Vendemmia 2009: per Confcooperative sarà una delle migliori del decennio

Dal Trentino alla Sicilia si registrano quantità e qualità superiori rispetto all'anno scorso. Per il presidente di Fedagri Bruni bisogna tener duro in attesa della ripresa dei consumi a livello internazionale.

La vendemmia 2009 in Italia sarà una delle migliori degli ultimi dieci anni se non cambieranno le attuali condizioni climatiche, sarà una delle migliori degli ultimi dieci anni, secondo le previsioni di Fedagri. Ne è convinto Paolo Bruni, presidente di Fedagri-Confcooperative, che con le sue 423 cantine associate e 148mila soci viticoltori, vanta una produzione di 20 milioni di ettolitri, quasi la metà di tutto il vino che si produce in Italia.
Secondo Carlo Salvadori, direttore generale della cooperativa Agricoltori del Chianti Geografico di Gaiole in Chianti (Siena), i vigneti del Chianti presentano una vegetazione bella e rigogliosa, di ottima qualità e con una quantità superiore (+5%) alla vendemmia dello scorso anno. Dello stesso avviso Luca Rigotti, vice presidente del Gruppo Mezzocorona, una tra le più grandi cooperative vitivinicole del Trentino con asset produttivi anche in Toscana e Sicilia. Nel Trentino, rileva Rigotti, la vendemmia si presenta anticipata di 10-14 giorni per le uve chardonnay e pinot grigio, che inizieranno ad essere vendemmiate, se permarranno le attuali condizioni climatiche, tra il 18 ed il 20 agosto. Per quanto riguarda i vitigni rossi, ottima la qualità dei due autoctoni Marzemino e Teroldego che verranno vendemmiati nella prima settimana di settembre.
Nel sud Italia si registra una vendemmia in linea con i valori dello scorso anno. L'unico dato negativo (-10%) si registra in Sicilia per le uve chardonnay a causa di alcuni attacchi di oidio. Parola di Fabio Rizzoli, Amministratore delegato della cantina Feudo Arancio in provincia di Agrigento, che ha dato avvio alla vendemmia. Prevista invece a fine agosto e a metà settembre la vendemmia rispettivamente delle uve merlot e dei vitigni autoctoni. Rizzoli è tuttavia preoccupato «per l'attuale condizione di mercato che continua ad essere critica a causa della minore domanda internazionale.
Guarda oltre confine il Presidente di Fedagri-Confcooperative Paolo Bruni, secondo il quale la cooperazione vitivinicola italiana «dovrà continuare a fare sistema razionalizzando le poche risorse a disposizione per promuovere i vini del territorio nei mercati internazionali».

Mercati come la Germania, l'Inghilterra e gli Stati Uniti in cui la cooperazione vitivinicola italiana deve continuare ad investire in attesa della ripresa dei consumi che prevede «non arriverà prima della prossima tarda primavera».

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica