La nuova serie Rai con Vittoria Puccini

Un drama poliziesco che racconta le insidie del web. Vittoria Puccini è il vice-questore Zonin in Non mi lasciare, nuova fiction Rai

La nuova serie Rai con Vittoria Puccini

Amata per la sua iconica bellezza e per le doti da attrice poliedrica, a oggi Vittoria Puccini è una tra le donne di spettacolo più apprezzate del piccolo e del grande schermo. Divisa tra cinema e tv, torna a recitare in una fiction di Rai Uno, in onda dal 10 gennaio per 4 prime serate. Dopo il grande successo de La Fuggitiva (di cui si vocifera che presto ci sarà anche una seconda stagione), la Puccini questa volta si cimenta in un dramma poliziesco intitolato Non mi lasciare. Ambientata tra i lugubri ma suggestivi canali della città di Venezia, la fiction della Rai racconta il mondo delle forze dell’ordine tra crimini e omicidi efferati.

Di cosa parla la nuova fiction di Rai Uno

Vittoria Puccini in Non mi lasciare interpreta Elena Zonin. Lei è il vice-questione del CNCPO (Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online), incaricata di risolvere reati informatici che riguardano i minori. Il primo episodio proietta lo spettatore fin da subito al centro dell’azione. La serie si apre con la morte di Gilberto Ballarin, un ragazzo il cui cadavere viene trovato tra le acque torbide ella laguna di Venezia.

Il vice-questore viene incaricato di seguire il caso. A primo impatto, la donna ipotizza che il ragazzo sia stato rapito, ma ancora non si conoscono le motivazioni. Sembra, però, che la morte del giovane sia legata a un rete di pedofili su cui Elena stava indagando da tempo. Non è da sola nelle sue crociate in difesa della giustizia. Con lei ci sarà anche il vice-questore aggiunto Daniele Vianello (Alessandro Roia), che è sposato con Giulia (Sarah Felberbaum), migliore amica di Elena ai tempi del liceo.

Vittotia Puccini, vice-questione meticoloso dal passato tormentato

La serie getta uno sguardo molto sincero alle insidie e alle trappole che si nascondono all’interno della ragnatela del web. Storia vere, che raccontano il lato oscuro di internet e del mondo dei social. Una storia di grande impatto resa tale grazie alla bravura di Vittoria Puccini, splendida nel ruolo di una meticolosa poliziotta che deve fare i conti con un passato tormentato e un’ossessione che si porta dietro fin da ragazzina.

Non mi lasciare parte con il piede giusto, e si prospetta essere un nuovo successo per Rai Uno dopo Un Professore e Blanka. Le prime due puntate, oltre che sulla rete ammiraglia della Rai, sono disponibili in streaming su Raiplay e on demand dall’11 gennaio. Sono previste 4 episodi da 100 minuti ciascuno, in onda ogni lunedì.

Commenti