Taricone, l'affetto dei fan La Smutniak commossa: "Lui sente questo amore"

Tumulato il feretro di Pietro Taricone. "Ringrazio le persone dalle quali mi sta arrivando tanto dolore per la scomparsa di Pietro. So che lui ci sta guardando, e che sarà sempre con me. Lo so". Il dolore della nonna: "Amore, cosa mi hai fatto..."

Roma - Lacrime, commozione e sconcerto alle esequie private di Pietro Taricone, poi il feretro è stato trasferito a Trasacco, nella Marsica, in provincia dell'Aquila dove l'attore era nato e dove è stato tumulato. "Voglio ringraziare tutte le persone dalle quali mi sta arrivando tanto dolore per la scomparsa di Pietro. Sento che lui sarebbe così felice. So che lui ci sta guardando, e che sarà sempre con me. Lo so": così Kasia Smutniak racconta in lacrime il suo dolore poche ore dopo il funerale del compagno, Pietro. "Mi arrivano tanti messaggi e volevo davvero ringraziare tutti - aggiunge l’attrice -. Chiunque lo abbia conosciuto ha capito che era una persona speciale, era veramente unico. Lui - continua a fatica Kasia - era sempre molto riservato, sensibile e molto schietto. Io sono stata la più fortunata perché‚ l’ho avuto per otto anni tutto per me. Sono molto sorpresa dell’affetto e dell’amore di tanta gente, anche da persone che non mi sarei aspettata. Mi sta arrivando tutta questa forza. Mi sento veramente di dover ringraziare tutti". La loro figlia, Sophia, nata sei anni fa, non sa ancora nulla della morte del padre: "Era venuta con noi. Lei è sempre con noi - dice Kasia - ma grazie a Dio non ha visto niente, non si è resa conto di nulla. La preparerò io", conclude.

La tumulazione Erano presenti il papà ed il fratello Maurizio. La bara era stata lasciata in una cappella del cimitero dopo l’arrivo nella tarda serata di ieri. Tutti gli adempimenti sono stati compiuti oggi. Oltre al papà e al fratello per tutta la mattinata c’è stato un via vai continuo di cittadini di Trasacco, ma anche di altri paesi vicini per rendere l’ultimo omaggio a Taricone. 

Le lacrime della mamma Ha aspettato un momento di tranquillità, lontano dagli occhi indiscreti delle telecamere e dei fotografi, per piangere davanti alla tomba del figlio: la madre di Pietro Taricone è arrivata al cimitero di Trasacco alle 13.45 accompagnata dal marito e da altri parenti. Si è avvicinata in silenzio alla tomba di famiglia e poi è scoppiata in un pianto dirotto davanti alla foto del figlio. Vicino a lei, a consolarla, il marito. Dopo pochi minuti ha chiesto dove fosse la bara perchè non sapeva che era già stata tumulata nel loculo all’interno della tomba. Poco dopo è uscita dirigendosi alla tomba a fianco dove riposano i suoi genitori. In quel momento c’erano nel cimitero di Trasacco anche i produttori della prima edizione del "Grande Fratello" che hanno abbracciato la donna piangendo insieme a lei la scomparsa del giovane.  

La nonna: "Amore mio, cosa mi hai fatto..." La bara di Pietro Taricone è stata posizionata a qualche metro dall’ingresso esterno del cimitero di Trasacco: ad accoglierla l’anziana nonna che tra le lacrime è riuscita solo a dire "Pietro, amore mio, cosa mi hai fatto...". I presenti hanno reso omaggio alla bara con le forze dell’ordine che hanno cercato di far defluire in modo ordinato tutta la gente che voleva salutare e toccare la bara per l’ultima volta. Naturalmente tutti hanno abbracciato il padre e la madre, sorretti da alcuni parenti. Assente come previsto la compagna Kasia Smutniak. 

 

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.