personaggi noti stanno sostenendo i progetti da Bianca Atzei e Stefano Corti allo stilista Giorgio Armani

"È pazzesco e fantastico", così Fedez ha commentato lo straordinario risultato della raccolta fondi lanciata insieme alla moglie, Chiara Ferragni, poco meno di 24 ore fa per sostenere e rafforzare la terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele. Un risultato incredibile da oltre 3 milioni di euro, che ha coinvolto non solo l’Italia ma anche il resto del mondo. Attraverso una nota ufficiale condivisa sui rispettivi profili social, Fedez e Chiara Ferragni hanno fatto sapere che in appena un giorno sulla piattaforma Gofoundme sono arrivare 162mila donazioni da oltre 93 paesi in tutto il mondo, che hanno permesso di raccogliere già 3,2 milioni di euro. Un'ondata di solidarietà che non accenna ad arrestarsi.

Fedez e Chiara Ferragni hanno commentato con estrema felicità il risultato raggiunto. Le donazioni continuano ad arrivare numerose e sostanziose e il messaggio è confortante. "Volevo ringraziare tutti voi personalmente – ha detto il rapper milanese nelle storie del suo profilo Instagram - i personaggi pubblici che hanno condiviso la raccolta e diffuso il messaggio. C’è stata una raccolta che non ci aspettavamo è un grande messaggio di unione e coesione del nostro paese. E la cosa più bella è che è come se si fosse accesa una miccia, perché da questa campagna ne sono nate altre che stanno andando bene per aiutare anche altri ospedali".

La coppia ha lanciato l’iniziativa in collaborazione con l’ospedale San Raffaele nella mattina di ieri, 9 marzo, facendo una prima donazione personale da 100mila euro. Una raccolta fondi in favore dell’ospedale San Raffaele destinata alla creazione di nuovi posti letto nel reparto di terapia intensiva necessari ad affrontare l’emergenza sanitaria del coronavirus. L’iniziativa ha superato ogni aspettativa con oltre 3 milioni di euro raccolti e ha dato il "la" ad altre raccolte fondi. La cantante Bianca Atzei e il compagno Stefano Corti, inviato de "Le Iene", hanno lanciato una raccolta di donazione destinata a supportare le terapie intensive degli ospedali del Gruppo San Donato, mentre Melita Toniolo sta promuovendo le iniziative dell’ospedale "Buzzi" di Milano e dell’ospedale "Infermi" di Rimini.

I personaggi famosi sono dunque in prima linea nella lotta all'emergenza sanitaria in atto nel nostro Paese. Anche il gruppo Armani, con a capo lo stilista Giorgio Armani, ha deciso di fare un passo concreto in aiuto delle istituzioni, donando un milione e 250mila euro agli ospedali "Sacco", "San Raffaele", "Istituto dei Tumori di Milano", "Spallanzani" di Roma e a supporto dell'attività della protezione civile.

Perché l'unione fa la forza.

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez) in data:

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mar, 10/03/2020 - 15:46

Da vecchio cinico quale sono, non riesco proprio a commuovermi. Raccogliere e donare soldi degli altri è sempre meglio che non aprire i cordoni della propria borsa. E i Ferragni compiono ogni atto solo se vi è uni ritorno di immagine, e quindi di introiti. Quanto ad Armani che dire? Vale lo stesso discorso. Un milione e duecentocinquantamila euro a fronte di un patrimonio di 8,5 MILIARDI di dollari (Forbes) la dice lunga sul significato della parola generosità.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Mar, 10/03/2020 - 17:25

Beppe58 La coppia ha lanciato l’iniziativa in collaborazione con l’ospedale San Raffaele nella mattina di ieri, 9 marzo, facendo una prima donazione personale da 100mila euro. Lei invece, quanto ha versato? E quanto si è impegnato per raccogliere fondi?

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mar, 10/03/2020 - 17:46

Lei quante donazioni di sangue ha fatto? E' stato donatore di midollo osseo? Ha adottato bambini a distanza? Ha mai aiutato disinteressatamente? I Ferragni sono una macchina da soldi. Hanno visto il tornaconto e si sono buttati a capofitto.

Ritratto di Trinky

Trinky

Mar, 10/03/2020 - 17:51

Beppe58.....lei quanto ha dato? Penso proprio un bel niente........

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mar, 10/03/2020 - 18:11

Risponda anche lei,Trinky, alle domande qui sopra.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 10/03/2020 - 18:24

certo che i nostri politici comunistoidi , si tengono ben stretti soldi e poltrona, del popolo sovrano ben poco gli interessa, consapevoli che sono alla fine della strada

rokko

Mar, 10/03/2020 - 18:53

Beppe58, prima che faccia la stessa domanda che fa a tutti, io dono abitualmente il sangue ed ho donato anche il midollo (purtroppo è stato inutile, ma non è colpa mia), ed ho anche aiutato disinteressatamente rimettendoci qualche decina di migliaia di euro oltre che lavoro fisico. Detto questo, i Ferragni hanno donato 100K euro, sarà poco, per loro, ma sono 100K.

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mar, 10/03/2020 - 20:03

Sono orgoglioso di sapere che ci sono persone, angeli come te, caro Rokko. L'Italia non affonda proprio per questo. Mi stupisce, però, la difesa ad oltranza, in questo caso, dei Ferragni. Certo, 100000 euro sono, come dici tu, una bella cifra. Non per loro, però. Hanno un giro di affar, per difetto,i di cinquanta milioni di euro (calcola la percentuale) e tale gesto "disinteressato" e pubblicizzato li sta portando esattamente dove volevano andare: ad un rialzo delle loro azioni. Tu,Rokko,hai donato senza dire e rimettendoci del tuo. Cappello! E loro?

rokko

Mer, 11/03/2020 - 14:56

Beppe58, a me 100K non sembrano bruscolini. Per me, la loro parte l'hanno fatta. C'è chi guadagna come loro o più, e non ha messo un euro. Non serve che si facciano i conti in tasca a chi dona.