"Lesione della privacy". Ora i legali di Ambra Angiolini passano all'attacco

Dopo le accuse l'attrice ha dato mandato ai suoi legali di tutelare la sua onorabilità. E Silvia Slitti mette in mezzo anche Allegri: "La casa era stata presa dal suo ex compagno con lei"

"Lesione della privacy". Ora i legali di Ambra Angiolini passano all'attacco

Le accuse che Silvia Slitti ha mosso a Ambra Angiolini hanno sollevato un polverone. L'event planner ha accusato l'attrice di occupare abusivamente il suo appartamento milanese, quando il contratto sarebbe scaduto il 30 giugno. In mezzo alla vicenda c'è anche Massimiliano Allegri, che l'abitazione l'aveva affittata insieme all'ex compagna prima dell'addio (avvenuto a ottobre). Ora dopo il duro sfogo social della proprietaria di casa, le critiche e le polemiche scaturite e i dettagli, più o meno significanti, è arrivata anche la risposta di Ambra Angiolini.

Ambra Angiolini e Allegri, la casa affittata insieme

Come riporta il quotidiano Domani, la casa oggetto del contendere tra Silvia Slitti e Ambra Angiolini è l'appartamento milanese affittato "a Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini nel giugno del 2021", quando la coppia progettava un futuro insieme proprio nel capoluogo lombardo. A ottobre, però, l'attrice e il tecnico si lasciano a causa dei tradimenti di lui e in quell'abitazione Ambra Angiolini ci vive da sola. L'organizzatrice di eventi spiega che il contratto di locazione era di soli dieci mesi "ma allo scadere del contratto a giugno non se ne è mai andata".

Secondo le dichiarazioni di Silvia Slitti, la Angiolini avrebbe fornito "scuse su scuse", rimandando il trasloco e chiedendo "il favore di restare". Siamo a luglio e in campo scendono anche i legali di Max Allegri, tirato in ballo dalla padrona di casa dopo i tentativi falliti con Ambra. "Era stata presa dal suo ex compagno con lei, perciò ho iniziato a chiedere a lui come fare", riferisce a Domani la donna, che spiega: "A luglio iniziano a entrare di mezzo i legali dell'ex compagno e di lei dato che Ambra decide di far valere contro Allegri delle sue motivazioni personali in relazione a ciò che si aspettava da lui. Penso che siano 'cose loro', ma continuo a non capire cosa c'entri casa mia".

La svolta e le ragioni di Ambra Angiolini

Tra le due sembra esserci un chiarimento telefonico. Ambra chiede tempo e la Slitti le concede un "altro mese fino alla data simbolica del 15 settembre. Lei giura che per il 7 settembre mi lascerà casa". Ma a fine agosto la donna riceve una telefonata inattesa, che apre un nuovo scenario: "Senza alcun motivo, un giorno mi chiama la sua assistente, mi dice di non 'importunare' più la signora Angiolini, che è molto impegnata e che devo capire che non ha tempo per affrontare un trasloco se non tra svariati mesi ma non entro l’anno". In tutto questo la Slitti afferma che Max Allegri è stato "super disponibile" e ha sempre "pagato lui per tutta la durata del contratto". Almeno fino al 30 giugno. Così la palla è passata nelle mani dei legali.

Dall'altra parte Ambra Angiolini, interpellata da Domani, ha chiesto riservatezza sulla delicata questione: "E' una brutta storia, ci sono di mezzo i legali, non sono abituata a fare casino sui social". Ma attraverso i suoi avvocati Valeria De Vellis e Daniela Missaglia l'attrice ha smentito con forza ogni abuso. "Le notizie come diffuse nei post pubblicati sui social e ripresi da ulteriori network, notizie riportate in modo distorto e inappropriato - si legge nella nota ufficiale - con riferimento a una vicenda strettamente personale di cui si stanno occupando i legali delle parti coinvolte". I legali dell'attrice denunciano una grave "lesione della privacy e dell'onorabilità di Ambra Angiolini", chiedendo lo stop a illazioni e commenti.

Commenti