Blitz nel fortino del degrado e dell’abusivismo

Cinquanta agenti della Polizia municipale sono entrati ieri in via Clitumno 11, per smantellare uno dei «fortini del degrado e dell’abusivismo». Muri pericolanti, fogne abusive, cumuli di spazzatura, deiezioni animali, tetti semidiroccati, un appartamento incendiato. Era questo il quadro che a metà luglio si era presentato all’assessore regionale Stefano Maullu nel corso di un sopralluogo: «Una situazione che rasenta l’impensabile» aveva detto. Dopo quel sopralluogo, dopo le richieste d’intervento dell’assessorato e le iniziative del vicesindaco Riccardo De Corato è arrivato l’intervento di ieri, a cui hanno partecipato anche Asl, Vigili del fuoco e A2A, che hanno ispezionato i 55 appartamenti dello stabile e altri venti locali, tra negozi e cantine. Dopo aver controllato i circa cento residenti, in gran parte stranieri, sono stati trovati e accompagnati in centrale 11 clandestini, slavi, nordafricani e brasiliani.
Nei giorni scorsi gli agenti del comando di Zona 2 e del nucleo Decoro urbano avevano fatto alcuni sopralluoghi rilevando nello stabile degrado e grave insicurezza. Per evitare probabili incidenti la Polizia municipale ha deciso di intervenire: «L’operazione ha confermato una situazione ai limiti dell’emergenza - ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato -. Un grave degrado igienico-sanitario è stato riscontrato da agenti e Asl, con rifiuti e masserizie abbandonati nelle cantine e nelle parti comuni». Ma durante l’intervento sono stati verificati anche una serie di possibili rischi per la sicurezza dei residenti e dei vicini. Primo fra tutti il pericolo di incendio: c’erano allacci abusivi alle rete elettrica e del gas, con cavi e tubi a vista. Lo stabile era anche esposto al rischio di crolli interni per opere edilizie abusive, in particolare nelle cantine adibite ad appartamenti. Due abitazioni sono stati dichiarati inagibili. Gli agenti hanno inoltre controllato una ventina di motocicli per accettarne la proprietà e verificare che non siano il bottino di qualche furto. Nelle parti comuni sono stati trovati anche pezzi di biciclette. «Come per Santa Maria del Suffragio - ricorda De Corato - anche il blitz in via Clitumno rappresenta un atto di responsabilità per ripristinare la legalità ed evitare che accadessero tragedie». «La Polizia municipale - osserva il vicesindaco - denuncerà ogni abuso. Sono stati già segnalati all’autorità giudiziaria i clandestini trovati nello stabile». Per gli appartamenti in cui alloggiavano i clandestini scatteranno le dovute segnalazioni, anche per valutare il possibile sequestro degli alloggi ai fini della confisca e le eventuali denunce a carico dei proprietari per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
AlGia

Commenti