"Il gol dopo 5’", "Ha parato..." Perché Pioli non convince più

Stefano Pioli ha cercato di trovare delle attenuanti alla pesante sconfitta subita dal Milan nel derby contro l'Inter. La sua squadra, però, balbetta ormai da qualche settimana e lui è l'uomo in meno di oggi

"Chi vince festeggia, chi perde spiega", disse così quattro mesi fa Stefano Pioli quando il suo Milan vinse per 2-1 il derby d'andata contro l'Inter di Antonio Conte. Dopo la roboante sconfitta per 3-0 nella stracittadina di ritorno, però, è toccato al tecnico del Diavolo dare spiegazioni: "Sicuramente ha pesato molto il gol subito dopo 5', nel primo tempo abbiamo fatto fatica a trovare il ritmo, tutto ciò che abbiamo messo nel secondo. Non siamo riusciti a fare gol nel nostro momento migliore quando meritavamo il pareggio. Handanovic era tanto tempo che non parava così tanto e così bene. La squadra ha messo in campo tutto, è stata una settimana difficile, ci rifaremo", questa la disamina del tecnico rossonero.

Partita a senso unico

"Sul secondo tempo della mia squadra non ho molto da dire, nel primo si poteva fare di più. Nel secondo tempo abbiamo avuto tante occasioni da gol", la visione della partita di un amareggiato Pioli. Il tecnico del Milan ha cercato di trovare delle attenuanti alla sua squadra per la bruciante e meritata sconfitta subita nel derby, ma il gol incassato dopo 5' e le due belle parate di Handanovic sul risultato di 0-1 non possono bastare. Il Milan, infatti, ormai da qualche settimana non è più la squadra fresca, aggressiva e cinica ammirata da giugno a dicembre: per questa ragione è lui l'uomo in meno di oggi.

Già da gennaio, infatti, le prestazioni del Diavolo sono calate vistosamente e anche i risultati non sono stati gli stessi. Dieci partite giocate tra campionato, coppa Italia ed Europa League tra il 3 gennaio e il 21 febbraio con un bilancio di cinque vittorie in campionato (solo tre nette contro Crotone, Torino e Cagliari con due sofferte contro Benevento e Bologna). Tre sconfitte contro Juventus, Spezia e Inter, una vittoria ai calci di rigore in Coppa Italia contro il Torino e una sconfitta nel derby di Coppa Italia contro l'Inter e un pareggio beffardo subito al 93' dalla Stella Rossa negli ottavi di finale di Europa League.

Ricompattare l'ambiente

Ora il compito difficile di Pioli sarà quello di cercare di ricompattare in fretta l'ambiente che sembra aver subito il colpo in queste ultime settimane: "La nostra forza è sempre stato l’equilibrio e credere nel nostro lavoro. Se un anno fa ci avessero detto che ora saremmo stati secondi in classifica tutti avremmo fatto i salti di gioia, ma ora non dobbiamo essere sereni. Sicuramente non dobbiamo dimenticarci del nostro percorso, questo ci deve insegnare che dobbiamo fare qualcosa in più. Dispiace per i tifosi ma la partita l’abbiamo fatta. il tentativo di rialzare la testa da parte di Pioli che ora dovrà essere bravo a rimettere sui binari giusti il Milan che ora deve guardarsi in maniera preoccupante le spalle con Atalanta, Lazio, Roma e Juventus che spingono sull'acceleratore per risalire la china.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

veromario

Lun, 22/02/2021 - 10:07

Non sa cosa rispondere e ha ragione il milan è in grosse difficoltà a perzo con lo spezia dove la fiorentina in bilico per la retrocessione a vinto tre a zero sicuramente ce bisogno di una bella strigliata .

Ritratto di JOLLY ROGER

JOLLY ROGER

Lun, 22/02/2021 - 10:14

In realtà non convince che una società in conclamato stato di insolvenza possa evitare il fallimento secondo le regole civilistiche ordinarie, come permettere che continui a partecipare al campionato aumentando i debiti. Solo in Italia.

Ritratto di Smax

Smax

Lun, 22/02/2021 - 10:38

Pioli già visto all’Inter. Parte bene poi quando le cose cominciano ad andare male non ci capisce più nulla.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Lun, 22/02/2021 - 11:01

@JOLLY ROGER: al posto suo mi preoccuperei più del fallimento del gioco della sua squadra che della momentanea insolvenza dell'Inter. I soldi si possono sempre trovare, il gioco e la fortuna avuta fino ad oggi dal Milan non si trovano più. Auguri per Roma, sempre che Ibra non confonda la Scala del calcio con quella di Via Filodrammatici.

