Coronavirus

Niente quarantena per la Kidman

A Hong Kong, l'attrice entra senza rispettare le normative sanitarie

Niente quarantena per la Kidman

L'attrice Nicole Kidman sulla graticola social per aver evitato la quarantena in ingresso ad Hong Kong, dove è arrivata il 12 agosto per girare la serie Amazon Expats.

Secondo la stampa locale, l'attrice premio Oscar, ex moglie di Tom Cruise, è arrivata con un jet privato da Sydney ed è stata esentata dalla quarantena di 7 giorni in albergo imposta dalla città per le persone vaccinate che arrivano dall'Australia. Fra l'altro, in seguito all'aumento dei casi di variante Delta, da venerdì la quarantena per le persone vaccinate in arrivo dall'Australia sarà aumentata a 14 giorni, poiché il paese viene riclassificato da paese a basso rischio a paese a medio rischio.

Il South China Morning Post riporta che l'Ufficio per il commercio e lo sviluppo economico di Hong Kong, messo sotto pressione dalle richieste di spiegazione sul trattamento preferenziale riservato alla Kidman, ha confermato che l'attrice australiana e un'altra troupe cinematografica avevano ottenuto un'esenzione «per svolgere un incarico professionale prestabilito».

Finora le rigidissime regole di Hong Kong sembravano non aver risparmiato nessuno. Solo nelle ultime settimane, Mark Tucker, il presidente di Hsbc, una delle più grandi banche del mondo, è stato costretto a sottoporsi a una quarantena di tre settimane in hotel dopo essere arrivato dal Regno Unito. Ma ora il caso Kidman impazza anche perché secondo la stampa scandalistica l'attrice è stata vista in giro per lo shopping in città nell'ultima settimana.

Sui social le reazioni sono state uniformemente sdegnate. «Come ci si sente a sapere che se venite da Hollywood, siete esenti dalle barbare regole di quarantena a cui sono soggetti i residenti di Hong Kong?», ha scritto un utente. «Le medaglie olimpiche sono state messe in quarantena di ritorno a Hong Kong, ma Nicole Kidman no, perché è una star di Hollywood e ha bisogno di filmare Expats, ha twittato un altro. «Ciò di cui il mondo ha bisogno in questo frangente è una serie Prime Video sulle vite privilegiate degli espatriati americani a Hong Kong, con Nicole Kidman», ha sentenziato ironico un altro utente.

Commenti