Georgette Polizzi: "Ho la sclerosi multipla"

Nel giorno del suo compleanno Georgette Polizzi ha voluto raccontare ai suoi fan cosa le sta accadendo: "La mia è una malattia soggettiva, ma la testa fa tutto"

Soltanto un mese fa, Georgette Polizzi aveva annunciato ai suoi fan di essere stata ricoverata in ospedale per accertamenti neurologici, ora, dopo settimane di esami e riabilitazione, la concorrente di Temptation Island ha rivelato cosa le è successo.

Come già aveva anticipato in alcuni video pubblicati su Instagram, la stilista vicentina ha scoperto di avere un problema all'improvviso, "un giorno con l'altro ho sentito il mio corpo paralizzato e così sono andata in ospedale per fare alcuni controlli". Ma una volta arrivata in ospedale, i medici l'hanno subito ricoverata per tutti gli accertamenti del caso.

Così sono passate le settimane, tra la paura di non farcela e la voglia di spaccare il mondo, Georgette Polizzi poco alla volta ha fatto passi in avanti. Ha ricominciato a camminare, si è alzata dalla sedia a rotelle e ora è finalmente tornata a casa. Oggi, nel giorno del suo compleanno, ha voluto aggiornare tutti quelli che le sono stati vicino in questo mese e che le hanno dato la forza di andare avanti. "Tutto è successo all'imporvviso - spiega - prima stavo bene e poi no. Ho perso completamente la sensibilità, ma la cosa triste è che io sono entrata in ospedale con le mie gambe e dopo qualche ora ero completamente paralizzata. I primi giorni sono stati duri e il peggio è arrivato quando mi hanno detto che dovevano ricoverarmi. Mi sentivo prigioniera del mio corpo, la mia mente voleva andare, ma il mio corpo non mi seguiva. Dopo circa un mese, è arrivata la mia diagnosi e parla di una malattia che mi accompagnerà per tutta la vita".

"Questa è una malattia soggettiva - continua Georgette - colpisce le persone in maniera diversa. Ma la cosa fondamentale è che con la testa arriverete lontano. I medici mi hanno detto che ho avuto dei miglioramenti rari, tutto questo perché la notte, invece di dormire, facevo gli esercizi. Sono certa che continuando così tornerò a camminare. Quello che volevo dire a tutti è non abbattetevi perché la testa fa tutto. Perché nelle malattie autoimmuni, ciò che conta è veramente l'umore. Il nome di questa malattia è la sclerosi multipla. Non ho paura di lei perché so che con la mia testa e la mia tenacia la posso vincere, posso arrivare a fare quello che voglio. Mi sento di dire a tutte le persone che soffrono di sclerosi multipla di non mollare, è difficile perché ci si sente stanchi. E' una malattia bastarda, ma se voi siete più bastardi di lei avete vinto. Grazie che ci siete stati, mai mollare".

Nonostante il momento difficile, Georgette non ha intenzione di mollare. Anzi. Ha talmente tanta forza e voglia di vivere da incoraggiare se stessa e gli altri. Forza Georgette!

Eccolo il mio video verità... Con questi video ho deciso di raccontavi ciò che mi è successo!! Ma ciò che conta non è la diagnosi ma la voglia di trasmettere a chi soffre di questa malattia bastarda che se chi ne è affetto è più bastardo di lei può vincere !! Una malattia “soggettiva” mi hanno detto ci sono persone che vivono normalmente... persone che invece hanno ricadute continue... persone che fanno sport e persone che non riescono più a camminare ma sapete cosa vi dico?!? IO FARÒ PARTE DELLA CATEGORIA PERSONE CHE CE LA FARANNO!! Io spaccheró il mondo perché amo la vita oltre ogni limite!! Innamoratevi della vita gente e vivrete in maniera strepitosa!! Grazie ha chi ha deciso di esserci... anche solo con un semplice messaggio... grazie a tutti per l’affetto che avete dimostrato!! Obbiettivo numero uno: LANCIARE LA MIA CARROZZA!! #nonsimollauncazzo #nonhopauradite #graziepollini

Un post condiviso da GEOᖇGETTE ᑭOᒪIᘔᘔI ® (@georgettepol) in data:

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.