Ritratto di lurabo

lurabo

Lun, 22/02/2021 - 11:15

@JOLLY ROGER solo perchè in italia l'inter può evitare il fallimento

Ritratto di lurabo

lurabo

Lun, 22/02/2021 - 11:16

ma quale uomo in meno, la realtà è che la benzina è finita

jaguar

Lun, 22/02/2021 - 11:20

Che Pioli non fosse un grande allenatore già si sapeva, però per esserlo serve anche una grande squadra e il Milan non lo è. Di questo passo il girone di ritorno sarà un incubo, peggio ancora se proseguono il cammino in coppa Uefa. Andrebbe di lusso arrivare tra le prime quattro ma poi per la Champions servono investimenti ingenti, con delle mezze cartucce non si va da nessuna parte.

Scurbatt

Lun, 22/02/2021 - 11:24

No rigori no punti

prochy

Lun, 22/02/2021 - 11:30

@jolly roger, lei, come molti altri milanisti, vi aggrappate da ieri ore 17.00 alla situazione finanziaria dell'Inter: se l'Inter avesse perso, questi discorsi non sapevate nemmeno esistessero. L'Inter risolverà presto il problema finanziario. Gli Zhang non capiranno tanto di calcio ma hanno molta dimestichezza con i soldi. La realtà che dovreste guardare meglio è la scarsità del Milan. Finora è stato a galla con un mix di bravura, rigorini, fortuna e Ibra. Almeno 2/3 di questi elementi vi stanno abbandonando (non durano mai in eterno) e siete nella m fino al collo....

Kupo

Lun, 22/02/2021 - 11:45

Ieri in campo c'era una squadra con un portiere...l'Inter, e c'era una squadra con donnarumma!

Ritratto di JOLLY ROGER

JOLLY ROGER

Lun, 22/02/2021 - 12:12

Rimane il fatto che la società Inter dovrebbe essere dichiarata fallita e secondo le regole anche sospesa dal campionato. Fare finta di comprare giocatori e non pagare le società di provenienza e neppure gli stipendi anche dal punto di vista sportivo e’ inaccettabile. Capisco che stavano per “comprare” anche Messi... Altro che doping finanziario qui si finisce oltre. Vediamo se finiscono.

Ritratto di Smax

Smax

Lun, 22/02/2021 - 12:32

@jolly. Primo. Solo dei pazzi farebbero fallire la società perdendo tutto per 200 milioni recuperabili. Secondo. I pagamenti sono stati spostati con l’accordo fgci. Terzo. L’unica cosa non chiara è da dove sono arrivati i soldi per acquisire il milan tant’è che lo stadio è bloccato perché non si ha risposta di chi è il milan.

ghorio

Lun, 22/02/2021 - 13:23

Non sono tifoso nè del Milan e nè dell'Inter, ma non mi pare che sia Pioli il problema del Milan. Semmai è la penuria di buoni attaccanti, salvo Ibra. Poi ieri la difesa ha fatto davvero acqua , incapace di contenere i contropiedi interisti.

jaguar

Lun, 22/02/2021 - 13:43

È inutile cercare scusanti, da milanista dico che il Milan è cotto e lo dimostrano le ultime partite. E oltre alla bollitura dobbiamo aggiungere la scarsezza di diversi giocatori. Quindi evitiamo di arrampicarci sugli specchi, una simile squadra non poteva durare al vertice tutto un campionato.

Ritratto di JOLLY ROGER

JOLLY ROGER

Lun, 22/02/2021 - 13:44

Se sposti i pagamenti pur con l’accordo di Dio e perché non hai i soldi e non li avevi quando hai comprato. Questo comportamento ha un solo nome. E lo sai. Per il resto, mi dispiacerebbe solo che per il decimo anno vincessero i torinesi a strisce, loro si che la sanno lunga su queste cose. Alla prossima.

Sacramento

Lun, 22/02/2021 - 14:46

Jolly Roger, si rilassi. Non vorrei che l'unico vicino alla bancarotta fosse lei

Sempreverde

Lun, 22/02/2021 - 16:01

Datevi da fare che forse arrivate davanti alla Vecchia al secondo posto in classifica.

alfonso cucitro

Lun, 22/02/2021 - 16:42

Ma Romagnoli ha firmato il patto che deve sempre giocare? Un pò di panchina non gli farebbe bene? Poi sarebbe opportuno dare fiducia agli undici titolari (squalifiche e problemi fisici permettendo) senza cambiare formazione ad ogni partita.

delio100

Lun, 22/02/2021 - 18:17

fino a oggi ha fatto dei miracoli fino a ieri sconosciuti nella sua carriera ,ma siccome ce sempre qualcuno che non si accontenta, adesso si pretende che cammini sull'acqua magari poggiandosi su un giocatore di 39 anni di indubbio talento ma che ormai ha dato tutto