Rubato in Francia "Composizione con autoritratto" di de Chirico

Sul posto, i custodi hanno trovato soltanto la cornice vuota all'ora di chiusura

Da Beaux-Arts Béziers
Da Beaux-Arts Béziers

Di autoritratti, Giorgio de Chirico (1888-1978) ne realizzò a decine. Ma in quelle tele vediamo sempre lui, indubitabilmente lui, con il suo naso importante, lo sguardo fisso sull'osservatore come a sfidarlo, i capelli prima neri e poi grigi e poi bianchi. E nonostante i cappelli secenteschi, i costumi che paiono usciti da un teatro di posa, e le sue, di pose, che sono d'altri tempi, nulla di più lontano all'impersonalità della Metafisica. Invece lì, nella Composizione con autoritratto datato 1926, l'artista è ridotto a un fantasma. Una sola linea nera ne descrive il contorno, e il volto e la conformazione del cranio hanno qualcosa di alieno. Quello non è il Giorgio de Chirico pittore, bensì l'idea nuda e cruda che Giorgio de Chirico aveva di sé in quel momento, quasi un estraneo, un visitatore non invitato nel quadro.

Proprio uno o più estranei, uno o più visitatori non invitati al Museo delle belle arti di Béziers, in Francia, hanno rubato quella Composizione con autoritratto. L'opera fa parte della Collezione Jean Moulin, figura importante della resistenza francese nato proprio a Béziers, ed è stata sottratta giovedì scorso nel pomeriggio. Definito «di inestimabile valore», il dipinto si trovava nell'Hotel Fabrégat, un albergo storico che è una delle due sedi del museo (l'altra è un altro ex albergo, il Fayet).

Sul posto, i custodi hanno trovato soltanto la cornice vuota all'ora di chiusura. Secondo Le Midi Libre, il maggior quotidiano locale, una delle ipotesi è che la tela sia stata rimossa con un taglierino. L'indagine è stata affidata alla polizia di Montpellier, ma in assenza di videosorveglianza all'interno e nelle adiacenze del museo, ritrovare i ladri non sarà facile. Intanto, il comune guidato dal sindaco Robert Ménard, il fondatore di Reporters sans frontières eletto al municipio con il sostegno del Front National, ha sporto denuncia.

Commenti