Attualità

Il meraki sovranista e Cristina D'Avena. Le parole della settimana

Parole di plastica e musica, la saga di Soumahoro, l'Unesco cancella la processione: troppo razzista, Trenitalia sciopera per la pace, ci salverà Cristina D'Avena, il paradosso del “meraki” sovranista

Il meraki sovranista, ci salverà Cristina D'Avena. Le parole della settimana

Proviamo a dare un po' di sapore poetico ai numeri che decretano il successo delle notizie su Google. Di seguito alcune delle notizie più cliccate della settimana rivisitate e corrette.

Parole di plastica e musica

È uscito Spotify Wrapped, il meccanismo che ci racconta le classifiche annuali della musica più ascoltata su Spotify. A livello globale sul podio due artisti su tre sono rapper (Bad Bunny e Drake), in Italia il vincitore assoluto è Sferaebbasta. Quello che scrive, giusto per citare un suo testo citabile “Nella tomba mi voglio portare soldi ed erba / Ma prima di andarci voglio uscire dalla merda”. I cuori delle persone continuano a spasimare per le parole che si fanno poesia e incontrano la musica. Ma il mercato discografico non sembra più capace di produrle.

La saga di Soumahoro

Sembra non avere fine la saga di Soumahoro, una storia più appassionante di una serie tv. Più i media cercano i contorni del mondo che ruota intorno al parlamentare della repubblica, più i confini si allargano, arricchendo la trama di particolari sempre più nuovi ed incredibili, che dipingono una realtà che nessuno poteva immaginare potesse esistere in Italia. O forse sì. Attendiamo i nuovi episodi della saga di Soumahoro. Magari si incontrerà con quella di Mark Caltagirone.

L'Unesco cancella la processione: troppo razzista

L'Unesco ha cancellato dalla lista dei suoi “patrimoni immateriali” la Ducasse d'Ath, una processione tradizionale belga che sin dal Medioevo celebra la vittoria di Davide su Golia. Il problema? Seguendo un'iconografia accettata per secoli uno dei personaggi rappresentati nella processione, “il selvaggio”, è nero. E quindi la processione è razzista. In questa follia collettiva in cui stiamo sprofondando chissà se sarà considerata tale anche la saga Soumahoro...

Trenitalia sciopera per la pace

E così anche Trenitalia ha scioperato. Scioperano per la mancanza di infrastrutture sufficienti, per i treni che si guastano, per i continui ritardi che tutti sperimentiamo? Certo che no. Scioperano per la pace e per le fonti rinnovabili. Per carità, due grandi valori, ma quand'è che invece di occuparsi di questo proveranno a fornire un servizio almeno accettabile?

Ci salverà Cristina D'Avena É uscito “40 – Il sogno continua” l'album con cui Cristina D'Avena celebra i suoi 40 anni di carriera. In un mondo che ha perso i punti di riferimento, in un'Italia che ascolta Sferaebbasta, possiamo almeno consolarci pensando che la nostra età dell'oro sopravvive fra le note semplici della cantante che non ha mai smesso di vederci tutti bambini. Cristina, salvaci tu.

Il paradosso del “meraki” sovranista

Il web si è incuriosito sulla parola “meraki”, usata da Giorgia Meloni per descrivere l'approccio che vorrebbe incarnare. Un termine che deriva dal turco ottomano “merak” e che in greco moderno significa “passione”, “entusiasmo”. Curioso come un premier come lei vada a pescare in lingue straniere parole che tutto sommato abbiamo in italiano (c'è forse una parola più bella di “entusiasmo”, “avere la divinità dentro”?). Magari voleva solo fare poesia e creare il paradosso del meraki sovranista.

Commenti