La confessione choc dell'arbitro. Ecco la verità sul "gol di Muntari"

Il gol-non gol di Muntari in Milan-Juventus grida ancora vendetta. L'ex arbitro Tagliavento, fischietto di quella partita, ha ammesso: "Con il Var non avrei sbagliato"

La stagione 2011-2012 di Serie A è stata avvelenata dall'episodio arbitrale in Milan-Juventus. Muntari colpisce di testa, Buffon respinge la sfera ben oltre la linea di porta ma per il guardalinee e l'arbitro Paolo Tagliavento non è gol. La partita continua tra le vibranti proteste rossenere e terminerà sul punteggio di 1-1 frutto dei gol di Nocerino siglato al 14' e di Matri a sette minuti dalla fine. Il gol di Muntari avrebbe portato il Milan sul 2-0 chiudendo di fatto la partita in favore dei rossoneri che avrebbero fatto l'allungo decisivo per lo scudetto vinto poi dalla Juventus di Antonio Conte che diede il via al primo dei nove scudetti consecutivi.

La marcia indietro

L'arbitro di quella partita era l'esperto Paolo Tagliavento della sezione di Terni che oggi a distanza di otto anni e mezzo da quell'episodio incriminato ha ammesso l'errore ai microfoni dell'Avvenire: "Sono certo che il VAR mi avrebbe permesso di evitare i cinque più grandi errori della mia carriera, come il gol non assegnato a Muntari in Milan-Juventus", inizia così il commento dell'ex fischietto oggi dirigente della Ternana.

“Adesso sono assolutamente favorevole alla tecnologia in campo. Durante la fase di sperimentazione ero il più scettico fra i miei colleghi, poi mi sono bastati i primi 45′ di Inter-Fiorentina per capire cosa mi ero perso in tutti quegli anni. Se ne avessi beneficiato prim anche io... Oggi comprendo meglio la reazione dei calciatori quando protestano per l’errore arbitrale, mentre non capisco perché nel 2020 non si dia la possibilità agli arbitri di poter discutere e giustificare il loro operato a fine gara. Sarebbe utile, quanto meno ad abbassare i toni e a non creare mostri", questa la chiosa finale di Tagliavento.

C'è da dire che anche i calciatori non aiutarono arbitro e guardalinee in quell'occasione con Gigi Buffon che al termine del match ammise candidamente: "Non mi sono reso conto del gol di Muntari, ma in ogni caso non avrei aiutato l'arbitro".

Il tabellino di quella partita

Milan: Abbiati; Abate, Mexes, Thiago Silva, Antonini; Nocerino, Van Bommel, Muntari; Emanuelson (72' Ambrosini); Pato (46' El Shaarawy), Robinho (a disp. : Amelia, Bonera, Yepes, Zambrotta, Inzaghi). All. Allegri

Juventus: Buffon; Bonucci, Barzagli, Chiellini; Lichtsteiner, Marchisio, Pirlo, Vidal, Estigarribia (46' Pepe); Quagliarella (70' Matri), Borriello (54' Vucinic) (a disp. Storari, Caceres, Giaccherini, Del Piero). All. Conte

L'episodio incriminato

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio Colomba

Mar, 10/11/2020 - 10:15

Il Var? Per non vedere che la sfera è dentro oltre mezzo metro serve un cieco o qualcosa di peggio.

caren

Mar, 10/11/2020 - 11:40

A parte l'arbitro che, coperto dai giocatori, può anche non vedere bene ma, nella foto si vede il guardalinee quasi in linea perfetta con la porta, con la bandierina abbassata, il quale vede benissimo l'azione poichè non è coperto da nessuno. Lo dico senza alcuna insinuazione.

Klotz1960

Mar, 10/11/2020 - 14:29

Turone, Muntari, il rigore di Brady e annullamento del gol di Graziani che rubo' lo scudetto alla Fiorentina, il mancato rigore su Ronaldo in Inter Juve, Racalmuto in Roma Juve (1 gol di 1 metro in fuorigioco 1 rigore per fallo mezzo metro fuori area), Rocchi in Juve Roma, i due rigori in Juve Atalanta etc etc etc. Sono 40 anni che tutti gli errori decisivi sono SEMPRE a vantaggio della Juve. SEMPRE.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mar, 10/11/2020 - 14:32

Quel goal è rimasto sullo stomaco a molti . Vergognoso,antisportivo,truffaldino il comportamento di Buffon che ha perso una occasione per comportarsi da gentiluomo denunciando la verità, come vorrebbe apparire e come invece non è.

Indifferente

Mar, 10/11/2020 - 15:28

Un furto è un furto, anche se lo confessi 30 anni dopo. Buffon..be' il cognome aiuta a capirne il comportamento antisportivo.. E poi, cosa pretendiamo. Dai tempi di Agnelli la Juve pone e dispone (in Italia; all'estero fa sempre cilecca, a parte quando s'inventano una finale giocata per finta per tenner buono il pubblico e poi assegnano la coppa..). Inutile prendersela. La palla è rotonda e la Juve viene servita e riverita. Fa parte del gioco. Ps: quel guardalinee ha avuto una carriera folgorante, benefici extra-sportivi o solo una pacca sulla spalla?

ruggerobarretti

Mar, 10/11/2020 - 16:37

E che dire di quello che viene considerato il piu' grande calciatore di ogni epoca. Se Buffon e' stato antisportivo (come fosse l'unico), quel tizio che ancora oggi si vanta per aver segnato con un pugno come dovrebbe essere definito. Mi dispiace ma di questo mondo, riguardo la sportivita', salvo solo un soggetto: Paolo Di Canio. sara' un caso??

Gio84

Mar, 10/11/2020 - 16:51

Berlusconi, Moratti, Sensi è molti altri hanno venduto le loro società calcistiche quando non più in grado di sostenerle per problemi delle loro aziende. Nel caso della famiglia Agnelli, nelle varie crisi della Fiat, ci ha pensato lo Stato (cioè gli italiani) a salvarla e di conseguenza la Juventus mai venduta. È una squadra statale e non dovrebbe nemmeno partecipare al campionato, ma farne uno per conto proprio.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 10/11/2020 - 19:59

Wow! Che confessione CHOC, senza la quale saremmo tutti convinti che realmente non era gol!!!

yorkshire22

Mer, 11/11/2020 - 10:11

XRuggeroBarretti Ti riferisci al gol di Adriano con la maglia della società con gli scudetti di cartone, nel derby del 2008- 09 ? Anche in quel caso gli arbitri non hanno visto nulla. Quindi sono tutti della stessa pasta.