Un gesto fa scoppiare la bufera Cosa è successo dopo il derby

L'Inter si sta ancora leccando le ferite dopo aver perso il derby, il Milan sta invece ancora festeggiando. Il dito medio di Calabria, però, rischia la prova tv e una squalifica

"Chi vince festeggia, chi perde spiega", sono queste le parole pronunciate da Stefano Pioli al termine dell'infuocato derby Inter-Milan che ha visto la vittoria dei rossoneri per 2-1. La Stracittadina è già andata in archivio e dalla sponda nerazzurra nessuno o quasi ha proferito parola dopo la sconfitta mentre dalla sponda rossonera si sta festeggiando in lungo e in largo, come è giusto che sia dopo aver visto un derby così importante.

Il gesto che farà discutere

Al triplice fischio dell'arbitro Mariani è esplosa la gioia in campo con tutti i calciatori del Milan abbracciati per festeggiare con Davide Calabria che si è reso protagonista di un brutto gesto che potrebbe anche costargli una squalifica. Se la Procura Federale o i componenti della terna arbitrale dovessero aver visto il dito medio del terzino rossonero diretto presumibilmente in direzione di qualche tifoso dell'Inter allora il Giudice Sportivo potrebbe prenderlo in esame ma non prima di domani tramite la prova tv.

Calabria, canterano del Milan e rossonero purosangue, aveva già mostrato tutta la sua grinta prima del match contro l'Inter postando sui social la foto dei tifosi del Diavolo che avevano scortato il pullman in scooter fino allo stadio Meazza: "Rosso come il fuoco. Nero come la paura che incuteremo nei nostri avversari. Questo è il Milan"

Il Milan stuzzica Lukaku

Ibrahimovic ha postato la foto con un leone famelico al termine del derby e questo ha scatenato i social con lo svedese che ha poi rincarato la dose: "Milano non ha mai avuto un Re ma ha un solo Dio", le parole irriverenti del fuoriclasse di Malmo. Non solo, perché anche il club ha punto Romelu Lukaku sul suo profilo Instagram con la foto di Ibra corredato dalla seguente didascalia: "Ci può essere un solo re", giusto per smentire il belga che a febbraio aveva postato una sua foto festante dopo il derby vinto per 4-2 in rimonta con la didascalia: "Milano ha un nuovo re". Schermaglie da derby che stanno rendendo ancora più pepato il post di questa bellissima ed equilibrata stracittadina milanese.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

caren

Lun, 19/10/2020 - 12:41

Ma quale bellissima ed equilibrata stracittadina milanese. Fra messaggi inutili di nuove regalità e foto provocatorie su Instagram, non è calcio, non è sport, non è divertimento.

CATTIVIPENSIERI

Lun, 19/10/2020 - 14:50

Da tiepido milanista, amo sports più veri del calcio, mi scandalizza maggiormente l'abbraccio, dati periodo covid e contagi. Va bene la felicità, ma le distanze andrebbero rispettate. Sempre. Per gli abbracci ci sarà tempo nel derby di ritorno, dopo il vaccino e dopo l'ennesima doppietta di Ibra.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Lun, 19/10/2020 - 15:44

In medio stat virtus.

frabelli1

Lun, 19/10/2020 - 15:56

@caren È il derby! Oppure non ne hai mai seguito uno.

caren

Lun, 19/10/2020 - 17:35

Ne ho visti parecchi dal vivo, frabelli. Rimane ferma la mia tesi del calcio, come di qualsiasi altra attività umana, basata essenzialmente sulla concretezza espressa "sul campo", e non di futili sfottò che non portano da nessuna parte. Poi, che si vinca o si perda, è un altro discorso. Saluti.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 19/10/2020 - 18:11

caren: da che il mondo è mondo gli sfottò, le polemiche infinite e le recriminazioni sono parte integrante di ogni derby che si rispetti. L'importante è mantenersi nell'ambito della normale dialettica sportiva e possibilmente col sorriso sulle labbra.

Ritratto di guga

guga

Mer, 21/10/2020 - 13:53

Beh, Calabria per il Milan e' un po' scarsino, urge corso serale di.. etica sportiva!