L'infermiera di Maradona: "È stato Diego ad allontanare i medici"

Parla l'avvocato dell'infermiera di Maradona, una figura con molti lati oscura vicina al campione fino alla sua morte. Spunta ora un documento inedito

L'infermiera di Maradona: "È stato Diego ad allontanare i medici"

Come era lo stato di salute di Maradona poco prima della sua scomparsa? Chi c’era insieme a Diego e perché l’infermiera che doveva curarlo è stata allontanata? Ci sono video, immagini e dichiarazioni contrastati sugli ultimi giorni del grande campione di calcio ed è quello che si cerca di capire questa sera a “Live non è la d’Urso” alla presenza del figlio Diego, ma anche dell’avvocato dell’infermiera Gisela Madrid, il paramedico che sarebbe stato vicino a Maradona durante le ultime ore della sua vita.

La cosa certa è che negli ultimi video che ritraggono Diego ancora in vita, nonostante lo stato di saluto estremamente cagionevole dopo l'intervento alla testa, lui aveva sempre in mano un bicchiere di vino, cosa incomprensibile che lascia molti dubbi. Tornando all’infermiera, sono tanti i misteri su questa figura molto vicina al campione che avrebbe dovuto curarlo dopo l’intervento. È stata proprio lei, secondo dichiarazioni spontanee, ad aver trovato il corpo e avergli praticato la respirazione bocca a bocca.

Queste parole pero sono state da lei stessa ritrattate dopo poche ore. Il sospetto è che questa donna conosca una terribile verità che non può essere dichiarata. Proprio per questo la presenza in studio del legale della donna con un documento inedito. Una dichiarazione che spiega come fosse stato proprio Maradona ad allontanare tutti dal suo capezzale.

Dobbiamo pensare a lui come ad un paziente schiavo di una dipendenza - racconta l’avvocato - con la volontà di poter decidere cosa fare”. In questo foglio scritto di proprio pugno, l’infermiera racconta come qualche giorno prima aveva somministrato a Diego un farmaco con una nuova indicazione da parte della psichiatra. “Il paziente - scrive - cade dalla sua stessa altezza senza perdere conoscenza e sbattendo la parte destra della testa. Al tentativo di essere osservato da uno psichiatra chiede a tutti di ritirarsi e andare via non consentendo il controllo delle sue funzioni vitali".

Una dichiarazione firmata che in qualche modo spiega e racconta quali fossero state le ultime volontà di Maradona e il suo desiderio di non avere più nessuno al suo capezzale, soprattutto i medici. “Con questa scrittura - continua l’avvocato - possiamo vedere che Maradona era solo perché lui stesso aveva mandato via tutti. Dopo l’operazione era stato dimesso ma in realtà avrebbe dovuto essere assistito 24 ore su 24”.

In studio, però, ci sono pareri discordanti. Tra gli ospiti c'è l'ex calciatore Fulvio Collovati che sostiene sia stata presa la decisione quasi di farlo morire: "Non è possibile che i medici lo abbiamo lasciato solo sapendo in che condizioni si trovava". Ma Diego, il figlio italiano di Maradona, e sua madre, Cristiana Sinagra, sono di opinione diversa. "Non credo assolutamente che ci sia stata questa volontà. Queste sono notizie che arrivano dall'Argentina", racconta la donna. "Ci sono cose - dice invece il figlio - che non si comprendono semplicemente. Io sono qui e difendo la mia famiglia. Noi ad esempio abbiamo sempre cercato di soddisfare la volontà di mio padre".

Commenti

Grazie per il tuo commento