Il Milan? Presto sarà "stravolto" Che cosa cambierà a Milanello

Il Milan ha scelto Ralf Rangnick in vista della prossima stagione: resta ancora da capire se sarà in veste di allenatore o di direttore dell'area tecnica: in quel caso ci sarà l'addio a Maldini

Il Milan? Presto sarà "stravolto" Che cosa cambierà a Milanello

Il Milan si appresta a disputare questi ultimi 46 giorni di questa travagliata stagione 2019-2020 ma ad agosto sarà un vera e propria, l'ennesima, rivoluzione. Zlatan Ibrahimovic lascerà sicuramente i rossoneri dopo pochi mesi dal suo ingaggio voluto dal duo Zvonimir Boban-Paolo Maldini e con lui saluterà la compagnia anche l'attuale tecnico Stefano Pioli che non rientra nei piani della dirigenza del club di via Aldo Rossi con l'amministratore delegato Ivan Gazidis che ha già scelto da tempo il tedesco Ralf Rangnick, motivo della discordia in questi mesi in casa rossonera

Accordo raggiunto

Secondo quanto riporta Tuttosport l'accordo tra il Milan e Rangnick è ormai raggiunto con il tedesco ex Lipsia che nelle prossime ore dovrebbe incontrare Gordon Singer in persona per definire gli ultimi dettagli. Il 61enne sarà annunciato ad agosto, presumibilmente dopo il 2 agosto giorno della chiusura di questa tormentata stagione sportiva per via della pandemia da coronavirus.

Resta però ancora da capire quale sarà il ruolo di Rangnick: allenatore al posto di Pioli o responsabile dell'area tecnica al posto di Paolo Maldini che è ormai da tempo in bilico e che rischia di dover salutare anzitempo il Milan per la seconda volta dopo il 2009 che sancì la fine della sua carriera da calciatore. Inoltre, come ha ricordato Sportmediaset in queste ultime settimane, il tedesco sarebbe già a lavoro, ma a fari spenti per preparare la prossima stagione che dovrà essere quella del rilancio.

Una stagione complicata

Elliott sta pensando ad una rivoluzione per la prossima stagione con l'amministratore delegato Ivan Gazidis che ha scelto il nuovo corso in casa rossonera. Ora però ci sarà da portare a termine un campionato difficile in tutti i sensi: solo la qualificazione, possibilmente diretta, all'Europa League potrebbe rendere meno amara un'annata nata male con l'esonero di Marco Giampaolo dopo poche giornate. Pioli avrà l'arduo compito di conquistare un piazzamento europeo pur sapendo che non sarà più il prossimo allenatore del Milan.

Il nome suggestivo porta al giovanissimo Julian Nagelsmann, 32enne del Lipsia che sta incantando ormai da anni in Bundesliga: da capire se sarà un allenatore adatto per la Serie A. Non solo Maldini e Ibrahimovic, però, perché in bilico ci sono anche altri calciatori importanti come il portiere Gianluigi Donnarumma, in scadenza il 30 giugno del 2021, il capitano Alessio Romagnoli e l'esterno di spinta Theo Hernandez che potrebbero rappresentare dei problemi qualora non si riuscisse a qualifcarsi per la prossima edizione dell'Europa League. 12 finali per saperne di più sulle sorti di uno dei club più importanti e gloriosi del mondo che ha la necessità di tornare al più presto possibile ai fasti del passato.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti

Grazie per il tuo commento