Dieci prodotti tecnologici che vedremo nel 2021

Il prossimo sarà un anno ricco di novità tecnologiche: dai laptop con schermo pieghevole passando per i dispositivi indossabili, ecco cosa useremo nel 2021

Il settore della tecnologia è in continua innovazione e, nonostante i rallentamenti a cui si è assistito quest'anno per via della pandemia, anche il 2021 non farà differenza. Sono moltissimi i dispositivi che già promettono di essere i best seller dei prossimi 12 mesi, senza contare quelli che verranno svelati nel corso dell'anno.

Ma quali sono i dieci prodotti tecnologici che hanno le maggiori chances di affermarsi nel corso del 2021? Abbiamo provato a individuare le categorie - dalle console agli assistenti vocali, fino ai visori per la realtà aumentata - che nel prossimo anno probabilmente caratterizzeranno la nostra quotidianità.

Xbox X e Playstation 5

La sfida tra console nextgen si fa all'ultimo sangue quando si confrontano i mostri sacri come Xbox Series X e Playstation 5. Se l'ultima creatura di Microsoft potrebbe convincere maggiormente per il design, più compatto e minimalista, la proposta Sony sembra spingere maggiormente sulle performance.

Una freccia all'arco della console di Redmond è però la possibilità di vantare un hard disk interno più capiente e più facilmente espandibile rispetto a quello della rivale giapponese. La Playstation, dalla sua, risponde con un controller aptico esclusivo, chiamato Dual Sense, in grado di trasferire sensazioni tattili mai sperimentate prima su una console.

Sono comuni invece alcune caratteristiche hardware, a partire dal processore AMD e dai 16 Gb di Ram. I prezzi? Siamo intorno ai 500€ per l'Xbox Series X, ai 400€ per la Playstation 5 in versione Digital Edition, ossia senza possibilità di sfruttare dischi ottici. La console di Sony con lettore ottico Ultra HD Blu-ray costa anch'essa circa 500€. Un vero dilemma per i patiti del gaming.

MacBook M1 e PC con architettura ARM

La scelta di Apple di svincolarsi da Intel per utilizzare un proprio processore con architettura ARM, ha già partorito copiosi frutti: MacBook Air, MacBook Pro da 13 pollici e Mac Mini. Nel corso del 2021, l'azienda californiana potrebbe rimpolpare la famiglia con altri tre dispositivi: MacBook Pro con schermi da 14 e 16 pollici, che dovrebbero debuttare con un design innovativo, iMac da 24 pollici e Mac Pro.

Microsoft, dal canto suo, starebbe pensando di utilizzare un processore proprietario, sempre con architettura Arm, per alimentare la nuova stirpe dei Surface, dopo aver collaborato di recente con Qualcomm. Samsung invece, già durante la scorsa primavera, aveva presentato il Galaxy Book S, laptop ad alte prestazioni basato su un processore Arm Qualcomm.

Laptop con schermi pieghevoli

Se il 2020 è stata la volta degli smartphone, il 2021 potrebbe essere foriero di PC con schermo pieghevole, con Microsoft e Intel a fare da apripista. Dopo il pioniere Lenovo, che ha lanciato il suo Thinkpad X1 Fold a settembre 2020 (con prezzi a partire da 2.859 €), il pubblico sembra ormai maturo per questa nuova generazione di dispositivi. Il laptop cinese si dimostra all'avanguardia non solo perché può essere ripiegato come un libro, ma anche per il peso inferiore a 1 kg, che ne favorisce ulteriormente la trasportabilità.

Dispositivi indossabili con misurazione dell'ossigeno

Con la diffusione del Covid-19, la misurazione della percentuale di molecole di ossigeno legate all'emoglobina nel sangue è diventata una necessità, soddisfatta dal saturimetro. Una versione hi-tech della funzionalità di questo dispositivo medico è sempre più di frequente integrata negli smartwatch.

Tra i prodotti di punta, Apple Watch Series 6 è sicuramente il più noto e anche il più costoso, posizionandosi al di sopra dei 450€ di listino. Lo smartwatch della mela morsicata si presenta con sei innovative funzionalità tra cui il monitoraggio del sonno, un rilevatore per il lavaggio mani, un sofisticato sensore a infrarossi per la misurazione della saturazione di ossigeno nel sangue e l'elettrocardiogramma integrato.

L'Honor Magic Watch 2 si contraddistingue invece per un peso ridotto e un design dallo stile classico, simile a quello di un orologio tradizionale, con cassa da 42 o 46 millimetri di diametro. Oltre alla funzione saturimetro, questo smartwatch è dotato di Gps e sistema di monitoraggio del sonno. Grazie alla presenza di uno speaker integrato e di auricolari bluetooth, l'Honor può essere usato anche per rispondere alle chiamate. I prezzi rimangono al di sotto dei 200€.

Assistenti vocali: Amazon Echo, Google Home e HomePod Mini

Vere e proprie incarnazioni della domotica, gli assistenti vocali sono sempre più diffusi nelle nostre case. "Alexa", "Ok Google" ed "Hey Siri" sono richiami a cui dovremo abituarci. Simili a maggiordomi virtuali, gli assistenti vocali sono animati da una intelligenza artificiale sempre più evoluta che, oltre al controllo vocale delle classiche funzioni di domotica come gestire l'illuminazione o la temperatura dell'appartamento, permette loro anche di cantare, di inserire l'antifurto, di controllare la diffusione della musica e le funzioni della tv.

Tra i più diffusi abbiamo la linea Amazon Echo, che ha di recente introdotto la possibilità di effettuare videochiamate di gruppo tramite Amazon Echo Show. Google risponde a sua volta con l'affinamento dell'intelligenza artificiale del Google Assistant, presente su oltre 500 milioni di dispositivi, compresi auto e smartphone. HomePod Mini di Apple potrebbe entrare presto nell'arena a gamba tesa, incorporando l'intelligenza artificiale di Siri dentro un altoparlante smart dal design curatissimo, come da tradizione per Cupertino, e in grado di fornire una qualità del suono eccellente.

Visori per la realtà aumentata

Sono passati diversi anni dai primi Google Glass, ma la realtà aumentata continua a essere il territorio di confine più coinvolgente e sfidante per i prodotti tecnologici. Attraverso la realtà aumenta è possibile sovrapporre un livello virtuale, normalmente composto da layer informativi, al mondo reale.

Una grande attesa è montata intorno ad ARKit di Apple, in cui Tim Cook ha dichiarato di credere moltissimo. L'anno cruciale per vedere gli Apple Glass, forse dotati di un visore ad alta definizione e con l'integrazione di Siri, dovrebbe però essere il 2022. Non si esclude una collaborazione con un partner di eccellenza, come Sony.

Router Wifi 6

Il WiFi 6 (802.11ax) è il nuovo standard di trasmissione per le reti wireless, con cui i dispositivi elettronici possono connettersi tra loro e alla rete internet. La tecnologia che sta alla base del Wifi 6 non è solo più performante di quella del suo predecessore WiFi 5 (802.11ac), con velocità teoriche fino a 9.6 Gbps contro i precedenti 5.4Gbps, ma garantisce anche di congestionare meno la rete, di consumare meno elettricità e di supportare un numero superiore di dispositivi client. Asus e Netgear hanno già sviluppato e immesso sul mercato eccellenti router compatibili con il nuovo standard.

Retrocomputing con Pc Amiga e Raspberry Pi400

Una tendenza del 2021 sarà il retrocomputing, ovvero il ritorno alle console stile Arcade degli anni’80. Il pc Amiga, probabilmente nel formato mini, sarà un must per i nostalgici dei videogame. Il dispositivo dovrebbe essere dotato di emulatore così da permettere di caricare titoli storici quali "Lemmings", oltre a classiche saghe come quella di "Syndacate" e "The Secret of Monkey Island".

Andranno forte anche i mini-pc in grado di emulare vecchi giochi, come il Raspberry Pi 400. A meno di 80€ ci si porta a casa una tastiera che contiene un vero e proprio computer, con 4GB di Ram e processore ARM quadcore a 1.8 GHz di frequenza. Per iniziare basta collegare mouse, alimentatore, monitor e il gioco è fatto.

Router 5G al posto della linea fissa

Il 2021 potrebbe essere l'anno in cui router 5G, di dimensioni ridotte e facilmente trasportabili, soppianteranno quelli casalinghi, collegati all'ADSL o alla fibra ottica. Questa innovazione nel nostro modo di connetterci, in mobilità e a casa, sarà però strettamente correlata allo sviluppo delle infrastrutture di rete 5G.

Solo se la tecnologia sarà sufficientemente matura si raggiungeranno un aumento dell'affidabilità, un miglioramento della portata e un incremento della copertura, che insieme una transizione pressoché completa allo standard Wifi 6, renderanno i router 5G un'alternativa concreta alla linea fissa.

Starlink per una connessione internet ovunque

Starlink, divisione di SpaceX, è un progetto di Elon Musk per consentire una connettività via satellite a banda larga anche in zone rurali o impervie, non raggiunte dalla fibra ottica. Tramite la messa in orbita di una costellazione di satelliti, a circa 550km di quota, sarà possibile garantire una connessione alla rete rapida, a bassa latenza, con la possibilità di fruire servizi real-time a chiunque disponga di un apposito kit.

Il sistema di ricezione sarà composto da una parabola, che fungerà da terminale per connettersi ai satelliti e da un router WiFi. Il progetto dovrebbe essere disponibile in Europa a partire da febbraio del prossimo anno, sempreché il magnate statunitense ottenga l'approvazione in ogni singolo paese Ue.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.