Starlink in Italia: Internet arriva dallo spazio

Starlink potrebbe presto arrivare nel nostro Paese: il gruppo di Elon Musk ha infatti registrato la sua filiale italiana, in futuro banda larga per tutti grazie a satelliti di ultima generazione

L’eccentrico imprenditore sudafricano Elon Musk potrebbe continuare a far parlare molto di sé, presto anche in Italia. L’azienda Starlink, di proprietà del magnate di Tesla, avrebbe aperto lo scorso 15 dicembre una succursale italiana, la Starlink Italy srl. Nonostante la società italiana sia ancora priva di codice Ateco e risulti inattiva, è più che ragionevole ritenere che sia stata costituita per proporre il sistema di connessione satellitare in banda ultra-larga anche nel nostro Paese.

Notizie confortanti a questo riguardo si ricavano dall’attività e dall’oggetto sociale, che, secondo la visura camerale, sarebbero: “la conduzione, manutenzione e gestione di gateway costituite da antenne paraboliche e la relativa fornitura di servizi e/o reti di comunicazione elettronica via satellite, compresi i servizi di internet".

L’idea originaria di Musk è quella di creare un’infrastruttura tecnologica che - attraverso una fitta costellazione composta da migliaia di satelliti a bassa quota, parabole e router Wi-Fi dedicati - permetta di accedere a Internet anche da aree geografiche non cablate dalla fibra ottica. L’obiettivo finale sarebbe quello di ridurre così il digital divide, fornendo accesso ad alte prestazioni - circa 20 ms di ping per velocità oltre i 150 Mbit - a tutti.

L’annuncio dell’espansione del progetto Starlink e dello sbarco in Europa era stato dato su Twitter a novembre scorso, con l’annotazione che sarebbe stato necessario ottenere le autorizzazioni di ogni singolo Paese prima di procedere. Le tempistiche di avvio erano stimate tra il mese di febbraio e quello di marzo di quest’anno. Al momento, la capofila della divisione europea è la Starlink Holdings Netherlands BV, con sede in Olanda.

L’innovatività di Starlink, rispetto agli altri servizi di connessione ad Internet satellitare, risiede nella sua particolare tecnologia, che garantisce una bassa latenza e un'alta velocità, attualmente oltre i 150 Mbps in download. L’obiettivo è di raggiungere 1 Gbps a implementazione completata. Altre caratteristiche saranno una migliore fluidità nonché stabilità della connessione rispetto alle proposte satellitari a oggi disponibili. Proprio poiché i satelliti orbitano a bassa quota, non risentono delle limitazioni delle soluzioni geostazionarie.

Starlink è già presente negli Stati Uniti e in Canada, in versione beta, da ottobre 2020 e sembra aver raccolto un notevole consenso, tanto da aver ricevuto richieste di partecipazione da oltre 700.000 famiglie a stelle e strisce.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.