L'Inter vuol battere anche l'effetto laguna

A Venezia non vince dal 1967. Inzaghi farà turnover: riposa Barella

L'Inter vuol battere anche l'effetto laguna

L'ultimo interista che in epoca recente si è trovato bene in laguna è stato Alvaro Recoba, l'attaccante uruguaiano che nel 1998, ceduto in prestito al Venezia dai nerazzurri, disputò forse la sua miglior stagione in Italia. Nello scontro diretto del Penzo del maggio 1999 «El Chino» giocò una partita devastante, entrando praticamente in tutti e tre i gol dei suoi in quel pomeriggio che certificò la salvezza della squadra del presidente (allora) Zamparini. Due assist a Volpi e Maniero poi il marchio di fabbrica, la punizione mancina perfetta: solo un rimbalzo sulla schiena del portiere Frey dopo aver colpito la traversa gli aveva impedito di mettere il suo nome sul tabellino, ma pazienza. Dopo quel 3-1 l'Inter è tornata a Venezia altre due volte senza mai vincere, sconfitta 1-0 e poi 1-1, il 27 febbraio del 2002, al momento l'ultimo precedente al Penzo tra i veneti e i nerazzurri, che in campionato a Venezia non vincono addirittura dall'aprile del 1967: 3-2, Mazzola-Corso-Bicicli, in panchina Helenio Herrera che è sepolto nel Cimitero di San Michele, nel capoluogo veneto. L'ultimo interista ad aver segnato in laguna è stato Christian Vieri.

Anche adesso i veneti vanno piuttosto bene, ma non ci sono nerazzurri in prestito in rosa quindi il rischio di un Recoba-bis non è contemplato. I ragazzi di Paolo Zanetti, una squadra costruita senza nomi altisonanti, ma seguendo molto le analisi statistiche, sono in un ottimo periodo di forma con 7 punti conquistati nelle ultime tre partite, esattamente come l'Inter. In casa in campionato il Venezia ha già steso la Fiorentina e la Roma, peraltro. L'idea di Simone Inzaghi, comunque, è di proseguire la striscia positiva dei suoi, che non perdono da un mese e mezzo, dal 3-1 subito contro la Lazio all'Olimpico. È probabile che il tecnico decida di effettuare un robusto turnover, con il turno settimanale alle porte e poia la sfida alla Roma di José Mourinho. Ancora fuori De Vrij, in difesa Ranocchia ha convinto e verrà confermato. Non è da escludere il riposo per Darmian e Perisic, anche se il croato sta benissimo (con Dumfries e Dimarco pronti a sistemarsi in fascia) e per l'inesauribile Barella: Gagliardini e Vecino tra gli indiziati per una maglia da titolare, visto che Vidal non è stato convocato. Il turnover toccherà anche l'attacco: il panchinato di giornata, seguendo le rotazioni, potrebbe essere Lautaro, dopo che lo sono stati Dzeko contro il Napoli e Correa in Champions.

Commenti