Le migliori maratone di serie tv da vedere su Netflix

Quali sono le migliori serie tv disponibili su Netflix da vedere, o rivedere, durante questo periodo di "reclusione" forzata? Ecco i titoli per una maratona come si deve

In questi giorni di allontanamento sociale disposto dalle autorità a causa del pandemia di coronavirus siamo obbligati a stare in casa per il bene proprio e di tutti. C’è quindi molto tempo per recuperare o rivedere, a seconda dei casi, alcune delle serie tv più famose presenti nel catalogo di Netflix.

Serie tv da vedere e rivedere

Netflix è la piattaforma streaming più diffusa ed è anche la "casa" di grandi cult seriali. Da qualche tempo orfana di Lost, su Netflix possiamo comunque trovare altri grandi racconti che non devono mancare nel curriculum del vero appassionato o che meritano una nuova visione in ricordo dei vecchi tempi. Ecco quali serie tv vi suggeriamo, tra titoli conclusi e ancora in corso.

Prison Break

Prison Break, cioè la saga di Lincoln Burrows e soprattutto di Michael J. Scofield. I due fratelli protagonisti sono al centro di uno dei racconti più emozionanti della televisione, con un livello di adrenalina tenuto sempre alto grazie alla pericolosa vita in carcere, ad un ingegnoso piano di fuga ideato da Michael ed un quadro generale della trama che man mano si svela. 5 stagioni, per un totale di 90 episodi, uno più incredibile dell’altro. Imperdibile per l’appassionato di serie tv.

American Crime Story

Un successo incredibile di pubblico e critica per le due stagioni di questa serie tv ontologica dedicata a controversi casi di cronaca nera che hanno scosso l’opinione pubblica americana. La prima stagione è incentrata sulla vicenda di O.J. Simpson e sul duplice omicidio della moglie e dell’amante, nell’incredibile cast ci sono Cuba Gooding Jr., John Travolta e Sarah Paulson. La seconda stagione invece si è occupata dell’omicidio di Gianni Versace, con protagonisti in questo caso Édgar Ramírez, Ricky Martin, Darren Criss, Ricky Martin e Penélope Cruz. Nel primo capitolo la vicenda ha avuto un focus principale sul famoso processo, mentre il seguito si è concentrato sul delitto e la ricerca del suo responsabile. In totale sono 19 episodi, in lavorazione invece la prossima stagione dedicata al sexgate che ha segnato la presidenza di Bill Clinton.

How I Met Your Mother

2030, l’amorevole voce del padre di famiglia Ted Mosby racconta ai due figli come ha conosciuto la madre. Ma il racconto andrà per le lunghe e durerà ben 9 stagioni, quindi 208 episodi da venti minuti ciascuno. Una storia divertente e romantica, che va oltre il resoconto di come Ted ha conosciuto la madre dei suoi figli, sfociando in un racconto nostalgico, con protagonisti un gruppo di inseparabili amici e la città di New York.

Mad Men

Don Draper è tra i pubblicitari più conosciuti di New York, precisamente di quella parte della città in cui lavorano i creativi: Madison Avenue. Una testimonianza patinata scandita dallo stile anni ’60, con abiti eleganti e brillantina sui capelli, drink old fashioned e whisky fin dal mattino, sigarette in ogni momento e numerosi rapporti fedifraghi, il tutto condito da geniali spot su sigarette, salse, cioccolata e linee aeree. Uno spaccato degli Stati Uniti che copre il periodo degli anni ’60 fino ai ’70, con i più importanti eventi del periodo, dall’attentato a Kennedy alla presidenza Nixon, passando per l’allunaggio. Ma Mad Men è soprattutto il racconto del dolore personale e taciuto del suo protagonista, l’iconico Don Draper, interpretato da Jon Hamm. 7 stagioni per 92 episodi, da non perdere.

