"Su Michael Jackson non ci sono prove". Madonna parla delle accuse al re del pop

Dopo le polemiche sul documentario di Michael Jackson, ora Madonna rivela il punto di vista sulla questione in una recente intervista

Le accuse che negli ultimi periodi sono state rivolte verso Michael Jackson hanno scosso, di nuovo, l’opinione pubblica internazionale. Il documentario "Leaving Neverland" ha aperto una ferita che ancora non si è rimarginata. Sulla questione è intervenuta anche Madonna che, in una recente intervista che ha rilasciato a British Vogue, prende le difese del’ex Re del Pop, defunto da più di 10 anni.

"La mentalità del linciaggio non mi appartiene, quindi nella mia mente le persone sono innocenti fino a prova contraria – afferma la regina del pop -. Sono convinta che le testimonianze di Robson e Safechuck non costituiscono una prova reale della sua colpevolezza. È vero a volte le persone mentono, ma a che scopo? Cosa vogliono ottenere? Soldi, per caso? Questa è una vera e propria estorsione". Sono molto dure le dichiarazioni di Madonna, pensieri che fanno riflettere su tutto il polverone mediatico che si è alzato dopo l’uscita dal documentario. “Io credo che Michael sia stato una vera forza della natura. Vi chiedo di fermare questo linciaggio”, conclude.

I due non si sono mai incontrati di persona, anche se è storia il fugace scambio di sguardi nel 1991, quando Jackson e Madonna, si sono intravisti alla notte degli Oscar.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.