In tv c'è A Star is Born. Così è nato l'amore fra Bradley Cooper e Lady Gaga

Alla (ri)scoperta di A Star is Born. Debutta su Canale 5 il film con Lady Gaga e Bradley Cooper che ha segnato una pagina importante per tutti gli amanti dei gossip cinematografici

È stato uno dei film più chiacchierati del 2018, diventato celebre ancor prima di arrivare sul grande schermo. Stiamo parlando di A Star is Born. Un po’ musical, un po’ drama di formazione con una buona dose di romance: il film che ha visto Lady Gaga e Bradley Cooper come indiscussi protagonisti è stato un vero e proprio successo al botteghino, macinando un consenso dopo l’altro, arrivando persino alla cerimonia degli Oscar del 2019. Ora la palpitante storia d’amore tra il cantante Jackson Maine e Ally Campana si guadagna la prima tv su Canale 5. Questa sera, martedì 15 settembre, A Star is Born debutta sulla rete ammiraglia di Mediaset, per una serata all’insegna della buona musica e, soprattutto, all’insegna delle grandi emozioni.

Remake di un omonimo film del 1937, quello che arriva su Canale 5 è il terzo adattamento dopo il musical del 1954 e quello in salsa rock del 1976, in cui figurava tra le protagoniste una raggiante Barbara Streisand. Bradley Cooper, qui nelle vesti di attore protagonista e di regista, realizza un film schietto e sincero, una miscela ben congeniata tra commedia musicale e romanzo d’amore. Debutta dietro la macchina da presa dopo una lunga gavetta tra piccolo e grande schermo, riuscendo a far splendere il mito di Lady Gaga. L’attore è stato capace di "spogliare" l’artista eccentrica e regina delle classifiche che è la signora Germanotta, mostrando una donna semplice ma onesta, lontana dalle luci della ribalta, mettendo in mostra solo il suo incommensurabile talento. A Star Is Born, infatti, vince esclusivamente per le interpretazioni dei due attori, che hanno regalato al film un’ottima veridicità. Tutto il resto? È un racconto già scritto.

A ritmo di musica: la storia di A Star is Born

Al centro della vicenda si intravede Jackson Maine. Lui è una star della musica rock, amato e venerato come un vero dio dai fan in tutti i suoi concerti. Jackson però è solo, è un gran bevitore, e soffre molto per il suo passato turbolento. Questo malessere lo riversa nelle sue canzoni e nell’alcol, fino a quando una sera, dopo un concerto, il suo destino non si lega indissolubilmente a quello di Ally. Lei di professione è una cameriera ma sogna di diventare cantante. Poche note appena sono bastate a Jackson per conoscere il talento della giovane. E così per Ally comincia la scalata al successo, una corsa che Jackson sostiene senza nessun ripensamento, anche se quel suo passato ingombrante inibisce ancora il suo presente. I due vivono una storia d’amore intensa e vibrante, che cresce di giorno in giorno. E mentre la carriera di Jackson cola a picco, Ally diventa una vera superstar. Tutto questo influisce pesantemente sul loro rapporto. Ally e Jackson si lasciano, si riprendono, si amano e si odiano, fino a quando entrambi non comprendono una sacrosanta verità: l’amore (quello vero) è più forte del successo, della musica e della notorietà.

E quel flirt tra Lady Gaga e Bradley Cooper

Il film è un successo acclamato e questo è un dato di fatto. La realizzazione però ha portato con sé una lunga serie di pettegolezzi (alcuni di questi mai del tutto confermati) che hanno stravolto la vita di Lady Gaga e soprattutto quella di Bradley Cooper. Si è notato che i due attori hanno avuto sempre un’ottima intesa durante le riprese. E i commenti ricevuti sono stati lusinghieri. La loro interpretazione era vera, reale e sentita. Questo ha fatto aguzzare l’orecchio degli amati del gossip, i quali più spesso, hanno affermato che tra Cooper e la Gaga ci fosse del tenero. All’epoca delle riprese del film, Lady Gaga era single. Da un anno aveva interrotto la sua relazione con Taylor Kinney. Tra l’altro, i due erano persino a un passo dal matrimonio. Bradley Cooper, invece, era legato (ma non sposato) alla modella Irina Shayk, relazione da cui è nata anche una bambina. Questi rumor si sono fatti molto insistenti, tanto è vero che gli attori protagonisti, molto spesso, hanno dovuto smentire la loro unione. “È solo business”, aveva detto la Gaga. Ma comunque la vita di entrambi è stata segnata. Poco dopo la cerimonia degli Oscar, e dopo quella bellissima performance di Shallow, Bradley Cooper ha informato la stampa che la sua relazione con la Shayk era finita.

E tutti hanno pensato che la rottura era dovuta proprio alla presenza di Lady Gaga. L’artista, però, in quel periodo era legata al manager Christian Carino, una relazione naufragata qualche mese dopo. Un mistero dunque, degno di un film di Agatha Christie, che ha fatto alzare ancor di più le quotazioni del film. Le critiche più feroci, però, sono state rivolte proprio a Lady Gaga. Alcuni dei suoi Little Monsters non hanno mai perdonato la svolta attoriale che ha intrapreso la cantante. Secondo alcuni, la Germanotta non sarebbe in grado di portare ruoli di grande impatto sullo schermo, proponendo solo ed esclusivamente l’immagine della ragazza di provincia che diventa una star. Criticata anche l’eccessiva emotività di Lady Gaga, la quale ha vissuto il periodo di promozione del film come se fosse in una bolla, non riuscendo a contenere le sue emozioni. Ha pianto spesso di fronte al pubblico e, questo atteggiamento a lungo andare, ha fatto indignare i fan. Conscia però del successo ottenuto, Lady Gaga ha veleggiato alto. Il suo album "Chromatica" ad oggi è un successo planetario. Di Bradley Cooper, invece, si sono perse le tracce. Si dice che l’attore, dopo la separazione pacifica con la sua ex, si sia rintanato in un appartamento di New York per sfuggire da altri gossip.

Prima di Lady Gaga c’era… Beyoncé

A Star is Born è un film che ha avuto diversi problemi, soprattutto nel cercare la protagonista giusta e il regista giusto. È stato annunciato nel 2011 e la Warner Bros. all’epoca aveva chiesto che il film fosse diretto da Clint Eastwood. E si pensava inoltre a Beyoncé come protagonista. Ma tutto si è tramutato in un nulla di fatto. Il progetto è passato tra le mani di Tom Cruise, visto che in molti lo hanno apprezzato nel musical di Rock of Ages, ma l’attore ha rifiutato la parte. Anche Beyoncé aveva rifiutato, dato che non sarebbe stata in grado di conciliare le riprese con la sua vita privata. Per anni il film è stato dimenticato dalle major, quando nel 2015, Bradley Cooper si è fatto avanti come regista e Lady Gaga è stata scelta come attrice protagonista. Le riprese sono iniziate nell’aprile del 2017. E oltre a firmare la regia, Cooper è stato anche sceneggiatore e produttore.

Un film senza limiti

Una storia così convenzionale non ha di certo impedito ad A Star Is Born di imporsi come un fenomeno di costume. Solo negli Stati Uniti ha incassato più di 215 milioni di dollari. Nel mondo ha sfiorato i 435 milioni. Descritto come una “favola disperata e amabile”, il musical ha sedotto soprattutto la critica durante la premiere che si è svolta all’edizione numero 75 del Festival del Cinema di Venezia. Ha vinto un Premio Oscar come Miglior Colonna sonora originale (e tanti altri riconoscimenti) e l’album è stato per 5 volte alla numero uno della Billboard top 200.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.