Breaking Bad

Come non citare Walter White? Breaking Bad è uno dei titoli più conosciuti nel mondo delle serie tv ed entra di diritto in questa lista. Bryan Cranston interpreta Walter White, un professore di chimica del liceo della piccola città di Albuquerque, la cui vita viene sconvolta da una diagnosi di cancro. Il morigerato Walter decide quindi di buttarsi nel mondo della droga, cucinando metanfetamine di alta qualità grazie alle sue conoscenze scientifiche. Ad aiutarlo nella fase di preparazione l’ex studente Jesse Pinkman, più di un semplice socio in affari. Breaking Bad vi accompagnerà per 5 stagioni, cioè 62 episodi, con tanti personaggi di cui innamorarsi. Segnaliamo quindi anche la serie tv spin-off sull’avvocato Saul Goodman e il film El Camino, dedicato invece a Jesse Pinkman, presenti entrambi su Netflix.

Gossip Girl

Uno dei teen drama più conosciuti di sempre, una sorta di "Beautiful" 2.0 che però ha un epilogo a differenza della longeva soap americana. Gossip Girl è ambientata a New York ed ha come protagonisti un gruppo di giovani rampolli dell’alta società impegnati con i primi amori, i tradimenti e i ricchi fondi fiduciari, sempre aggiornati con gli scoop pubblicati sull’omonimo sito che dà il nome alla serie. 6 stagioni per 121 episodi complessivi dedicati all’élite di Manhattan, tutti su Netflix.

Homeland

Uscita nel 2011, Homeland è una spy story che si occupa di terrorismo ai giorni nostri. La serie tv vede protagonista Carrie Mathison, interpretata da Claire Danes, agente della CIA affetta da disturbo bipolare. Le prime stagioni sono caratterizzate dalla vicenda di Nicholas Brody, militare statunitense liberato dalla prigionia in medio oriente e riportato a casa come un eroe. Dietro tutto questo si nasconde un incredibile progetto terroristico che metterà in pericolo i massimi livelli governativi degli Stati Uniti. La serie, molto realistica nel racconto della minaccia terroristica, nel lungo periodo perde un po’ di appeal rimanendo pur sempre un "must watch". Su Netflix trovate le prime 6 stagioni.

Friends

La sitcom che ha traghettato gli spettatori dagli anni ’90 ai ’00. Nel catalogo di Netflix U.S.A. non c’è Friends, causa imminente arrivo di HBO Max che ha i diritti sulla serie tv. Per fortuna questo non riguarda (ancora) Netflix Italia, in cui possiamo trovare la serie tv comedy per eccellenza. Problemi di convivenza, amicizie che diventano amori e dolorose separazioni, con i suoi 236 episodi in 10 stagioni il gruppo di amici più famoso della tv vi terrà compagnia alternando la visione di altri contenuti o consentendo un’imponente maratona comica e romantica.

Peaky Blinders

Cillian Murphy è Thomas Shelby, il capo dei Peaky Blinders, temibile banda di Birmingham che dal primo dopoguerra ha imperversato nel Regno Unito. Come per Mad Men anche Peaky Blinders ha dalla sua lo stile, con abiti curati e cappelli che nascondono pericolose lamette, usati come armi durante gli scontri con altre gang o con la polizia. La serie tv procede con il racconto dell’ascesa della famiglia Shelby a braccetto con i più importanti eventi dell’Inghilterra del periodo, dall’avvento della classe operaia allo spettro dei nazionalismi in Europa che portarono poi alla seconda guerra mondiale. Su Netflix ci sono le 5 stagioni composte da 6 episodi ciascuna, più agili da recuperare rispetto ad altri grandi cult. Nei progetti del creatore Steven Knight ci sono altre due stagioni e un film.

Suits

Toni decisamente più leggeri per Suits, legal drama diventato famoso negli ultimi anni per la partecipazione nel cast di Megan Markle, divenuta poi dopo l’addio alla serie tv Duchessa di Sussex. Suits racconta la storia di Mike Ross, giovane prodigio del diritto che deve la sua fortuna ad una prodigiosa memoria fotografica. Mike però non ha frequentato l’università e non ha l’abilitazione per la professione forense. Questo segreto, condiviso con il mentore-capo-amico Harvey Specter, sarà l’elefante nella stanza della serie, tenendo tutti con il fiato sospeso ogniqualvolta il nemico di turno si fa più pericoloso. Su Netflix sono disponibili le stagioni dalla uno alla otto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.