Lukaku, Ibrahimovic e i riti voodoo: il precedente che ha fatto scoppiare la rissa

La rissa sfiorata in campo tra lo svedese e l'attaccante dell'inter - per colpa di alcune frasi riferite ai riti voodoo - hanno acceso la curiosità sui social

Cosa c'entrano i riti voodoo con le offese che Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic si sono scambiati durante Inter - Milan? La rissa avvenuta in campo tra i due campioni durante l'ultimo derby della Madonnina tiene banco da ore e sui social non si parla di altro. A far scatenare i curiosi sono state le offese che il campione svedese ha rivolto all'interista parlando di riti voodoo.

Il tafferuglio tra i due campioni si è scatenato al 44' di gioco in seguito a un fallo di Romagnoli ai danni di Lukaku. L'attaccante dell'Inter si è lamentato vistosamente con l'arbitro, scagliandosi contro il capitano del Milan. L'attacco del calciatore belga, però, ha innescato la dura reazione di Zlatan Ibrahimovic che, avvicinatosi a muso duro a Lukaku, ha inveito in inglese: "Go to your voodoo shit, you little donkey. Go, go to your mom" ("Torna alla tua m... di voodoo, piccolo asino. Vai, vai da mamma"). La replica di Lukaku non si è fatta attendere ("Vuoi parlare di mia madre?"), i due si sono insultati a più riprese e sono dovuti intervenire anche i compagni di squadra dei due per evitare il peggio.

Ma alla fine di tutto a tenere banco sui social network è la storia dei riti voodoo e il motivo per il quale Ibra ha tirato in ballo la questione. Il precedente è legato al passato in comune dei due campioni. Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic hanno infatti militato insieme nelle fila del Manchester United. Tra i due non è mai corso buon sangue neppure quando giocavano insieme e sembra che proprio negli spogliatoi del Manchester sia diventata leggenda la storia del mancato rinnovo del contratto di Lukaku all'Everton "forzato" dalla madre, di origini congolesi.

All'epoca dei fatti - era il 2017 - il proprietario dell'Everton, Farhad Moshiri raccontò di come Lukaku avesse rifiutato il rinnovo contrattuale adducendo strane motivazioni legate ai riti voodoo e ai consigli della madre su presagi negativi: "Gli abbiamo offerto un accordo migliore del Chelsea e il suo agente è venuto a Finch Farm per firmare il contratto. Era lì, tutto era a posto, c'erano alcuni giornalisti fuori, poi durante la riunione Rom ha chiamato sua madre. Ha detto che era in pellegrinaggio in Africa o da qualche parte e aveva un voodoo e ha ricevuto il messaggio che doveva andare al Chelsea". Lukaku per la squadra del Chelsea in realtà non firmò e finì invece al Manchester insieme allo svedese che, a quanto pare, non ha dimenticato le bizzarre storie circolate negli spogliatoi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

giovanni235

Mer, 27/01/2021 - 13:50

Vorrei solo sapere se Lu Kaku è campano,pugliese o siciliano.Credo che LU KAKU sia l'espressione dialettale de "IL CACO",frutto molto buono.Qualcuno sa darmi una risposta nella quale il razzismo non c'entri per niente???

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 27/01/2021 - 15:41

Comunque brutta scena, e brutta provocazione ed insulti di Ibra.

Enricolatalpa

Mer, 27/01/2021 - 16:05

Ibrahimovic è un campione, non foss'altro di longevità calcistica. Detto questo, è, ed è sempre stato, un invasato rissoso provocatore, uso a stimolare la reazione di chiunque toccando i punti sensibili che ciascun essere umano non può che avere. Lukaku è semplicemente cascato nel tranello, ma la carriera dell'uno e dell'altro chiarisce la loro visione del mondo e, soprattutto, la loro origine socio-culturale.

ghorio

Mer, 27/01/2021 - 17:30

L'arbitro avrebbe dovuto espellerli tutti e due, invece di limitarsi ad ammonirli. E' Scandaloso che due professionisti, pagati in modo scandaloso si comportino così. Poi i calciatori dovrebbero essere rieducati, visto che in campo esagerano sempre nei comportamenti, compresi gli sputi a terra.