Gf Vip, Paolo Brosio è guarito dal Covid: "Sono pronto a entrare nella Casa"

Paolo Brosio ha sconfitto il Covid ed è pronto a entrare nella casa del Grande Fratello Vip ma c'è molta prudenza per la forma contratta dal giornalista, che è stato ricoverato 25 giorni

Gf Vip, Paolo Brosio è guarito dal Covid: "Sono pronto a entrare nella Casa"

In un Grande Fratello Vip tramortito da improvvisi abbandoni e squalifiche per i più disparati motivi, rivelazioni e confessioni choc, aleggia il fantasma di Paolo Brosio. Il giornalista e opinionista televisivo era stato inserito nella rosa dei concorrenti di questa edizione e sarebbe dovuto essere uno dei personaggi più forti. Il suo ingresso era atteso da tanti ma, durante i primi due kick-off del programma non si è mai fatta menzione a lui. A quel punto sono iniziati i dubbi e le congetture, sospinte dal silenzio da parte del conduttore, dei concorrenti e del Grande Fratello stesso. È stato Brosio a infrangerlo, con un video pubblicato nel giorno del suo compleanno, in cui rivelava di aver contratto il coronavirus e di essere ricoverato.

Era il 27 settembre, il giornalista si trovava ancora ricoverato presso una clinica romana ma si è mostrato sorridente e ottimista: "Il tampone è negativo, la polmonite è regredita e io festeggio il mio compleanno, il più bello della mia vita". Dopo queste parole ci si aspettava l'ingresso di Paolo Brosio nella Casa ma poi è nuovamente calato il silenzio attorno a lui, tanto che molti hanno pensato che il giornalista non sarebbe più entrato al Grande Fratello. Invece, poche ore fa Brosio è tornato a parlare e stavolta l'ha fatto attraverso l'Adnkronos, annunciando le dimissioni dalla clinica. "Finalmente sono guarito, ho sconfitto il Covid. È arrivato l'esito del doppio tampone ed è negativo! Ora devo fare qualche giorno di recupero perché sono un po' spossato e poi sono pronto ad entrare nella Casa dell 'Gf Vip'", ha dichiarato Brosio riaccendendo la speranza nei suoi estimatori.

"Ho un contratto firmato. Non appena sono guarito io entro e faccio il mio lavoro. Uno che esce da un ospedale come questo è stato sottoposto a 80mila accertamenti, nessuno è più sicuro di me. Devo aspettare il secondo tampone, se è negativo io esco, non mi possono più tenere qua", aveva detto a poche ore dalla pubblicazione del video, sempre all'Adnkronos. Pochi i sintomi accusati da Brosio, che nonostante le 3 settimane e più di ricovero in isolamento non ha mai avuto bisogno delle macchine per la respirazione assistita: "Finalmente torno a vivere. È stato un incubo, sono stato chiuso in isolamento per 25 giorni e sono anche fortunato perché c'é gente che rimane positiva anche per più di un mese. Grazie a Dio non ho avuto problemi respiratori, solo una tosse secca, dissenteria e un po' di febbre. Ora mi sento benissimo".

Ora che per lui è finita la fase critica, è necessario un periodo di riposo per completare la convalescenza. "Andrò a Frascati e sarò alloggiato in un albergo che si trova vicino a Cinecittà dove spero ci sia anche un centro termale. Ringrazio i dirigenti e gli addetti ai lavori dell'ospedale Casalpalocco che mi sono stati molto vicini", ha detto Paolo Brosio, il cui ingresso al Grande Fraello continua comunque a essere a rischio. Benché sia guarito, è stato vittima di una forma abbastanza forte di Covid ed è necessario valutare se possa essere in condizione di partecipare al gioco.

Commenti