La Regina a rischio contagio: positivo un lavoratore di Buckingham Palace

L'operaio è risultato positivo prima che la regina partisse per Windsor. Lo staff proverà a ricostruire tutti i movimenti del lavoratore per cercare di capire se ha avuto o meno contatti con la sovrana o con qualche suo stretto collaboratore

La Regina Elisabetta II giovedì è stata trasferita nella sua residenza a Windsor, dove rimarrà in isolamento insieme al marito Filippo di Edimburgo. È stata vista partire di buon’ora sulla sua auto, in compagnia del suo fedele Corgi. Nonostante questa precauzione, purtroppo la sua salute potrebbe essere comunque in pericolo. Secondo quanto riportato dalla rivista “The Sun”, un lavoratore di Buckingham Palace sarebbe risultato positivo al test per il Coronavirus, ancor prima che la Regina partisse. Proprio per questo, lo staff avrebbe organizzato il viaggio della sovrana per giovedì in fretta e furia. Secondo fonti reali, le condizioni di Elisabetta sarebbero ancora buone.

"L'operaio è risultato positivo prima che la regina partisse per Windsor – ha dichiarato la fonte -. Ma il Palazzo ha 500 membri del personale, quindi, come qualsiasi luogo di lavoro, non è inconcepibile che il dipendente possa essere interessato in qualche fase". Lo staff proverà a ricostruire tutti i movimenti del lavoratore per cercare di capire se ha avuto o meno contatti con la sovrana o con qualche suo stretto collaboratore. In attesa di ulteriori riscontri, Buckingham Palace ha già preso provvedimenti. "In linea con le regole ricevute, abbiamo adottato le misure necessarie per proteggere tutti i dipendenti e le persone coinvolte", ha continuato l’insider.

Elisabetta II, con i suoi quasi 94 anni (è nata il 21 aprile del 1926), è uno dei soggetti più a rischio, insieme al marito Filippo, che ha 98 anni. In settimana, il ministro della Salute inglese, Matt Hancock, ha invitato tutti gli anziani a rimanere a casa per evitare di essere contagiati.

Fino a mercoledì, la sovrana ha svolto come se nulla fosse i suoi doveri reali, tenendo anche incontri pubblici e non limitandosi solo ai rapporti con i membri più intimi del suo entourage. È stata attenta a non stringere mani e mantenere la distanza di sicurezza, ma la notizia del primo contagio a Buckingham Palace deve aver allarmato lo staff di Palazzo che prontamente l’ha spostata nella sua residenza di campagna, lontana dagli estranei e dagli eventi ufficiali.

Molto probabilmente sarà William, il primo membro più giovane del Consiglio di Stato, a prendere il suo posto in questa fase, portando a termine i compiti essenziali per permettere il corretto funzionamento della monarchia. Anche Carlo, come sua madre, dovrà rimanere in isolamento. Al momento si trova in Scozia, insieme a sua moglie Camilla. "Èdel tutto ragionevole per il principe William agire come sostituto della regina – ha commentato lo scrittore ed esperto della Corona, Nigel Cawthorne -. Deve esserci una presenza fisica nella monarchia, non può essere solo virtuale. È terzo in linea di successione per il trono e in ottima salute come suo fratello, ed è improbabile che il Covid-19 rappresenti una seria minaccia per lui, sua moglie o i suoi figli. Farà un ottimo lavoro".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.